lunedì 9 maggio 2011

Dintorni d'amore

Molti anni fa uscivo con una ragazza che assomigliava tantissimo alla bionda con gli occhiali del gioco "indovina chi?". Era quella che non sceglievi mai perché con due domande si capiva subito chi era. Con lei non era così.

non mangiava croste

Quando finiva le lasagne lasciava nel piatto come le pagine di un libro bruciato, ma lo vedevi subito che non era un romanzo. Bruciava soprattutto manuali tecnici non tradotti.

Coi panini venivano fuori delle piccole grotte, ma lo capivi subito che non erano per i presepe. Erano grotte per pipistrelli o altri animali che avevano paura della luce.

Quando ordinava il dolce lla fine lasciava sempre un muretto, ma lo sentivi che non ti separava. Ti sentivi subito dalla parte giusta mentre dall'altra volavano pallottole.

Una volta con la crosta del pollo fritto cucì uno scampolo di vestito per una sirenetta. A volte era un reggiseno con lo strascico.

Dopo la pizza il suo piatto aveva un sorriso enorme.

Quando ci lasciammo lo facemmo fuori da un cinema. Perché al ristorante non ce l'avrei fatta, non ci sarei mai riuscito.

36 commenti:

  1. il boccone

    voglio strofinarmi
    nei tuoi sughi
    fino a quando
    il maccherone e la sua salsa
    vanno inghiottiti
    da un fato felice
    Umberto Chiodi

    in uno dei link troverete la foto di copertina...

    RispondiElimina
  2. il male rimane chiuso fuori da quel muro di sorrisi. difese inespugnabili finchè si è seduti con le gambe sotto il tavolo.

    :)

    RispondiElimina
  3. gran finale :)

    lil

    RispondiElimina
  4. eh no, al ristorante non è possibile...

    carino anche il film in 5 secondi!

    RispondiElimina
  5. E pensare che le croste sono le mie preferite!

    RispondiElimina
  6. io non mangio solo le croste della pizza, ma le lasagne......... pulisco il piatto di brutto

    RispondiElimina
  7. Ma dai, ma che bellezza sté cose che scrivi... mi han fatto sorridere e sono piacevolissime, complimenti!! (in confidenza, nemmeno io riuscirei a lasciare uno al ristorante, il luogo è sacro!!). Peccato che vi siate lasciati, era simpatica...:-))

    RispondiElimina
  8. Infatti stavo per chiederti...
    "Come mai è finita?" :D

    RispondiElimina
  9. ahahahah!!! Fantastico il finale! :)

    RispondiElimina
  10. e quello coi baffi tipo groucho marx?!?! grande indovina chi!

    RispondiElimina
  11. Questa è troppo strana... ma adoro la crosta delle lasagne! Gnam!

    RispondiElimina
  12. una donna in assetto da difesa :)

    RispondiElimina
  13. Bello il post... ma bello anche il commento Amore e Contorni!

    ciao. Mirco

    RispondiElimina
  14. Er primo pasto

    Quanno mi madre me stacco’ dar petto
    e me se presento’ cor semmolino,
    buttai per aria tazza e cucchiarino
    creando er primo caso de “riggetto”.

    Ormai non me sentivo piu’ pupetto,
    pe’ via ch’avevo messo gia’ un dentino,
    provo’ a ridamme er latte… genuino,
    ma protestai co’ un minimozzichetto.

    Lei fece un urlo senza intenne er dramma,
    ma come la potevo contesta’
    si ancora nun dicevo manco mamma?

    Mi padre disse: “Soffre de nervetti”.
    E quieto quieto comincio’ a magna
    ‘n’insalatiera piena de spaghetti.
    - Aldo Fabrizi -

    L'amore Giardy è un pasto completo ma mai ripetuto....il tuo grande sbaglio è stato di scegliere quella bionda, quella che indovinavano tutti e, soprattutto di non mangiarti la sua crosta!
    A volte quando si mangi anche un solo panino ci vuole classe nell'addentarlo :)))))))))))

    Un bacio Giardy al sapore di un buon pasto romano!!!!!
    Elisena

    RispondiElimina
  15. Ho presente la bionda dell'"indovina chi?"...
    davvero bravo... come sempre!

