venerdì 29 giugno 2012

La favola sull'invenzione del protomaiale volante (il terzo capitolo, quello vero)



La struttura del DNA del protomaiale volante non ha la classica forma ad elica, ma è simile a quella di un cavatappi, la stessa che si è riscontrata in molti animali creati in laboratorio. E' come se volessero far uscire qualcosa. Il protosuino come l'elefante sceglie il luogo dove morire e intraprende anche un lungo viaggio per arrivarci. Fino a quando sono esistiti i grandi pachidermi i cimiteri dei protomaiali coincidevano con quelli degli elefanti. Nonostante fossero animali profondamente diversi nei cumuli cimiteriali comuni si è scoperto che i due animali avevano un osso identico, stesso peso, stessa grandezza : la prima vertebra cervicale. E' l'osso che abbraccia i pensieri quando salgono e quando scendono giù a informare gli altri organi.

Quando gli elefanti si estinsero gli studiosi osservarono in cielo alcuni esemplari di protomaiale di colore grigio e marroncino chiaro, altri con  piccole zanne che spuntavano dalla bocca e persino due-tre elementi con proboscidi della lunghezza di quasi mezzo metro.

Data l'impossibilità di qualsiasi accompiamento tra le due specie si pensò ad una mutazione. Invece era semplice solidarietà, vera compassione. Per comodità si progettava e si pensava tutto in mm, ma in cielo erano avanzati chilometri di emozioni.






Capitoli precedenti

19 commenti:

  1. ...a cavarsela. http://24.media.tumblr.com/tumblr_m68w32RcCF1qm2n62o1_1280.jpg

    RispondiElimina
  2. Ma ce ne saranno altri capitoli sui protomaiali? Mica sarà finita qui!
    E l'osso che abbraccia i pensieri è meraviglioso. :-)

    RispondiElimina
  3. ma quando, come e perchè si sono estinti gli elefanti? un mondo senza quegli adorabili testoni non lo voglio neanche immaginare, si saranno anche imparentati con i protomaiali ma non ho mai visto un protomaiale spaventato per un topo :(

    RispondiElimina
  4. ah dimenticavo Sister Evelyn è bellissima

    RispondiElimina
  5. Che figura surreale, ne vorrei vedere uno dal vivo... :)

    RispondiElimina
  6. Che romantica espressione di solidarietà!

    RispondiElimina
  7. l'osso che abbraccia i pensieri che accomuna i due esseri è splendido e commovente, rende unite crrature diversisime. Dovremmo sempre trovare quel qualcosa che ci rende vicini gli altri. Baci miaooooo

    RispondiElimina
  8. Davvero splendida l'immagine dell'osso che abbraccia i pensieri che salgono e scendono.
    Simpatica anche la canzone su Evelyn, ma più di tutto oggi mi piace il libro con l'onda.

    RispondiElimina
  9. Più che a forma di cavatappi, direi che il loro DNA è a forma di codino di protomaiale volante!

    RispondiElimina
  10. ne ho vedute tante da raccontar, giammai i protomaiali volar..ar...ar..
    Grande Andò

    RispondiElimina
  11. Buongiorno, mi sono svegliata benissimo oggi...spero anche i protomaiali, nonostante e malgrado il caldo..:-))

    RispondiElimina
  12. ...c'è un qualcosa di poetico nel loro esistere, no?

    RispondiElimina
  13. lo chiffon rosa le dona assai Giardi

    RispondiElimina
  14. a me fa tenerezza il protomaiale...

    RispondiElimina
  15. vorrei tanto essere un protomaiale volante!

    RispondiElimina
  16. Caro Jardy,
    forse siamo tutti dei piccoli, incredibili, astratti protomaialetti.:-P Siamo profondamente piccini picciò e con un'immensa voglia di volare e inseguire chissà cosa poi; ora sai anche a cosa è dovuta un po' della mia assenza.:-))
    Non manchi mai di infavolarmi il cuore, come dire che mi piacciono tanto le tue storie:-))
    Alla prossima puntata allora..mentre per me, sono un po' ovunque ma soprattutto qui:-))
    Grazie tante per i tuoi pensieri, che lasciano sempre il segno:-))
    Un abbraccio...volante^_^

    RispondiElimina
  17. vorrei essere un elefante, di quelli estinsti, così non dovrei più faticare per vivere, così sarei... estinta e felice!

    RispondiElimina
  18. L'osso e i chilometri.........fantastico!

    Z

    RispondiElimina