lunedì 19 dicembre 2011

Alla ricerca di un motore (di ricerca) - Secondo capitolo


"Escort" : circa 53.800.000 risultati (0,16 secondi)
"Sante" : circa 529.000.000 risultati (0,17 secondi)
A parte la Maddalena è difficile stare da entrambe le parti, rarissimi i crossover, esiste anche un sito : Escort Subito ! (.com naturalmente).

Trent'anni fa al posto dell'Ospedale c'era un palazzone grigio che faceva angolo (non un angolo qualsiasi però, perché quasi pungeva la strada e quelle due cicatrici fisse di nuvola sopra la collina erano colpa sua, di sicuro). Lì abitava la famiglia di Roberta. A bassa voce lo sapevano tutti, la mamma di Roberta faceva la prostituta (circa 3.290.000 risultati- 0,20 secondi) perché quei vestiti con lo spacco, quelle pellicce di leopardo se le poteva permettere solo una mignotta (circa 139.000 risultati -0,15 secondi).
In quel periodo avevamo l'abitudine a ritrovarci a ballare i lenti nel garage di Alì, roba innocente, toccatine pudiche. Ogni tanto qualche genitore bussava. Un pomeriggio Roberta truccò le altre ragazze con i belletti lasciati incustoditi dalla
madre. Un finimondo. Le mamme graffiarono il viso delle figlie a forza di strusciare sulle gote.

"Sembrate delle puttane" (circa 529.000.000 risultati ), concordarono tutte.

Per noi invece erano bambole, se cambia qualcosa.















20 commenti:

  1. Tu sei il mio amore e la mia disperazione.
    Tu sei la mia follia e la mia saggezza.
    E sei tutti i luoghi in cui non sono stato
    e che mi chiamano da tutti gli angoli del mondo.

    Tu sei queste sei righe
    cui devo limitarmi per non gridare.

    Henrik Nordbrandt

    RispondiElimina
  2. volevo dire: certo che cambia, ma prima si è mangiato il commento poi l'ho riscritto ed ho sbagliato verbo

    RispondiElimina
  3. Con l'arrivo dei motori di ricerca ora sappiamo molte piu' cose di quelle che sapevamo prima, anche di cosa faccia ora Roberta o chi per lei, no?
    :-)))
    Un abbraccio a te, Giardi. E grazie per i tuoi preziosi pensieri...sparsi:-)))

    RispondiElimina
  4. Non so se conosci il film "Io la conoscevo bene" di Pietrangeli, protagonista Stefania Sandrelli. Parliamo di 45 anni fa. A parte che é molto bello, ogni volta che lo rivedo mi tornano in mente vissuti di quel tempo, un po' analoghi a quelli del tuo racconto.

    RispondiElimina
  5. Consolante vedere che ci sono più sante che escort, avrei detto il contrario.
    Oh, l'emozione di 'Bocca di Rosa', la prima volta che l'ho sentita avevo 16 o 17 anni...

    RispondiElimina
  6. Il tempo è passato e c'è stato qualcuno di recente che voleva nobilitare l'arte antica e portarla in tutti i più importanti palazzi...

    Un abbraccio e buon martedì!

    RispondiElimina
  7. MADDY
    Non la s'incontrava quasi mai di giorno, le poche volte che mi sono imbattuto in lei, ho solo avuto la visione fugace di lunghi capelli rossi divisi in bande ordinate, ed il viso nascosto da enormi occhiali da sole, una via di mezzo tra Milva e Janis Joplin. Di quest'ultima aveva l'aria un pò traballante dei nottambuli e di quelli che vanno giù pesante con le "esperienze della vita".
    Lei, però, si chiamava Maddalena, e di Janis aveva anche la voce roca, che fuoriusciva come un fumo invisibile dalle labbra lucide, rosse, un colore natalizio che le brillava sulla faccia come l'insegna di un negozio sempre aperto.
    Di notte diventava Maddy, con i capelli gonfiati dal phon e dal vento, in bilico su tacchi esagerati che consumavano nell'andirivieni monotono un pezzetto slabbrato di marciapiede.
    A ben guardare su quel pezzo d'asfalto è rimasta l'orma delle sue scarpe, proprio come quelle impresse sul Hollywood Boulevard, dalle star del cinema.

    Je t'embrasse Antoine en laissant, sur ton visage, l'empreinte de mon rouge à lèvres rouge, couleur du Noël
    Marlene

    RispondiElimina
  8. Augurandoti un buon Natale e un felice anno nuovo, invito te e i tuoi visitatori a votare i migliori film e attori del 2011.

    I MIGLIORI FILM DEL 2011

    RispondiElimina
  9. Guarda bene sotto il tuo albero di Natale, Giardy, c'è un pacchetto e dentro una bambolina di quelle che parla se premi un bottone.
    Ha il viso graffiato e le lacrime le hanno sciolto il trucco che ha imbrattato le sue gote.
    E premi dai quel minuscolo bottoncino sentirai sussurarti questa stupenda poesia:

    "Tu sei il mio amore e la mia disperazione.
    Tu sei la mia follia e la mia saggezza.
    E sei tutti i luoghi in cui non sono stato
    e che mi chiamano da tutti gli angoli del mondo.
    Tu sei queste sei righe
    cui devo limitarmi per non gridare".

    Buone feste Giardy, con tutto il mio affetto!
    Elisena

    RispondiElimina
  10. ricerchiamo... ricerchiamo!
    un saluto

    RispondiElimina
  11. Troppi risultati, ai nostri tempi ne bastava uno e ci sembrava già tanto

    RispondiElimina
  12. Buon Natale.
    La vicina di casa di un'amica era una puttana (richiestissima e bella), il figlio era mio amico, lo scoprii all'ippodromo di Agnano (Napoli), ero lì per delle pratiche automobilistiche e la vidi....

    RispondiElimina
  13. è un lavoro come un`altro mi verrebbe da dirti....ma il discorso e`più complesso e degradante!!! vabbe` cmq 1 bacione gli auguri te li faccio su fb....no no aspetta anche qui AUGURI!!!

    RispondiElimina
  14. sei un grande! solo l'incipit è già una genialata, per non parlare del prosieguo..
    ma come ti vengono in mente certe cose?

    RispondiElimina
  15. Il primo scritto con i protagonisti detersivi prometteva bene.. I tuoi scritti sono tutti creativi e fuori dall'ordinario, torno a leggere..!

    RispondiElimina
  16. questa volta Henrik Nordbrandt ha superato te. Ma siete romanticamente fuori entrambi...:-))

    RispondiElimina
  17. mi è piacito...però giradi la pelliccia di leopardo la posseggo anch'io...vado a cestinarla!

    RispondiElimina
  18. ok, ho scritto con la sinistra, ecco perchè non ho azzeccato nemmeno una parola...perdonami stò allattando!

    RispondiElimina