lunedì 12 aprile 2010

Il ritorno di Sett Seven nella TOP TEN




Titolo: Un uomo semplice
Titolo in inglese : He boar


Scrittore: Antonio Giardi
Uscita: in incognito
Numero: 1
Curiosità: all'interno un inalatore in omaggio



© Varano Editori


La nuova fantastica avventura dello spogliarellista affetto da una grave forma di allergia

Trama


Era la sua grande occasione ...

Sett Seven è riuscito finalmente ad ottenere un lavoro nel famoso night club di Monteroni d’Arbia la Las Vegas del senese e con “he boar" (rivisitazione brillante del successo di Shakira "she wolf") proverà a rilanciarsi.
Perché in passato Sett ballava e si spogliava con l’accompagnamento di musiche tratte da albums di De Gregori, Claudio Lolli e De Andrè.

Il suo agente ci aveva provato a farlo rinunciare.

Alcune clienti erano fuggite in lacrime dal locale ed erano corse ad allattare, altre cantavano a squarciagola con l’accendino in pugno, poche consumavano …
Il nuovo costume che riprendeva i colori del sottobosco e che si strappava tirando dei funghetti fatti di sughero era quasi pronto...

Quella sera sarebbe tornata Lara, la sua fans più accanita, accompagnanata dalla sua amica Sara entrambe con tanta voglia di far baldoria .
Eppoi aveva invitato Mara la sua insegnante di yoga ancora eccitata dalla sua ultima posizione in Uttanasana…

Quei tre nomi però erano fonte di disagio per Sett, soprattutto per la sua memoria a breve termine...


Come avrete sicuramente notato ho cambiato casa editrice : la Varano Editori sa valorizzare un autore. I tre cugini Varano lavorano per le tipografie Gorettiane che pubblicano solo biografie di martiri ed inoltre stanno allestendo l'unica biografia autorizzata di Gianni Letta. Riescono a nascondere le pagine dei romanzi nelle lastre di stampa dei Santi, mentre taglio e rilegatura vengono fatte dopo l’orario di lavoro. In qualche volume potreste trovare brani della storia di San Sebastiano, ma che importa : le copertine sono magnifiche !


31 commenti:

  1. Finalmente in classifica il rpimo romanzo della nuova serie ! Naturalmente tiene conto anche delle vendite nei super e iper mercati.

    Se l'inalatore non funziona i Varano pensano di sostituirlo coun uno spray ai propoli

    RispondiElimina
  2. Non vedo l'ora di leggerlo, la premessa è accattivante. Sopporterò per questo anche le storie di San Sebastiano, pensa!

    RispondiElimina
  3. Claudio Lolli??? Ma chi cacchio è?

    RispondiElimina
  4. Sei troppo forte Giardigno! ma anche tu come mia sorella dici I propoli, io ho sempre sentito La propoli.... :-)

    RispondiElimina
  5. Ah ah ah guarda un pò la tartaruga come si è trasformata...
    :-)

    RispondiElimina
  6. Che foto pazzesca! Mi ricorda certe conoscenze...
    Ma lo spediscono overseas?!

    RispondiElimina
  7. oddio all'idea dello spogiarello sulle note di Lolli mi sono cappottata, questo Sett Seven è un mito

    RispondiElimina
  8. weeeeeeeeeeeeeeee ciao antonio sono orbo però saluto come sempre

    RispondiElimina
  9. In un certo senso hai ragione .....se scopri la terza strada sarei grata se la indicassi anche a me .... :))))

    i miei post sono sempre brevi .....
    i tuoi sono sempre particolari a quanto leggo ....interessante ...

    a presto
    baci

    RispondiElimina
  10. attenti alle spine(di S. Sebastiano)dunque.
    Conosco quella posizione, ma mi ricordavo che si chiamava P-Uttanasana, chissà com'è, ora controllo.
    Beh è vero, considerando il range normale della MBT in 7-8 elementi, se cominci a ricordarti tutte le cosine delle tipe Mara Sara Lara capace che vai fuori range.
    Bene.

    RispondiElimina
  11. Io AMO Sett Seven...ma..dopo aver visto 'sta foto...giuro..non mangerò mai più il cotechino! ;-)

    RispondiElimina
  12. Un salutone di passaggio, anzi di passeggio!

    mirco

    RispondiElimina
  13. weeeeeeeeeeeeeeeeeeee buon di antonio sono ancota prbo ostiamento

    RispondiElimina
  14. Oddìo, Satt Seven, il porco ce l'ha pure nella pancia!
    Avvertiremo Tara, Cara, Farah, Zara e magari ci fò un saltino pur'io, perchè uno spogliarello sulle note di Lolli, potrebbe essere un'seperienza catatica...........

    RispondiElimina
  15. la foto e alquanto.. (@ @)
    .. ma caspiterina se mi mancava leggere i tuoi fantastici post
    ^ ______________ ^
    un caro saluto

    RispondiElimina
  16. MORTALE :)
    ne voglio una copia!

    RispondiElimina
  17. destinato a diventare un best seller NONOSTANTE la copertina!

    RispondiElimina
  18. Allora quell'alien che si intravede sotto la pelle della pancia E' un maiale. :)
    Sto provando ad immaginare uno spogliarello col sottofondo di "Ho visto degli zingari felici"...
    Surreale. :)

    RispondiElimina
  19. incuriosisce...da leggere
    Grazie per i due SBAG....ricambio

    RispondiElimina
  20. Antonio Giardi ...sei tu?
    Pensa la mia bravura col computer, io ti conosco come "giardino".
    Il romanzo pera intrigante.
    La foto è incredibile, nel link del mio blog, sembrava la testa di un alieno, invece scopro che è la foto di un tipo che si è mangiato un marziano.
    Ciao.

    RispondiElimina
  21. Caro Antonio,
    non ti offendere ma... la foto fà un pò impressione !!!
    Comunque, grazie della visita e buona domenica :-)
    Myriam

    RispondiElimina
  22. Brrrr, il resto non so, ma il primo impatto con la foto fa davvero senso!! O_o

    RispondiElimina
  23. davvero! Non se pò guardà!

    RispondiElimina
  24. Ma ciao! ahhaha...sorrido:)
    Domattina a Firenze.

    Lara

    RispondiElimina
  25. "He boar" è geniale!

    E uno spogliarellista maschile che si esibisce con l’accompagnamento di musiche tratte da albums di De Gregori, Claudio Lolli e De Andrè sarebbe assolutamente da vedere...

    ^____^

    RispondiElimina
  26. Surreali e smaglianti i tuoi incredibili post che raccontano la realtà più di quanto si immagini. Complimenti, onirico e prolifico romanziere!

    RispondiElimina