lunedì 12 dicembre 2011

non esiste amore impossibile



Quando ho iniziato a scrivere questo manuale d'amore per principianti pensavo di finirlo presto, secondo un primo programma mi ci sarebbero voluti meno di sei mesi per buttarlo giù, una settimana per le correzioni eppoi in stampa. Mi ha fregato il primo capitolo, quello che qualche giorno fa ho tagliato definitivamente sostituendolo con una specie di prologo, cinquanta righe sul mio primo orgasmo avvenuto sulla seconda rampa di scale di A. Un crescendo (A. abitava al terzo piano) perché avevo fatto tutto da me, perché lei mi aspettava da sola in casa (ero il suo quarto ragazzo, l'aveva già fatto cinque volte prima di me e aveva sei dita nel piede sinistro, sempre in crescendo). Potrei dire che l'abbiamo fatto sette volte quel pomeriggio, mi credereste?

Il primo capitolo, quello vero, parlava del mio amore per la scrittura, com'è nato, la prima scintilla. Mia madre aveva l'abitudine di punirmi spesso per qualsiasi ragione, anche banale. Mi chiudeva dentro lo stanzino dei detersivi, senza luce, appena un po' d'aria da sotto la porta. A volte aria e luce si litigavano di brutto, niente in casa mia andava d'amore e daccordo. Per passare il tempo tenevo in tasca sempre un blocchetto con un matita e inventavo storie. Il mio primo romanzo è stato una storia dove tutti i detersivi sullo scaffale avevano una particina. Faceva così.

Nel regno di Vernel la regina Ava (Comelava di casato) assisteva all'ennesima giostra. Vieni e combatti da Omo a Omo, urlò il Conte Ace all'avversario. Spic & Span, Spic & Span, Spic & Span (rumore di lame che si incrociano). Ajax mi hai colpito al Clorex è la Finish, disse Svelto il marchese cadendo. Cop (rumore di corpo morto che cade), o fa Dash ?

Il torneo continuava con un colpo di scena notevole grazie all'arrivo della Strega Calinda ed i suoi incantesimi. Alcuni di questi marchi non esistono più (ma quanti detersivi avevamo in casa?); non è per questo che ho cancellato il capitolo. Una sera mia madre tornò a casa con un altro uomo , non ho mai scoperto chi fosse, e cominciarono a fare sesso nella stanza accanto (Procter&Gamble facevano così le molle del letto). Mia madre si era scordata della punizione, si era dimenticata di me.

Mi capite ? Come lo cominciavo il secondo capitolo?






continua

29 commenti:

  1. i nomi dei detersivi sono tutti veri (Mastro Lindo arrivò un po' più tardi a sbaragliare la compagnia)

    RispondiElimina
  2. Aceto, uso solo tanto aceto, la casa non avrà l'inconfondibile odore dell'aiax liquido ma vuoi mettere il favore che faccio all'ambiente? mio figlio un giorno scriverà un racconto su quanto odia l'odore acre del vino andato a male e anche le melanzane sott'olio...ma dove ti vengono certe idee, ti chiudono ancora nello stanzino?

    RispondiElimina
  3. un romanzo sulle madri cattive o sulle cattive madri?

    no, no io continuo ad aspettare il secondo capitolo del manuale d'amore, sicura che ti viene bene

    RispondiElimina
  4. Un climax ( sembra il nome di un ennesimo detersivo ) il tuo orgasmo ascendente :-)

    p.s.
    pure io nello stanzino, ma per sfuggire alle mazzate volanti nel corridoio.

    RispondiElimina
  5. L'unico orgasmo all'Acqua & Sapone ce l'ho per gli ammorbidenti.
    Li svito uno ad uno, ogni volta ne acquisto un tipo diverso, vario le dosi in lavaggio, studio gli amalgami con i detersivi. Una piccola chimica dell'olfatto.
    Probabilmente perchè vanno ad intaccare quello che poi mi metto addosso.
    E, sempre probabilmente, perchè forse devo ancora capire di quale odore voglio sappia la mia pelle.

    RispondiElimina
  6. ...Dimenticavo: grazie per il commento speciale.

