mercoledì 21 dicembre 2011

pretty woman



di posti ce n'erano parecchi, ma io abitavo in centro all'epoca e mi piaceva andare il quello in Via de' Servi; c'era una piccola sala d'aspetto con delle luci basse con del mobilio stile Luigi, ma Luigi il re di Scozia perché si vedeva che erano tirate via, fatte al risparmio; la padrona non faceva fumare nessuno dentro e questo non era facile all'epoca; io sceglievo sempre la stessa, una ragazza sarda con due occhi verdi grandissimi, forse te lo vede più grosso dicevano gli amici, era pulita, mi piaceva, un po' mi piaceva. Una sera feci più tardi del solito, una sigaretta in più e dopo la marchetta mi si butta addosso e mi fa : sposami, so cucinare, so fare tutto in casa, portami via, ho dei soldi da parte, ti faccio la vita da signore. Ti faccio la vita da signore, io ero già un signore, già la facevo la vita da signore. Perché non l'ho portata via di lì. Perché non l'ho fatto? Certo Antonella fai delle domande, nemmeno cenerentola le farebbe, te lo tirerebbe in culo anche cenerentola a te. Che mi porto a casa una puttana ? Lo venivano a sapere tutti dopo, son le prime cose. Certo che ci sono tornato in quel casino e prendevo sempre lei e era anche meglio dopo quello che era successo, c'era più gusto, c'era più ... non te lo posso spiegare Antonella, era la stessa fica ma la mi' testa era cambiata tutta; io non sono nemmeno uno da cose strane, mi piacciono le cose all'antica, niente stranezze. Credimi non era per dispetto non è facile essere maschio, è quasi come essere uomo , è perché dura meno e in quel poco che dura essere maschio lo devi fare bene veramente e a me mi riusciva. Per questo mi fanno schifo i travestiti. No, ho continuato ad andare solo per qualche mese poi m'hanno trasferito a P., cazzo se era provincia all'epoca quel posto, ora in confronto. C'era un bello struscio però e poche vetrine che mi distraggono sempre le vetrine. L'ho conosciuta lì la mi' moglie.

54 commenti:

  1. foto in copertina da :
    http://www.vice.com/read/katsu-naitos-west-side-rendezvous

    RispondiElimina
  2. come l'è triste codesta storia

    RispondiElimina
  3. In questo racconto a me resta lo squallore e la tristezza di una svenduta..una vita "in cerca di autore" per ESSERE vita dignitosa. La Dignita dovrebbe essere un diritto.Non lo e'.
    Mi colpisce il "fare" Toscano in quanto mi tocca da vicino...ma neppure una cadenza un'ardire Toscano riesce a sdrammatizzare un contesto tanto triste. ..Per me almeno.

    Buona serata Zen

    RispondiElimina
  4. mi è scesa una lacrima .. andrò a rifarmi con il panettone al cioccolato

    RispondiElimina
  5. ...io aspetto il seguito.Caro Antonio, a volte passo, leggo, ma non commento, questa volta lo faccio perchè voglio farti TANTI AUGURI di BUONE FESTE a te e alla tua famiglia...e i tuoi racconti non sono mai scontati.
    Ciao.

    RispondiElimina
  6. E' la tua vita romanzata o un racconto?
    Ad ogni modo, mi piace :)

    RispondiElimina
  7. tua moglie non ti legge, vero?

    :-P

    RispondiElimina
  8. attenzione
    La legge Merlin è entrata in vigore il 25 luglio 1951 e resa esecutiva in Italia con legge 23 novembre 1966 n. 1173. Io sone del 1965 è chiaramente questa storia non può essere la mia, lo diventa solo quando ve la racconto. Difatti se ho parlato :

    Se ho parlato
    Del mio amore, è all'acqua lenta
    Che mi ascolta quando mi chino
    Su di essa ; se ho parlato
    Del mio amore, è al vento
    Che ride e sussurra tra i rami ;
    Se ho parlato del mio amore, è all'uccello
    Che passa e canta
    Col vento ;
    Se ho parlato
    È all'eco

    Se ho amato di grande amore,
    Triste o gioioso,
    Sono i tuoi occhi ;
    Se ho amato di grande amore,
    Fu la tua bocca grave e dolce,
    Fu la tua bocca ;
    Se ho amato di grande amore,
    Furono la tua carne tiepida e le tue mani fresche,
    Ed è la tua ombra che io cerco

    AUGURI a tutti quelli che mi leggono con costanza (ma anche con alfredo, giovanna...) e a tutti quelli che passano. La Varano editore tornerà a Gennaio con "PIN e Leopardi".