    RispondiElimina
  16. Come si fa a non mangiare le croste???.....sono croccanti....

    RispondiElimina
  17. ...vien voglia di mangiarsele le parole, per vedere l'effetto che fa':-))...o magari si diventa bionde senza esserlo. Sono in pieno delirio! Come sai accendermi un sorriso nel pancino tu.:-)
    Infinitamente grande...:-)
    Grazie grazie per tutto cio' che mi doni e lasci e fai...:-))
    Angelica*

    RispondiElimina
  18. Una sera sono andata in pizzeria con un ragazzo, ho mangiato la mia pizza...e la sua!tu pensa se fossi stata bionda!

    RispondiElimina
  19. Il reggiseno con lo strascico... Pratico per spazzare le briciole delle croste. Geniale.:-)))))

    RispondiElimina
  20. Dopo la pizza il suo piatto aveva un sorriso enorme

    grande gaudigno,nel surreale ti muovicon abilità rara, un surreale di tenerezze e sorrrisi infantili.buona giornata

    StregaM0rgause

    RispondiElimina
  21. avrei adorato questa persona.. :D ciò che lei scartava io raccoglievo :D

    RispondiElimina
  22. odoro le pizze e le croste, sarei stata bene con una così, avrei mangiato prima le mie e poi le sue...

    RispondiElimina
  23. ahahahha, l'inizio è micidiale! eheheh

    RispondiElimina
  24. era così carino il muro che però ti fa sentire dlla parte giusta ...... miaooooo

    RispondiElimina
  25. bella anche questa, sei bravo ad usare metafore visive ed ad ampliarle, il muro di dolce che divide, le croste delle lasagne come libri (quelle Rana sottilissime immagino), le caverne dei panini: ora quella del vestitino della Barbie con la crosta fritta mi sembra un po' tirata per i capelli, manco friggessi con la pastella di calcestruzzo.... :-)

    RispondiElimina
  26. E chissà adesso chi gode dei suoi arabeschi.

    RispondiElimina
  27. Al ristorante è impossibile, anche per me che mangio in silenzio e lentamente, figurati se mi metto a discutere di sciagurate cose. Comunque tu secondo me non l'hai lasciata l'hai solo persa tra una portata e l'altra: può darsi che la ritrovi magari come un'isalalata di riso. Fredda.

    RispondiElimina
  28. assaporare solo la polpa e dimenticarsi di vivere fino in fondo... una donna così si potrebbe lasciare anche via sms

    RispondiElimina
  29. Io finisco sempre cio' che ho nel piatto. Per questo non digerisco bene.

    RispondiElimina
  30. io sono come la marijuana uno stupefacente....o per meglio dire come la maggiorana ti ricordi il film che fine ha fatto totò baby: Totò scambia la marijuana per insalata e ne ingerisce una quantità abnorme : il suo comportamento, sotto l'effetto della droga, degenera mostruosamente e si esasperano fino alla follia, le sue tendenze crudeli e sadiche.
    Il suo personaggio è un po' la parodia di Bette Davis nel film Che fine ha fatto Baby Jane?
    ho chiuso l`altro blog.....quindi mi ritovi qua sempre.....1 bacio uomo geniale, leggerti è una gioia!!!

    RispondiElimina
  31. Quando siamo sazi di una persona è meglio lasciarsi...però mai a stomaco vuoto...:)

    RispondiElimina
  32. l'amore va mangiato piano piano
    nel piatto del dolce è rimasta anche una A

    ciao jar

    RispondiElimina
  33. il mondo attraverso i tuoi occhi è splendido.

    RispondiElimina
  34. Propongo il reggiseno con strascico anche per l'estate 2011 ;)

    RispondiElimina