mercoledì 14 aprile 2010

Out on the weekend


Al concerto di Neil Young di Viareggio nel 1981 eravamo in cinque. Il più piccolo aveva 14 anni e il più grande non era ancora maggiorenne. Il cantautore era in quel periodo creativo che cantava col vocoder, sembrava l'avesse morso il cane di Rockets.

Le radio ci rattristavano con gli amoureux solitari di Lio e la solitudini di Nikka Costa. E ci sarebbero voluti più di vent'anni per riprendersi...

Arrivammo con 6/7 ore di anticipo, ma non eravamo i primi...
Al cancello i poliziotti ci scartarono i panini e aprirono tutte le lattine.
Prendemmo posto vicinissimi al palco; c'era un gran sole.

Durante quel lungo pomeriggio si avvicinò una ragazza con un grande cappello rosso e una costellazione infinita di lentiggini
“Avete una cartina?” ci chiese muovendo tutte le piccole stelle del viso.

Giorgio Giorgi detto "Fantasia" si alzò, per far vedere che, insomma, non era poi così bassino e rispose :
“No, siamo venuti in treno”

52 commenti:

  1. She's so fine, she's in my mind.
    I hear her callin'.

    I link al solito cercano di dare profondità

    RispondiElimina
  2. " no, siamo venuti in treno"... che tenerezza infinita :-D
    Non mi si carica il coniglione, che peccato non riesco a vederlo

    RispondiElimina
  3. certo che in quanti saremo a sapere dei pelatoni argentati di Lio e Nikka Costa senza dover vedere il link? ed in quanti canteremo Harvest?

    troppa nostalgia, decisamente fa male

    RispondiElimina
  4. Non sono qui per scrivere romanzi,/
    i miei tentativi li ho sbagliati tutti. /Sono adepta della poesia del momento, / dell'ispirazione selvaggia, / quella che viene da dentro / senza preavviso, / svegliando bei ricordi / facendomi felice. / Il passato può essere corretto con amore, / soffro di nostalgia e cerco la cura; / compro solo dischi vecchi / i nuovi li lascio invecchiare. / Spero che la musica possa sequestrare / un momento speciale
    Rosana Crispim da Costa

    RispondiElimina
  5. ... e allora andiamo di correzioni amorose, non so neppure se voglio essere curata

    RispondiElimina
  6. ciao "siamo venuti in treno" è la migliore battuta che abbia sentito da parecchio tempo.

    RispondiElimina
  7. Bello! Mi ricorda quando in IV ginnasio il figo di turno, mi chiese:" Hei quartina....firmi per l'erba libera?", ed io risposi: " Ma certo, a Milano c'è così poco verde!".
    Ah....beata innocenza.
    O beota?Ciao!Syl

    RispondiElimina
  8. dio che nostalgia mi hai messo addosso. io gli '80 me li son vissuti da bambino ma tutta quella musica mi è rimasta dentro per sempre, a metà strada fra le orecchie e il cuore, sulla mia spalla...

    RispondiElimina
  9. mitico neil...
    ancora in giro, a suonare cinque strumenti da solo...

    RispondiElimina
  10. Magari i ragazzi di oggi rispondessero così! Dov'è finita la fase normale della prima adolescenza?

    RispondiElimina
  11. P.S. Riesci SEMPRE a farmi ridere! :D

    RispondiElimina
  12. ^__^
    ciao zenzerino
    buon inizio settimana

    kicca

    RispondiElimina
  13. I ricordi son piccoli viaggi nel tempo, la bellezza che ridesta sensazioni...

    un caro saluto

    RispondiElimina
  14. weeeeeeeee buonmn inizio settimana antonio

    RispondiElimina
  15. macchè ancora orbo se si abrigano a farmi sti cavoli di occhiali faccio tempo a fare un incdente mi sa

    RispondiElimina
  16. Ahahahaha!

    Nikka Costa! Che ricordi! O.o

    RispondiElimina
  17. direi di no!!! grazie del passaggio e complimenti per il blog

    RispondiElimina
  18. La battuta finale è di quelle
    Perchè non è venuta a me?

    Appalusi!

    mirco

    RispondiElimina
  19. "...ci chiese muovendo tutte le piccole stelle del viso."
    Questa avrei voluto scriverla io!!!!

    RispondiElimina
  20. nikka costa e lio...potrei cantare senza andare a vedere il link! buona settimana!