    RispondiElimina
  9. Mi dispiace che hai dovuto fare quella precisazione, perché si dovrebbe conoscere meglio la storia, anche quella del costume. Resta il fatto che hai saputo infondere pathos ad una trama simile a vicende che di sicuro orecchie attente hanno sentito raccontare.

    RispondiElimina
  10. come sei romantico...

    ANGURIEEEEE anche a te!

    RispondiElimina
  11. Auguri Giardy a te, alle tu figliole, alla tu moglie!

    Buon Natale
    A tutti tutti
    ai belli e ai brutti,
    agli etero e agli omosex
    ai trans e agli ermafroditi
    ai fedeli e ai traditi
    a chi legge
    e a chi commenta
    e a quel povero Babbo
    che viaggia nella tormentA!
    Elisena

    P.S.:Prima di scrivere anche su Giulio Cesare, cerca di far notare che tu sei nato D.C.

    RispondiElimina
  12. Ciao Zen passo per invitarvi a passare da me, domani. Non amo molto portare le persone nel mio blog, in quanto presferisco siano libere di venire e se venire, da sole, ma in questo caso sotto al mio Albero ho lasciato un grazie anche per te.
    Se puoi, se riesci aspetto anche te..Buon Natale:)
    http://ceracartone.myblog.it/

    RispondiElimina
  13. Auguri, Giardy! Controcorrente, il tuo post natalizio:-))

    RispondiElimina
  14. Un po' triste, ma mi lascia a pensare.. per cui grazie, come sempre!
    Ti faccio gli auguri Zenzero, ti auguro il meglio, a partire da un sereno Natale. Con tutto il cuore, Sara!

    RispondiElimina
  15. Tua o non tua, questa storia fa riflettere. Ti auguro meravigliose festività, Maestro. Aspetto il seguito e il tuo ritorno. Anche io sarò via qualche giorno. Un abbraccione.:))
    Angelica

    RispondiElimina
  16. Credo sia uno dei racconti-Varano più belli, Antonio, davvero. Anch'io vedrei bene un seguito...
    Grazie anche per il link sulla marchetta: non ne avevo mai vista una prima!
    E buone feste! non mangiare troppo mi raccomando, che poi perdi la vena narrativa ;))

    RispondiElimina
  17. :* chissà com'è finita la ragazza sarda con gli occhi verdi?

    Auguroni Giardigno, buone feste a te e i tuoi cari. Un abbraccio

    RispondiElimina
  18. Uno scrittore sa rendere "sua" una storia anche se non l'ha vissuta o è lontana anni luce dal suo modo di essere. Anzi, a volte riesce meglio proprio se la storia è distante.

    E tu sei davvero bravo a scrivere!

    Auguro Buon Natale a te e a tutta la tua famiglia!

    Aspetto le nuove storie della Varano Editore per l'anno prossimo. ;)

    RispondiElimina
  19. vuoi mettere a farlo con una del mestiere, io ce la mettevo tutta per farla godere e solo rarissime volte ci riuscivo... sarà stato perchè aveva la clitoride usurata ma ! non sono mai riuscito a darmi una risposta.

    RispondiElimina
  20. Eh sì, certe cose in certe maniere si fanno con le puttane, non con la moglie.

    Buone feste.

    RispondiElimina
  21. matrimonio felice?
    auguri anche a te :-)

    RispondiElimina
  22. Ciao caro! volevo mandarti un bacio e tanti auguri di buone feste!
    Sara

    RispondiElimina
  23. Giardy se il tuo vissuto e i tuoi racconati sembrano mischiarsi temo sia il segno che sei veramente così bravo da far diventare reali le tue fantasie creatrici.
    Buone feste di gioia e serenità a te e alla tua famiglia. Abbracci e auguri.
    ps
    troppo divertente il commento finale di EliJoe sul D.C.

