mercoledì 25 luglio 2012

millenovecentosettantacinque



Ti sei sposata con un temporale, non te ne sei accorta, non se n'è accorto nessuno perché era una giornata di sole pieno. Non hai mai sognato temporali. Sei vissuta in un posto dove anche le mosche bianche si posano sulla merda, bisogna darsi da fare, non schifare nulla. Hai lavorato in una fabbrica dove il padrone prendeva solo le ragazze che viveano sulla riva destra del fiume, su quella sinistra ci stavano i fannulloni, quelle di città senza calze, i mariti coi pantaloni corti. Quando sei venuta ad abitare qui c'erano ancora delle strade di sassi, strade bianche non segnate, dove rimbalzavano i pomeriggi e i ciottoli scappavano dai nostri passi per non farsi prendere a pedate.

Ti chiedi spesso quando è cambiato tutto, ti chiedessero quando è finito questo mondo diresti il 1975; non perché ti sei accorta di qualcosa, quasi non te lo ricordi. Hai solo in mente la festa di compleanno di tuo figlio ritto sulla sedia a spengere le candeline. Era ancora piccolo, piccolo davvero, alzava una nuvolina di zucchero quando soffiava sopra la torta. Solo questo ti torna in mente, non i terroristi, gli scipoeri, la crisi, la guerra fredda e le altre guerre che scottavano. Solo tuo figlio che alita forte sulle candeline. Nemmeno quarant'anni e sembra un secolo, anche se non è mai passato un secolo quandi dici che è passato un secolo. I secoli fanno solo scena, sono gli anni che passano quelli che fanno il grosso. Ci sono anni che vorresti far passare presto,  come con la manopola della radio, portarli in fondo alla sintonia, dopo la musica classica e i fruscii  dei marziani e non sentire più nulla, dove non trasmettono più.

L'abbiamo chiamata lo SMOVAN quella sensazione (smoke + vaniglia) dove c'è il fumo, ma anche la luce delle candeline riaccese e il pulviscolo dello zucchero a velo. Non si vede una sega, ma che profumo! Tiene unite le cose senza fonderle, incolla le cose senza toccarsi. Se non trovate lo SMOVAN potete provare con la polvere di stelle, si trova più facile.

23 commenti:

  1. in copertina la modella Jerry Hall in un servizio di Vogue del 1975

    RispondiElimina
  2. Bellissimo! Un caro saluto! Ciaooo

    RispondiElimina
  3. già. Anni che passano presto ed altri incagliati su qualche mero scoglio. Ma il tempo passa ed è inesorabile. Dobbiamo difenderci, combattendolo.
    Un caro saluto Antò.

    RispondiElimina
  4. assolutamente fantastico! ogni riga, ogni singola parola, trovo ingiusto non aver pagato per leggerti...anche il tuo commento sul pigiama è strepitoso....baci

    RispondiElimina
  5. Il tempo passa inesorabile ma a volte si ferma a lungo. Post incredibile. Oggi ti sei superato. Ciao :-)

    RispondiElimina
  6. non ho mai voluto che gli anni passassero.. volevo passare io prima! :) ov'è 'sta manopola?

    RispondiElimina
  7. che bella la barca rosa...cari saluti,Elisabeta_b

    RispondiElimina
  8. polvere di stelle,siamo polvere di stelle,è tutta questione di legami chimici,in fondo

    RispondiElimina
  9. la luce delle candeline riaccese, ogni anno più piccine per bimbi che diventano ogni volta meno bimbi... SMOVAN o polvere di stelle tra 15 giorni voglio lo smovan

    sempre tra i miei poeti peferiti Giardi

    le tua candeline poi sono deliziose

    RispondiElimina
  10. Purtroppo non lr fanno iu` le radio con le manopole......
    Francesca

    RispondiElimina
  11. Forse passano per gli altri ma ci sono uomini che non contano mai le candeline perchè il tempo per loro non è solo lo scorrere e riacciuffare di ricordi e istanti, ma un soffiare continuo..soffiare via tutto per rimanere ..vivaci dentro e belli fuori. Uomini tipo te, tipo.
    :-)))
    Mi piace molto il tuo nuovo avatar.gh!^_^
    Un abbraccio, Angelica...

    RispondiElimina
  12. mi hai fatto venire la pelle d'oca stamani....

    RispondiElimina
  13. Quanta poesia tra queste righe. E' tutto molto Bittersweet. Una malinconia che viene a bussare alle porte dell'anima.
    La polvere di stelle me la porto sempre dietro.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  14. Sposa bagnata, malinconia comprovata (o notte di nozze piacevole, direbbe un amico).
    Indipendentemente dal dopo, che son solo sintonie perse e ritrovate in direzione dell'ultimo assolo.

    RispondiElimina
  15. Grazie Giardy per questa boccata di SMOVAN!
    Io....ne avevo bisogno!
    Ciao genio sfrattato dalle lampade!

    RispondiElimina
  16. il tempo è bizzarro e anche un po' capriccioso a volte sembra scorrere lento altre precipitevolissimevolmente e gli anni scorrono... davvero un bel post e poi il 1965 è un anno che mi piace :)

    RispondiElimina
  17. Cavolo...mi hai attaccato addosso un pò di malinconia...

    RispondiElimina
  18. smovan eh! sapessi quanto l'ho cercato... mi accontenterò della polvere

    RispondiElimina
  19. E' vero cosa ricordiamo dello scorrere del tempo sono piccole cose care, molto piccole eppure così grandi al nostro cuore, ununinerso intero di piccole cose che fanno la nostra vita. Mi sa che mi sono impiastricciata tuuta di zucchero a velo, dovrò fare una toalettatura veramente da gatto miaoooùùùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  20. Da leggere, rileggere e ancora leggere. Io tutte le mattine, a colazione, provo a fermarlo masticando sempre gli stessi Pan di stelle, il tempo.
    L'unico risultato ottenuto è che mi sono pure andati a noia, i Pan di stelle intendo.

    RispondiElimina
  21. Sei un grande! Grazie per lo smovan, anche se mi accontenterò della polvere di stelle .....

    RispondiElimina