    RispondiElimina
  21. Sometiiiiiimes I woooonders
    wheeeeeere I've beeeeeeeeen
    Who I am, do I fit iiiiiiiiin
    Make belivin' is hard alooooooone
    Out heeeeeere on my own
    ...lalala...
    SoMMeglio di Nikka,eh?
    Mr.Giardy..."FANTASIA" che si alza per far vedere che non era basso..già fa ridere, ma la risposta del treno..è da premio UMORISMO del SECOLO!

    Piccolo nota a margine:
    Uhm..io resto seduta..per non far vedere che non sono poi così altina! ;-)

    RispondiElimina
  22. beh, ma mica era colpa sua, quel nome.

    RispondiElimina
  23. Che bello essere testimoni della Storia!

    Per la cartina: un mio amico"Ah, si, aspetta!". E prese la mappa autostradale.
    Tu pensa che quell'anno De Andrè tenne un concerto memorabile a Sarzana!

    RispondiElimina
  24. una donna ferita è peggio di un killer professionista!!!
    mi piace il tuo post.....mi ricordo sia lio che nikka costa avevo solo 7 anni!!!

    RispondiElimina
  25. mi ricorda quella volta a bologna con patty smith..roba che si sono quasi fumati anche il prato dello stadio..
    la battuta mi ha fatto ridere moltissimo, mi pare di vedervi con i jeans un po' larghi sotto e la t-shirt figa, noi siamo venuti in treno...bellissimo jar..
    barche di carta

    http://www.youtube.com/watch?v=cMs3PCDM8Eg

    RispondiElimina
  26. scommetto che giorgio giorgi ora è ministro..

    RispondiElimina
  27. Pensa che io, da brava nostalgica, ho ancora degli LP del bravo Neil! ogni tanto me li risento sul vecchio stereo, con il cuore gonfio per i ricordi...
    La battuta della cartina e del treno è strepitosa!!! Solo tu ci sai dare questo...! :))

    RispondiElimina
  28. nell'81 io andavo a vedere Peter Principle dei Tuxedomoon sulla costa, forse Viareggio, forse Pisa. Gli X al Tenax, i Bauhaus. Harvest di Neil Young lo si ascoltava nei tardi 70.IL concerto per me fu quello di Melt di Peter Gabriel alle Cascine nel 1980, dove le percussioni Africane fecero la loro prima comparsa nelal musica pop. Gli hippies lasciavano il posto ai neo punk. Altra generazione, altra musica.

    RispondiElimina
  29. Perché?, sui treni non si fuma(va)?!?!?!?!?!

    RispondiElimina
  30. Bella battuta. Tenera e ingenua. :)

    RispondiElimina
  31. In poche righe hai saputo tracciare la storia di una generazione.
    Il tuo incipit strategico ha dato vita a ricordi personali di chi, in quella generazione, anagraficamene e per cultura, ci si ritrova.
    Ognuno di noi ci abbozza un suo ricordo personale ed ecco che, il tuo romanzo breve, diventa un voluminoso tomo.

    MEMOIRS
    Io, Marilena, me la sposo.
    Questa, la coincisa ma entusiastica, dichiarazione di matrimonio del mio ex marito, fatta all'interno della sua Renault 4, e con testimoni tutti quelli della nostra band di country metropolitano, dopo essersi fumato un cannone fantascientifico.
    Erano gli anni 80.
    Un bacio
    Marilena

    RispondiElimina
  32. Grazie per il complimento, ma ancora sono una goccia nell'oceano!!!

    RispondiElimina
  33. questi giovani di una volta fanno grande tenerezza ma non riesco a credere che ad ogni generazione i giovani peggiorino come isembra risultare dai racconti nostalgici che ognuno di noi fa dei propri tempi...
    marina

    RispondiElimina
  34. I commenti sono splendidi e non potranno che portare a nuovi romanzi clandestini e nuove copertine da selezionare con i cugini Varano.
    Speravo che i Dinosaur Jr stemperassero un po' l'aura nostalgica del post svecchiandolo un po'...

    "il passato può essere corretto con amore" non è sempre vero, ma facciamoci qualche segmento di felicità se possiamo prima di buttarci nel futuro quotidiano.

    RispondiElimina
  35. Che innocenza!
    Io sono un po' piu' giovane e la prima cartina l'ho vista tardi, molto tardi.
    Ma tu riesci a dare poesia a tutto.

