sabato 4 gennaio 2014

Il sommergibile di lenzuola (Bilanci)




ho sempre avuto questa sensazione, come quello che sente un oggetto quando non spediscono la garanzia... Perché gli oggetti hanno un'anima, le cose hanno i sensi, di certo non come i nostri, ma possono sentire.

Ho sempre creduto che nella mia memoria ci fosse già scritto il mio futuro, non tutto certo, ma una parte importante. Non ho mai capito perché tutti pensassero alla vita come un cerchio o gli dessero forma ellittica. Per me la vita ha la forma di una graffetta, di quelle che tengono uniti i fogli, ma non per sempre. Perché la vita non va spillata. Avete presente la forma della graffetta ? Un continuo ritorno di eventi: presente, passato e futuro si toccano. Puoi scegliere.

Quest'anno ho deciso che produrrò molta più CO2 del 2013 ed anche del 2012. Lo trovo inevitabile; voglio vivere di più, pensare profondamente e quindi sarà necessario produrre molta più CO2 dell'anno scorso, magari la potrei scambiare con qualcuno di voi che non ha le mie stesse intenzioni, magari mi metto d'accordo con qualcuno con la casa di fronte alla spiaggia pronto a darmi un bonus per le emissioni. Quelli con la casa di fronte alla spiaggia non ne hanno bisogno di pensare profondamente, gli viene facile.

Da piccolo mi apparecchiavo il letto per la notte. La mia scatola nera era una latta tonda di biscotti olandesi al burro. Sopra c'era disegnata un'alba sul mare, sull'orizzonte però potevi inventarti qualsiasi cosa. Per me l’alba ha sempre avuto quel riflesso e dietro il sole c'erano i biscotti larghi al burro. Ho sempre negato l’evidenza: immaginavo che un biscotto al burro col buco non può navigare come una ciambella. Gli oggetti però sanno pensare.

Quindi ti dico come investirò una buona parte della mia CO2: quest'anno cercherò la ricetta del biscotto al burro, biscotto navigabile però...




Capitolo Precedente 







Un grazie particolare a Zia Follia senza la quale questo capitolo non sarebbe mai nato

14 commenti:

  1. Io provo a farli navigare, ma dopo qualche secondo affondano :)
    Come si misurano le proprie emissioni di CO2? io son convinta di averne emesse troppe nel 2013...quest'anno devo abbassare i consumi.. :)

    RispondiElimina
  2. se nella mia memoria ci fosse scritto il mio futuro starei a cavallo senza neppure incrementare troppo le emissioni di CO2, da due mesi faccio biscotti al burro ho ovviato così li fornisco di zattera al momento di calarli nel tea

    RispondiElimina
  3. Giardi, mi hai messo in testa una bella immagine. La vita a forma di graffetta, me ne ricorderò.

    Un abbraccio e un buon anno

    RispondiElimina
  4. Assolutamente gli oggetti hanno un anima .. io ci parlo notoriamente .... e mi sa che pure la cosa del futuro nella nostra memoria ( che perciò è passato ) mi tenta moltissimo .... ne ho troppe prove. Miao

    RispondiElimina
  5. Anche gli oggeeti hanno un anima e, a volte, anche un cuore... di burro! Grande Giardigno!!!

    RispondiElimina
  6. ...oggetti!!!! La tastiera ha pure lei un'anima...dannata!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hanno il maligno queste tastiere... :-)

      Elimina
  7. Copione a una pagina sola, l'inutile graffetta agguantagas
    Menomale, tramonti all'alba e ci sono i biscotti

    RispondiElimina
  8. Gli oggetti hanno un anima, Antoine, e ne sono così profondamente convinta che di fatto, quando hanno terminato il loro corso, non li getto via ma li seppelisco.
    Muti di giorno, gli oggetti col buio si relazionano, cosicchè capto intere conversazioni fatte di sussurri e sospiri, anche parole grosse, e quelle le intuisco negli spostamenti dell'aria, da una stanza all'altra, quando le finestre sono chiuse e non sono quindi attribuibili alle correnti d'aria.
    Come quando dal ripostiglio sul terrazzo giungeva dentro la casa il richiamo, rauco e soffocato, dell'aspirapolvere, impaurita dal buio e dalla solitudine, cosicchè l'ho traslocata in un bugicattolo della cucina e d'allora ha smesso il suo lugubre SOS di naufrago, al sicuro tra la macchina del gas, materna e protettiva, e la lavatrice, rumorosa e burlona, grassa ballerina, specializzata in centrifughe tip tap.
    E il rampicante del giardino che a notte fonda, al chiaro della luna e alla luce dei lampioni, s'allungava fino al mio ultimo piano, per dichiarare il suo amore eterno alla timida piantina d'edera del mio terrazzo.
    Romeo, il nome del robusto e ardimentoso rampicante, e Giulietta, quello della piccola edera ancora in boccio.

    Potrei raccontarti, Antoine, di quando la mia pashmina ha tentato di strangolare il mio cappotto nuovo per incompatibilità di colore, o della combine messa in atto tra le mollette da bucato e i bigodini, per una evasione di massa, o le storie sconce che susssurra, con voce da ubriaco, il mio phon, o......

    "Perché gli oggetti hanno un'anima, le cose hanno i sensi, di certo non come i nostri, ma possono sentire."
    E farsi sentire.

    Vous nous avez raconté une histoire avec une âme
    Merveilleux
    Marlene

    RispondiElimina
  9. sulle emissioni di co2 ho dei dubbi.

    RispondiElimina
  10. Anche chi vive in montagna pensa profondamente facilmente. In ferie sono andata su a 1600m e il paradiso che ho trovato non puoi capire quanti trip mentali e pensieri profondi mi ha generato! ;-)

    RispondiElimina