lunedì 1 agosto 2011

tutto (2)


Questo breve intervento del narratore è necessario perché il protagonista della storia non sarà in grado di spiegarvi certi particolari, è troppo giovane. Cominciamo, la biondina di "Indovina chi viene a cena" è l'attrice Katharine Hougton, purtroppo è una di quelle interpreti di cui non ci si ricorda mai perché nel film è oscurata dalla presenza di autentici mostri sacri; un po' com'è toccato all'attore di colore che recita in "Ghostbusters", in quanti di voi se lo ricordano ? Dite la verità : pensavate che fossero in tre, o addirittura solo due ! La seconda è questa : per convenzione anche se una attrice porno ha girato un solo film viene definita comunque pornostar.

A Marino la nuova fidanzata del fratello piaceva. Quando ha chiesto alla mamma lei gli ha spiegato che la nuova fidanzata di Lucio non sarebbe diventata una zia vera, ma una zia acquistata e la cosa gli è piaciuta ancora di più. Perché era una zia che si erano scelti. Perché le zie arrivate in eredità non erano proprio il massimo. C'era quella vecchia che pareva una mummia, sempre fasciata di qualcosa: bende, sciarpa, scialle. Lui di preciso non sapeva nemmeno com'era in viso. C'era quella che mangiava di continuo e lo zio aveva dovuto smurare tutte le porte di casa per farla passare. Poi era dimagrita e ora casa loro pareva un garage, ma lei lo chiamava lofte. La più tremenda stava in un ospizio e andavano a trovarla solo due volte l'anno. Lei ci rimaneva pure male perchè la volta prima gli aveva fatto il malocchio e sperava di non vederli più. Aveva un piccolo cane che chiamava Rompicoglioni solo perchè gli piaceva sentirlo ringhiare (col marito faceva uguale).

La zia acquistata invece era giovane, gentile e giocava sempre con lui. Il nonno diceva che era uguale spiccicata alla biondina di quel film con Spencer Tracy, la Hepburn e Sidney Poitier che non si ricordava più il titolo. Insomma se uno doveva comprare una zia, quella era perfetta, da vetrina, una di quelle che ai saldi non ci arriva.

Una sera però ci fu una riunione di famiglia, Marino era già a letto, ma riuscì a sentire. Dicevano che la fidanzata del fratello faceva i film, ma non i film normali con la trama. Il fratello a un certo punto si mise a gridare che lei in quei film faceva tutto, ma proprio tutto. Era una pornostar. Il ragazzino non capiva, gli sembrava normale che quando si lavora si deve fare tutto, ci si deve impegnare al massimo. A lui dicevano sempre così. Il fidanzamento fu rotto in maniera drammatica, la biondina cercò di spiegare ma fu cacciata.

A lui dispiacque tantissimo. Per quasi un anno pensò a quel negozio dove si comprano le persone, a quel posto dove esistono i parenti acquistati che poi si possono pure rendere come aveva fatto suo fratello. Aveva in mente, appena fosse stato un po' più grande, di andarci e di chiedere al commesso. Non era semplice, o forse sì, bastava solo dire :

"Mio fratello deve aver lasciato una zia per me"

21 commenti:

  1. questa seconda parte è un tributo al post precedente che (incredibilmente) risulta quello più visionato del blog (misteri del tutto)

    continua

    RispondiElimina
  2. io, chissà perchè, tifo molto per le zie acquisite

    RispondiElimina
  3. L'idea della zia acquistata che ci si sceglie è splendida. Non ci ho mai pensato.

    RispondiElimina
  4. MA PERCHè HANNO ROTTO IL FIDANZAMENTO??

    RispondiElimina
  5. Chissà se poi ha visto un film della zia?

    RispondiElimina
  6. Una zia che sa fare "tutto" è merce rara, ammettiamolo... quel negozio avrà fatto affari d'oro

    RispondiElimina
  7. "MIO FRATELLO DEVE AVER LASCIATO UNA ZIA PER ME"
    Sarebbe andato nel negozio dove si acquistano le zie e avrebbe detto al commesso: mio fratello deve aver lasciato una zia per me
    Ed affinchè non ci fossero equivoci, e gli spaciassero magari una zia fac-simile, avrebbe mostrato una foto di lei, specificando che si tratta di una di quelle zie che nei film fanno tutto, ma proprio tutto.

