venerdì 4 gennaio 2013

uno zombie degli anni '90 (IV capitolo)



non so che musica suonano all'inferno so che l'acustica non rende in paradiso funziona un canale solo invece qui suonano tutti Battisti ce ne sono un po' che li hanno seppelliti con la chitarra acustica e suonano tutti Battisti però fino ad "una giornata uggiosa" oltre non si va c'è Riccino che riesce a suonarlo con una corda sola quella canzone quella ci commuove tutti anche se a me mi sta un po' sul cazzo Riccino e anche Battisti e anche la canzone

non son stato divertente e penso a te credo che scritta meglio di così non si può perché se a un appuntamento non riesci ad essere divertente vuol dire proprio che hai altro in testa non è quella giusta non hai quello che serve

è tornato Doctie anche lui l'hanno messo in terra con la chitarra ma lui mi piace perché conosce tante cose per esempio sa che non tutti possono diventare zombie solo i condiritti quelli segnati c'è una malattia un tumore bisogna avere un condroma epifisario ginis mi pare che è particolare un tumore che fa cartilagine intorno alle ossa per questo ce ne rimane sempre anche da morti per questo ci muoviamo non è che camminiamo come nei film di Romero o Dead man walking o Call of duty voi non lo immaginate ma quello che ci ha preso di più è M.J. quando fa Thriller noi ci si muove così certo che si balla non ci strascichiamo per niente a parte il moonwalking si fa quasi tutto da morti e non importa aspettare la mezzanotte quando sei morto impari ad andare a tempo se non lo hai mai fatto cause I can thrill you more than any ghost who would dare to try

sogno un cimitero di campagna e io là questa cosa comincia a prendere troppo smettila subito Doctie





9 commenti:

  1. non son stato divertente e penso a te credo che scritta meglio di così non si può perché se a un appuntamento non riesci ad essere divertente vuol dire proprio che hai altro in testa non è quella giusta non hai quello che serve

    che smalto Giardi nel primo post dell'anno :)

    RispondiElimina
  2. Sì, meglio la campagna, anche perché "è troppo grande la città per due che come noi". Baci.

    RispondiElimina
  3. molto originale... anche se fatico ad ascoltare Battisti :)

    RispondiElimina
  4. Auguri Gardi, mantienici di buon umore anche quest'anno!

    RispondiElimina
  5. io ne vedo tanti di 'sti zombie... ma solo io non riesco ad andare ai capitoli precedenti? :/

    RispondiElimina
  6. anche i zombie hanno sogni ......

    RispondiElimina
  7. Quando la morte ha voglia di giocare
    è insopportabile.
    Bara alle carte,
    diventa impertinente.
    ci sono dieci re nel mazzo e son tutti per lei.
    È la donna di osso più imbrogliona
    tra quelle che conosco.
    E il peggio
    è che con noi non ha bisogno di barare
    per vincer la partita.
    ENRIQUE GRACIA TRINIDAD

    CORRETTO LINK CAPITOLI PRECEDENTI

    RispondiElimina
  8. Giardi, un post con il botto! e mi sta un po' sul pisello anche a me battisti....
    Sandra

    RispondiElimina