    RispondiElimina
  24. Ogni tanto la scopo anch'io una sarda con gli occhi verdi, ma lei non mi chiede mai di sposarla. Il suo profumo mi manda nei pazzi, usa il Dior. Quando l'ho saputo ho comprato quel profumo e me lo spuzzo sul collo mentre la guardo che si spoglia oltre lo schermo, la sua fica è nella mia mano, è la mia mano. Poi spengo tutto e faccio una doccia per non andare in giro come una checca. Antò, ho scritto una stronzata che forse fa anche cacare, mi è venuta in mente così dopo aver letto il tuo post. Ti mando un abbraccio e ti auguro uno splendido Natale.

    RispondiElimina
  25. Quel maledetto retaggio-terzo-incomodo-piccolo-borghese... peccato, si sarebbero amati.
    Buone Feste. baci

    RispondiElimina
  26. che tenera malinconia questo brano jardigno...molto molto apprezzato.
    bacetti Elisabeta_B

    RispondiElimina
  27. Un racconto così melanconico che adesso vorrei sapere che fine ha fatto la moglie mancata, quella rifiutata, quella che ti avrebbe fatto felice

    RispondiElimina
  28. il neorealismo ha trattato questi temi con molta poesia e, appunto, realismo... Bravo. Le puttane, come dei libri di Marquez, servono ad amare tutta la vita.

    RispondiElimina
  29. Sono qui per un po' e non posso non lasciarti un abbraccio...in volo:-)
    Ciao Maestro:-)

    RispondiElimina
  30. Ciao buon 2012!!!
    Mi fratello maggiore sposò una prostituta che aveva una bambina (mulatta) bellissima, il loro matrimonio fu contestato all'epoca, ma fu il migliore di tutti.

    RispondiElimina
  31. A te...a ZenZero...al mondo fantasioso rachiuso in pochi cm di buona lettura, auguro che non finisca mai e il 2012 porti una valanga di tante idee...auguri e un abbraccio!
    AMiaMoci di + indipendentemente dalla cultura, religione, colore della pelle, mondo di provenienza o scelta sessuale...L`AMORE dovrebbe essere universale!
    .... complimenti al fratello di RiRi!!!

    RispondiElimina
  32. Bello, non sai quanto mi ricorda un racconto del nonno ... anche lui mia nonna la conobbe però in un contesto più politically correct ... forse è per questo che non hanno fatto una vita da signori ...
    Ciao e Buon 2012
    Andrea

    RispondiElimina
  33. è quel farle diventare tue che mi inchioda! :)*

    RispondiElimina
  34. povera Antonella... AUGURI Giardigno!!!

    RispondiElimina
  35. Passo per augurarti buon anno!

    Bacio

    RispondiElimina
  36. Buon anno 2012, che questo sia un anno pieno di benessere e felicità !
    Baci ed abbracci Myriam :)

    RispondiElimina
  37. Ti auguro, nel nuovo anno, di poter fare tutto quello che avrai vogia di fare! E quando proprio non sarà possibile spero che ti sfogherai coi racconti... Fortunata la gente che ha fantasia, in qualche modo ce la caviamo, no?
    Felice 2012!!!

    RispondiElimina
  38. Buon anno anche da me, guru.

    RispondiElimina
  39. Non potevi lasciarmi pensiero più significativo, da leggere e rileggere:-) Un bacio, a te, Maestro..

    RispondiElimina
  40. Auguri Antonio un mega abbraccione

    RispondiElimina
  41. Stavo vicino a Via dei Servi qualche anno fa, ma chissà quanti ce n'erano in centro! Per me sarebbe meglio che la togliessero quella legge del mago Merlin lì, perché le ragazze sarebbero più sicure, i clienti anche e poi pagherebbero le tasse per il mestiere più antico ;)

    P.S. Mi hai ricordato un libro di Dino Buzzati che lessi ancor prima: "Un amore"

    RispondiElimina
  42. Quindi quella della foto non è la Befana?
    Buon Anno

    RispondiElimina
  43. buon anno giardi a te e a alla tu moglie...chissà perchè dopo fu meglio, per Lei fu di certo peggio...le sarde sono sempre bellissime, ci avevi fatto caso anche tu...

    RispondiElimina