    Forse era ancora troppo giovane per un acquisto così importante, ma questa sarebbe stata una delle primissime cose da fare appena l'età, e le condizioni economiche, glielo avrebbero permesso.
    Avrebbe iniziato a risparmiare fin da ora. Alle feste, ed ai compleanni, non avrebbe richiesto più giocattoli ma soldi, denaro contante da metter via per l'acquisto di quella zia restituita al negozio come un articolo difettoso.
    Seppur di difetti, in lei, non ne aveva visto alcuno.
    Forse ne aveva nascosti, di quelli che non si vedono, che stanno sotto i vestiti, ma cosa importa? era così carina e vivace, la zia migliore che avesse mai avuto.
    Suo fratello era stato uno stupido ad arrabbiarsi per qualche imperfezione che neppure si vedeva e, d'altronde, difetti ne abbiamo tutti.
    Marino stesso aveva una vistosa voglia di fragola che, dal polpaccio, s'arrampicava, come un glicine, sulla gamba sinistra e, d'estate, col costume, si vedeva.
    Avrebbero dovuto restituire anche lui al negozio come merce fallata?
    Oltretutto, da quel che aveva capito, lei era una brava ragazza, di quelle che s'applicano a far tutto, ma proprio tutto, un gran carattere quindi che avrebbe dovuto oscurare anche quelle invisibili imperfezioni per le quali suo fratello l'aveva restituita indietro.
    Non li capiva proprio, gli adulti, la zia acquistata era un angelo di bellezza e di bravura, la migliore delle zie, e restituirla indietro era stato un gravissimo errore.
    Ma, a questo, avrebbe pensato lui, appena possibile, a rimediare.

    L'umanità vista attraverso i pensieri di un bambino.
    Un post colmo di soavità.
    Un bacio
    Marlene

    RispondiElimina
  8. Merce, Giardy, inconsapevolmente stai mettendo tra le mani della Simona Ventura la prossima concorrente x l'Isola dei famosi, così anke lei, la quasi zia biondina, avrà il suo riscatto televisivo e cinematografico (già immagino la stizza di Rocco Siffredi)!
    Marino sarà strafelice perché sarà invitato in studio per i salutoni alla quasi zia alla quale invierà anke un disegno e lei, davnti a tutto ciò, piangerà, senza doppiaggio e, magari, uscirà vincitrice dall'isola x poi farsi missionaria nell'amore!
    Alla prossima edizione dell'Isola, Giardy!
    Ke dici...partecipiamo anke noi? Infondo siamo incompresi!!!!!!!
    Buon Agosto e un bacione al ghiacciolo all'amarena!
    Elisena

    RispondiElimina
  9. Manco da un po' da splinder ed è assai piacevole tornare e trovare un così bel romanzo ricco di particolari e colpi di scena, sai dare vita a dei personaggi e a delle storie di vita veramente intense e spettacolari

    la penna ti è amica, complimenti davvero :)

    un caro saluto

    RispondiElimina
  10. Essi... benchè grandi e vaccinati, quando una pornostar entra in casa e osa diventare la moglie di qualcuno che riteniamo rispettabilissimo ancora c'è gente che arriccia il naso e caccia bestemmie. A pensarci bene ci son dei ladri e puttanieri al governo, che vuoi che sa una pornostar in famiglia...? :-))

    RispondiElimina
  11. 'Agli uomini piacciono le bionde, ma sposano le more!!' recitava la grande Marylin. Ecco perchè l'ha restituita al negozio, non perchè facesse la pornostar!!
    E Mary Poppins è pure una zia che fa tutto, ma proprio tutto!!!

    RispondiElimina
  12. Una storia di vita amara resa in modo preciso.

    RispondiElimina
  13. Hai tuoi post gli si vuol bene, ecco, l'ho detto!

    RispondiElimina
  14. "Hai" tuoi post?!
    Si legge che ho l'insolazione..
    ma il succo è autentico :D

    RispondiElimina
  15. una favola tristissima .... il Lupo di Cappuccetto Rosso era molto più onesto malgrado tutto ...... un sommesso miaoooo
    ps favoloso davvero il finale

    RispondiElimina
  16. Non ho ben capito se il protagonista é un pò fesso o cosa. Poi perché restituire al negozio un oggetto di valore fuori dalla banalità quotidiana ?? Magari per comperarne uno dello stesso tipo ma più costoso e neanche di marca ??? Ciao

    RispondiElimina
  17. Quindi, io, come zia, avrei potuto avere un altro futuro?
    Non c'ho pensato...
    Baci e calamite per togliere le mutandine

    RispondiElimina
  18. Caro Antonio, sei davvero forte.

    RispondiElimina
  19. Io voglio quel cane! sia chiaro!!

    RispondiElimina