    RispondiElimina
  36. Antonio, l'aura nostalgica è un pregio.
    E' la patina del tempo che conferisce ed autentica la veridicità di certi oggetti preziosi, offuscandone il brillio, ma esaltandone l'autenticità.
    Una cornice antica, tirata a lucido, perderebbe il suo fascino polveroso.
    Il brillio della lucidatura la renderebbe simile a tutte le altre.
    Un finto nuovo.
    Omologabile.
    La nostalgia, che non tramuta in rimpianto è, invece, quella dolce consapevolezza che rende unici, e preziosi i ricordi.
    Il tuo post è perfetto così come lo hai scritto :)
    Marilena

    RispondiElimina
  37. giorgio giorgi c'è ancora credo...che fà?com'è andata la sua vita?voglio sapere tutto di lui...:-))

    RispondiElimina
  38. <>
    AHAHAHAH, bellissima!

    Questo piccolo racconto mi è piaciuto molto :-)

    RispondiElimina
  39. Non so perchè, ma il commento prima mi è venuto mezzo cancellato... la battura che mi ha fatto ridere è: Giorgio Giorgi detto "Fantasia".
    Troppo carina ^___^

    RispondiElimina
  40. giardigno...come te nessuno MAI!!! Grazie delle risate che mi fai fare
    ciao

    RispondiElimina
  41. Ciao! Non posso fare a meno di commentare perchè quell'anno avevo già i biglietti per andarlo a vedere a Verona,ma ha circa un mese dalla fatidica data mi arriva la cartolina per fare la "Naja".Allora avevo 18 anni e suonavo un bel pò delle sue canzoni,e lo avrei visto per la prima volta.Invece niente non ho mai dimenticato quella storia.
    Grande Neil!!!!!!

    Ahahahaha divertente la storia della cartina.

    Ciao

    RispondiElimina
  42. i tuoi racconti mi piaciono..questo in particolare mi fa sorridere.io è meglio se non parlo di me in questo periodo...grazie dei commenti ciaaaaaaooooo

    RispondiElimina
  43. in quell'anno c'era:Bette Davis eyes, Tunnel of love e Every little thing she does is magic, ma anche Sarà perchè ti amo e Sharazan

    RispondiElimina
  44. A Pontedera un prete organizzó in un campetto sportivo un concerto di beneficienza. Ingresso 10.000 lire.

    Il programma, affisso in tutta la cittadina e in qualche stazione del treno limitrofa, annunciava I Fratelli di Soledad, I Gang e un "Artista a sorpresa".

    Ben presto si sparse la voce che la sorpresa era Ligabue, e su qualche manifesto, avvicinandosi al campo, lo avevano persino aggiunto col pennarello.

    Ció detto, il concerto... pieno di ragazzine vocianti. Si aspettava Ligabue, alla fine del concerto.

    Ma per problemi di orari del suddetto, Ligabue suonó a metá, fra i Fratelli e i Gang.
    Si presentó sul palco da solo, con la chitarra, e suonó umplugged le sue hit del momento (era al suo 2º album).

    Cosí, io e altri 6 disperati, che eravamo lí per ascoltare i Gang, e che eravamo rimasti sorpresi dalla vis dei Fratelli di Soledad, restammo soli a pogare allorchè tutte le ragazzine, finito il concerto del Liga, se ne andarono a casa.

    Non è che sei uno di quei sei?

    RispondiElimina
  45. No , ma ho avuto la fortuna di organizzare un concerto per Amnesty e contattai i GANG !!! Certo era il secolo scorso ...

    una disponibilità e una gentilezza uniche.

    al concerto però le vere star furono Edipo e il suo complesso" se riuscite a trovare qualcosa ascoltatelo !!!

    Grazie Vagamundo devo dire che ho sempre nutrito ambizione per la condizione di "disperato" e i migliori concerti li ho visti in condizioni "estreme" (vedi Jackson Brownwe sotto un diluvio - altro che after the deluge)

    RispondiElimina
  46. Che spettacolo!!! Direi che è superlativo, come sempre del resto!! E te lo dico io che, con questo post ho due cose in comune: il 1981, mio anno di nascita, e Viareggio, che come ben sai, è la mia città!!
    Sei un grande!!!

    RispondiElimina
  47. vele lo stesso essere così ingenui a trent'anni? :)

    RispondiElimina
  48. Ciao Giardigno! hahaha, "no, siamo venuti in treno" è bellissima! Pensa che io fino alla veneranda età di 18 anni ho creduto che "Maria" degli articolo31 parlasse di una ragazza! Bacio!!

    RispondiElimina