martedì 22 novembre 2011

(G)HOST



Questa è una storia di fantasmi, ma non c'è da avere paura. Non mi ricordo se lo erano di già quando spostarono la panchina dalla piazza per metterla di fronte al mare. Le onde si ingroppavano una dietro l'altra godendo a lungo e rumorosamente su quel tratto di spiaggia, senza nemmeno uno schizzo di spuma. A mezzanotte era passato un grosso cavallo bianco, da solo, aveva lasciato una grossa cacata fumante sulla sabbia nera, avevano assisitito alla nascita del terzo fantasma. La luna non aveva da accendere e per questo, solo per questo (non volevano sballarsi) si fecero d' altro.

Trovarono aperto solo il Kontiki, una discoteca per tardone leopardate che chiudeva alle tre di notte (non si dice alle tre di mattina da queste parti), gli uomini profumavano di bayshampojohnsons appena fatto. Il più giovane appena entrato urlò : "Signore, sono arrivati i vigili a rimuovere le scope parcheggiate qua fuori !". Li cacciarono dopo nove Martini e dopo aver palpato solo due culi maculati. C'erano anche delle macchie di sugo secondo il più vecchio.

Fuori dal locale il più vecchio stringeva il cellulare come quelle colline che impugnano il sole prima di tramontare. "Hai mai lasciato qualcuno con un SMS?", chiese puntando il pollice verso un'insegna luminosa rossa intermittente che gli riempiva le rughe sul viso. Tutte d'espressione certo, però il rosso non trovava l'uscita durante le pause di buio. Intanto le parole gli saturavano il cervello, in controluce si vedevano i pensieri abbandonare la testa sotto forma di vapore o era un altro fantasma. Lui l'aveva fatto, aveva lasciato con un SMS. Aveva selezionato "INVIA A TUTTI" e l'aveva mandato. Per questo motivo è una storia di fantasmi questa. Secondo il più giovane la macchia sulla camicia del più vecchio era pomodoro, non sembra sangue.

Il gas degli scappamenti si arrampica sui palazzi del lungomare, un solo grande fantasma può bastare questa notte, a fare presto. C'è la solita transenna che chiude l'uscita. Loro hanno un'ultima pasticca, la luna ha trovato qualcosa





continua

20 commenti:

  1. Notte fonda

    In una notte mille, diecimila volte buia,
    sboccia un fiore
    dopo aver urlato, solo.
    Accanto a lui
    un altro fiore rosso sboccia
    in un silenzio di ferro.

    Ko Un

    RispondiElimina
  2. Urbano e graffiante. Un fumo nero sparato negli occhi. Palpito notturno.

    RispondiElimina
  3. Nice articles. I'm just blogwalking and very happy to stop here. And also give you some comment here.

    Dont forget to give us some your comment into my blog too.

    Thanks for share,
    * Rio Prasetyo *

    RispondiElimina
  4. magari prima mentre selezionava invia a tutti non era davvero felice, ma poi come fantasma non mi pare che se la cavi male per fortuna


    non è che con tutti questi continua prima o poi ti annodi

    RispondiElimina
  5. La cosa più impressionante é quello shampoo Johnsons! :)))

    RispondiElimina
  6. Complimenti al fantasma;-) Sei mitico!!

    RispondiElimina
  7. leggo sempre volentieri, un pò di nostalgia, un pò di follia, un pò di realtà

    RispondiElimina
  8. "Il gas degli scappamenti si arrampica sui palazzi del lungomare" è un immagine bellissima!

    RispondiElimina
  9. adoro la vena poetica nella tua follia :)

    RispondiElimina
  10. Via sms è già impegno di indici.
    Pensa che c'è chi l'ha fatto via mail. E non da palmare.

    Sei davvero bravo.

    RispondiElimina
  11. hai ragione, le tre di notte sono tutta un'altra storia....braissimo. baci

    RispondiElimina
  12. Stai diventando un mio mito! Bravissimo!!! :D

    RispondiElimina
  13. Poesia pura… quella iniziale ci starebbe bene sotto il mio di post! ma è già fantasma!

    RispondiElimina
  14. Ok Ok...lo farò anch'io....vi saluterò tutti con un SMS prima d'andarmene, prima di diventar fantasma e prometto: sarò tua ospite nelle notti insonni per farti luce, per darti pace, per non farti prender quell'ultima pasticca che t'allucina.....
    Io sono quel fiore rosso, quello sbocciato nel silenzio di ferro!
    Elisena

    RispondiElimina
  15. ...la luna ha trovato qualcosa...RItrovato :))

    RispondiElimina
  16. jardigno i tuoi fantasmi sono i più belli del mondo Elisabeta_B

    RispondiElimina
  17. Ogni volta che ti leggo mi sembra di esere ubriaca di oppio, come Coleridge quando scriveva, anche se non ho mai provato nemmeno a fare un tiro…

    RispondiElimina
  18. Io ho paura dei fantasmi..trtrtr:-)))
    Leggerti (e lo sai ma non smettero' mai di ripeterlo) e' come fare un tuffo in qualche sogno pazzesco che ha tutta l'aria di essere incredibilmente vero, nella sua autenticita':-)))
    Un abbraccio, Maestro^_^

    RispondiElimina
  19. Wow.. Imbattersi casualmente in blog come il tuo è da sballo.. Per il poco che ho letto fino ad ora volevo farti i complimenti!! .. Ed ora torno a sbircire il resto..

    RispondiElimina