lunedì 5 dicembre 2011

uno zombie degli anni '90 (II capitolo)




non dico più parolacce il tenente di cavalleria sepolto nel settore monumentale accanto al mio non vuole forse non mi riesce più

il capitano di cavalleria la moglie l'ha sepolto con la divisa ma dice gli ha tagliato i baffi a manubrio e ora gli mancano per questo è ancora qui (sul monumento ci sono invece io non lo so perchè secondo il capitano qualcosa mi manca sennò ero già passato da quell'altra parte quando sei vivo non te ne accorgi che il sangue ti scorre verso Est lo sperma sempre a Sud e ci sono pensieri che fanno veramente freddo ad Occidente non c'è Dio e nemmeno la conosce Dio la risposta è quello il problema io gli passerei anche il bigliettino con le soluzioni (io e il capitano ne sappiamo cinque o sei ma che cavolo c'è andato a fare alla lavagna se non sa niente del Dolore (io e il capitano ne sappiamo sei di risposte e ridiamo lo stesso

secondo il maggiore di cavalleria io sono uno di quelli che arriva sempre in ritardo e un po' mi manca arrivare in ritardo e mi manca il tempo e se arrivavo in orario ero ancora vivo questo me lo ricordo bene perché la memoria qui non esiste i pensieri ora stanno tutti a Nord secondo il colonnello sono ancora un po' vivo (non dico ora perché non mi riesce più dire ora, come le parolacce il colonello è sicuro che il tempo è una persona che conosciamo solo di vista

la luna piena è solo una stronzata dice il generale di cavalleria ora che è generale due stelle gli riescono anche le parolacce morire non non serve a un cazzo ragazzo mi dice è bello solo nei film gli rispondo ma lui non sa di cosa parlo sulla lapide ho letto solo un 16 sbiadito non si vede altro fra poco arriverà la terza stella e comanderà un'intera armata di cavalleria le prime tre file saranno tutte di cavalli bianchi lipizzani continua chissà se saranno soldati buoni anche se vengono da guerre diverse chissà se è rimasta abbastanza paura per vincere

la luna mi segue come un palloncino legato al polso di vero sono rimaste le stelle del generale e questa preghiera di onde che non porta da nessuna parte



PRIMO CAPITOLO



13 commenti:

  1. dio che non sa le risposte ma che va alla lavagna lo stesso è MERAVIGLIOSO

    il primo video è un pugno nello stomaco, il secondo link prima o poi riuscirò ad aprirlo

    RispondiElimina
  2. errore è il terzo che non si apre

    RispondiElimina
  3. LA BALLATA DEGLI IMPICCATI
    (De Andrè)

    Tutti morimmo a stento
    ingoiando l'ultima voce
    tirando calci al vento
    vedemmo sfumare la luce.

    L'urlo travolse il sole
    l'aria divenne stretta
    cristalli di parole
    l'ultima bestemmia detta.

    Prima che fosse finita
    ricordammo a chi vive ancora
    che il prezzo fu la vita
    per il male fatto in un'ora.

    Poi scivolammo nel gelo
    di una morte senza abbandono
    recitando l'antico credo
    di chi muore senza perdono.

    Chi derise la nostra sconfitta
    e l'estrema vergogna ed il modo
    soffocato da identica stretta
    impari a conoscere il nodo.

    Chi la terra ci sparse sull'ossa
    e riprese tranquillo il cammino
    giunga anch'egli stravolto alla fossa
    con la nebbia del primo mattino.

    La donna che celò in un sorriso
    il disagio di darci memoria
    ritrovi ogni notte sul viso
    un insulto del tempo e una scoria.

    Coltiviamo per tutti un rancore
    che ha l'odore del sangue rappreso
    ciò che allora chiamammo dolore
    è soltanto un discorso sospeso.



    Lascio che siano le parole di questa meravigliosa canzone del grande Faber come commento a questo tuo racconto così originale, graffiante, ironico e con un sottofondo di amaro sarcasmo che rende il tutto assolutamente vero.
    ......e quel Dio, che pur non conoscendo le risposte va ugualmente alla lavagna, di sicuro, concorderebbe in questo mio giudizio.

    T'embrasse entre les froids chrysanthèmes
    Marlene

    RispondiElimina
  4. Mi piace questo racconto, la morte è così più vera della vita ........
    Un saluto da una catzombie anni infiniti

    RispondiElimina
  5. Anche io voglio arrivare in ritardo e il problema del tempo me lo porto da sempre anche nel nik

    RispondiElimina
  6. ...io non ho voglia di morire.
    Ciao Giardigno.

    RispondiElimina
  7. Bella scrittura insolita graffiante originale senza punti di interpunzione fluida priva di fronzoli scorrevole come i giorni come le ore come i minuti della vita ironica come le bardature dei cavalieri di un tempo complimenti senza punto esclamativo e senza altre aggiunte inutili bravissimo giardigno

    RispondiElimina
  8. Mi piace che non ci sia nemmeno una virgola così come potrebbero piacermi i baffi a manubrio. (Punto)

    RispondiElimina
  9. Mi piacerebbe sentire gli ordini del generale, e mi piacerebbe anche sapere dove andrà dopo che sarà arrivato al massimo della carriera e si sarà conquistato la quarta stella.

    RispondiElimina
  10. "il tempo è una persona che conosciamo solo di vista".questa potevi scriverla solo tu, bravissimo, un bacio ady

    RispondiElimina
  11. ciao, passo di qua rimbalzando da maktuub, mi piace come scrivi, tornerò a leggerti :-)

    RispondiElimina