martedì 8 gennaio 2013

juppiter - secondo capitolo



Quando ti guardo dormire divento creazionista, per il modo di chiudere le gambe, di buttare il braccio in alto sopra il cuscino mi fai capire che non tutti veniamo dal mare. Tu sei creatura dell'aria, un uccello, non una rondine da filo o un gabbiano da poeta, tu hai il coraggio dello storno. Il coraggio di occupare posti che non si pensano più, di dormire sopra alberi che si vergognano della città. Eri creatura d'aria e sei tornata.

Io sono animale di terra di quelli che non hanno mai provato a tornare al mare, mai scappato. Ho gli occhi di mia madre, i piedi del babbo, la stessa angolatura delle mani di uno zio che tassellava i cocomeri fuori stagione, la bocca di un nonno che cantava romanze sotto le finestre e non tornava mai a casa bagnato. Ho anche qualcosa, un pezzetto di qualcuno che nessuno in famiglia conosce, non è roba nostra e forse alla fine la dovrò pure rendere.

Il mio pediatra diceva che ero un falso magro, non ha mai capito in cosa consisteva la bugia, forse nel correre sempre, nel bruciare troppo, mi aveva trovato un soffio al cuore però non mi limitava nell'attività sportiva. Non era un soffio abbastanza potente per spengere le candeline sulla torta bastava appena a gonfiare una vela. E' stata la mia fortuna, per quelli come me che non scappano dalla terra, è l'unica maniera per avvicinarti.





 

21 commenti:

  1. la bocca di un nonno che cantava romanze sotto le finestre e non tornava mai a casa bagnato

    e di sicuro quel pezzetto di qualcuno che non si sa di chi sia è di un poeta non lo devi rendere se scrivi per noi cose come questa

    RispondiElimina
  2. la congrega della bugia è il nostro show

    RispondiElimina
  3. sono un uccello a cui hanno spezzato un a'la...bellissimo giardi, davvero bellissimo. baci ady

    RispondiElimina
  4. L'inizio di questa nuova avventura mi ha già rapita, forse perchè parla di uccelli, di terra e di mare..
    Lasciami camminare sulla riva, ancora un pò, con i piedi a mollo, in attesa di una nuova libertà...
    Un abbraccio, Giardi:-)))

    RispondiElimina
  5. Adorabili i falsi magri...

    Baci

    RispondiElimina
  6. Una donna uccello ed un uomo di terra, cosa c'è di più leggero e di più pesante ma, se uniti, di così perfetto?

    E' talmente bello questo tuo scritto, Antoine, che io ancora continuo a chiedermi: cosa ci fai tu in un blog e perchè non pubblichi?

    Il mio sogno sai quale sarebbe? metter su una piccola casa editrice, piccola davvero, "una casettina", e pubblicare senza scopo di lucro tutte le meraviglie che mi colpiscono nel vasto, variegato mondo di Blogosphere(forse, in un'altra vita, devo essere stata una mecenate! :)))
    Ci sarebbero così scrittori non ricchi e che non se la tirano......

    Tu, caro socio, saresti in assoluto il primo della mia selezionatissima lista :))))))

    Baci, da una donna d'antro.
    Marlene

    RispondiElimina
  7. E il mio inchino Giardy a quest'ennesimo tuo capolavoro!
    Non ci vogliono 100 pagine per esternare la bellezza e la sensibilità e..... basta un post. Il tuo!

    RispondiElimina
  8. Quando ti guardo dormire divento creazionista...cosa c'è di più romantico?

    RispondiElimina
  9. Anch'io sono di terra terra, e con gli aironi ho un rapporto da ipogeo

    RispondiElimina
  10. È da tanto che nn postavo e non ti leggevo! :-)
    Tu invece capolino da me lo hai sempre fatto.
    Son contenta che questo sia il primo brano che leggo dell'anno nuovo.
    Mi si è fissata in mente la visione di lei, nel sonno… un quadro, meraviglioso.

    RispondiElimina
  11. Pensa, anche a me il medico dice sempre che sono una falsa magra. Nel senso che, sì, sono magra, magrissima, ma comunque pare gli vada bene. "Volendo" dice "ti reggeresti comunque su se provassi a volare". bacio.

    RispondiElimina
  12. Buon week end srittore :)
    Quanto ti leggo rimango sempre più incantata da come scrivi !

    RispondiElimina
  13. no, mai scritto..
    ma grazie...

    grazie soprattutto per la presenza costante nel mio blog.


    AngS

    RispondiElimina
  14. Essere fatti da pezzetti d'altri: c'è chi se ne vergogna e chi ne è orgoglioso. E chi ci convive e basta. A volte è saper rubare, a volte è saper creare.

    RispondiElimina
  15. passa di qua e ti sfiora una donna che nn sta né in cielo né in terra...
    bacio

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Per gli esseri che possiedono coraggio di occupare posti che non si pensano più, tutto è possibile.
    Così come per quelli che possiedono la Poesia.
    Sicuramente voi due vi incontrate ogni giorno all'orizzonte.
    A presto Giardi

    RispondiElimina
  18. Ahahahah, mi piacerebbe vedere come sono fatte le mani tramandate da uno zio che assellava i cocomeri fuori stagione! :-D

    RispondiElimina
  19. Tu sei un creazionista nel senso che sai creare un liguaggio libero, pieno, a tutto tondo, a tratti aereo e incantato...
    Chapeau!

    RispondiElimina