    RispondiElimina
  7. Le prime esperienze sono le più intense.

    Bacio

    RispondiElimina
  8. Mi ricorda racconti orali raccolti nel tempo. Ma il bravo scrittore é qui!

    RispondiElimina
  9. Beh con un inizio così direi che siamo sulla buona strada per far arrivare il lettore fino alla pagina dieci. L'argomento madre e è sempre intrigante, sia che ti chiuda in uno stanzino ( e adesso vorrei sapere cosa provocava quelle punizioni) sia che faccia sesso sul tavolo di cucina.

    RispondiElimina
  10. Conoscendoti, sono sicura che il romanzo avrà presto un seguito. La fantasia di Giardi non ha confini, non dimentichiamolo mai!

    RispondiElimina
  11. Adesso ho voglia di un terzo capitolo ...

    RispondiElimina
  12. A se solo allora tu avessi potuto aver il Cillint Bang tra le mani.....Con un sol colpo avresti ucciso tutto il buio, il tradimento e pulito le goccie di sangue e di ruggine dal pavimento......
    Povero Giardy, chiuso in quello stanziono a mò di Mocio e, per giunta, dimenticato come lo stura lavandini, caduto in disuso dal magico Mister Muscolo!
    Ma tu sei Super, Giardy, sei Super sfigato dall'estro raffinato!
    Una spolveratina di baci su quella tua testa che semina racconta ultrapotenti!
    Elisena

    P.S:il terzo orgasmo....scusa la mia intraprendente curiosità. mica era per caso con Candy? Cioè, mica gliel'hai messo nel cestello mentre centrifugava?
    Sai com'è, quando si vive in un mondo di polveri, tutto sa di magia :))))))

    RispondiElimina
  13. I bei tempi dei detersivi non dopati ... oggi pieni di ultra super e nultiuso ... era tutta un'altra cosa starsene chiusi nello stanzino!
    Buona Giornata
    Andrea

    RispondiElimina
  14. Non avevo stanzini di punizione, non avevo proprio una casa, solo buie cantine, per fortuna la dama di carità mi portò via di là:-) Tutto vero..

    RispondiElimina
  15. Ho trovato il tuo scrivere intrigante ed ironico una miscela perfetta che spinge a leggerti con divertita curiosita'.
    Quindi da oggi hai un "passeggero" in piu'.
    Ti lascio un sorriso
    LdC

    RispondiElimina
  16. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  17. Ma nel regno di Vernel c'era anche il Mastro non Geppetto, quello ormai era dato per disperso a Collodi...ma Lindo perchè aveva la mania di lavare la sua testa calva con il Bolt liquido!!!:))

    RispondiElimina
  18. i detersivi di oggi sono anonimi… è per questo che lavo i panni con la cenere?

    RispondiElimina
  19. .primo in compagnia o primo primo?

    RispondiElimina
  20. Questa volta non mi perdo il seguito. Voglio proprio vedere come va a finire e se "il tempo ci dara' ragione":-)))
    Un bacio a te, Giardi:-)))

    RispondiElimina
  21. - Nel regno di Vernel la regina Ava (Comelava di casato) - fortissimo !
    Non mi hanno mai chiuso nello stanzino, ma ho un problema ancestrale con ogni prodotto di pulizia, mia madre è una pazza scrinteriata di bolle e lavaggi, un ossessione maniacale gravissima, dovrei odiarli a morte , ma si viene sempre a patti con se stessi. miaoooooooùùùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  22. E Mastro Lindo? Buono a suo tempo - secondo un mio conoscente alquanto macho - per spazzolare gli ... ormoni femminili?

    RispondiElimina
  23. i detersivi attori...geniale jardigno, sempre bravissimo,elisabeta_b

    RispondiElimina
  24. Il "regno di Vernel" e la "regina Ava" suonano benissimo...
    "Fiabe dal ripostiglio" potrebbe essere una nuova collana!

    RispondiElimina
  25. Stupendo questo racconto, e che brividi riascoltare 'Je t'aime...moi non plus'.

    RispondiElimina
  26. pensa se ti avessero chiuso nello stanzino degli attrezzi, avresti scritto di orgasmi sadomaso..

    RispondiElimina