lunedì 6 dicembre 2010

Medusa ha sempre un serpente di scorta



Non esce più di casa da quando è successo. Sta sempre solo di fronte al monitor. "Esce solo in .jpeg" : postano gli amici (di facebook) prendendolo per il culo. Lo vedi invecchiare nelle foto in bacheca. Se vuoi vederlo vivo devi avere qualcosa che legga in .avi o in .vob.

Perché l'amore non fa male come una bruciatura. Non fa male come un cazzotto che non ti aspetti (o che hai solo visto partire come un pugile sfiatato).
Quando finisce è come il
morso di un serpente che non conosci. Allora guardi il disegno della pelle, la forma della testa, il colore degli occhi per descrivere quanto serve per l'antidoto.

Dall'altra parte della webcam ora c'è slaver88ixx che si contorce, legata, inerme, coi polsi bloccati. Si soffre troppo, per questo è sempre tutto acceso. Acceso, non vivo.

Il veleno fa effetto a quest'ora. Lei non è diversa come tutte , lei è già domani. Per sentirla accanto dovevi spostare le lancette 11 ore in avanti.

Era tropicale.

26 commenti:

  1. come un serpente dalla tossina potente che pare non ti uccida...

    RispondiElimina
  2. A guardare Medusa si resta pietrificati...

    RispondiElimina
  3. Ecco per stilare una classifica le 5 più memorabili fregature di tutti i tempi, in ordine cronologico
    1. Alison Ashworth.
    2. Penny Hardwick.
    3. Jackie Allen.
    4. Charlie Nicholson.
    5. Sarah Kendrew.
    Ecco quelle che mi hanno ferito davvero. Ci vedi forse il tuo nome li in mezzo, Laura? Ammeto che rientreresti tra le prime 10, ma non c'è spazio per te tra le prime 5. (...).
    Quei tempi sono passati, e che liberazione cazzo; l'infelicità significava davvero qualcosa, allora.
    Adesso è solo una seccatura, un pò come avere il raffreddore o essere al verde. Se volevi veramente incasinarmi, dovevevi arrivare prima.

    nick horny- alta fedeltà

    scommetto che l'hai letto.

    RispondiElimina
  4. Sono capitato nel programma sbagliato o può anche essere che ci sia uno sfasamento spazio-temporale.

    RispondiElimina
  5. forse finalmente ho capito le regole del forigioco

    RispondiElimina
  6. Povera medusa, a me è sempre stata un po' simpatica. Non è colpa sua se pietrifica tutti con lo sguardo, sarà imbarazzante pure per lei!

    RispondiElimina
  7. weeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee tuttoi pene amico mio?

    RispondiElimina
  8. ben trovato!
    che bella densità questi romanzi brevi

    RispondiElimina
  9. quell'acceso non potrà mai essere vivo...

    RispondiElimina
  10. Acceso non vivo...

    bello bello belllo!!!

    mirco

    RispondiElimina
  11. Acceso=virtuale. Ovvero l'amore ai tempi di internet.

    RispondiElimina
  12. Però, ecco, slaver88ixx ha un che di seducente. Sarà la pelle.

    RispondiElimina
  13. grazie del passaggio nel blog e della bella poesia lasciatami. kiss, Mia

    RispondiElimina
  14. Ci sono amori che finiscono rapidi come una coltellata e altri che ti avvelenano l'esistenza in una lenta agonia.

    RispondiElimina
  15. èèèè quel maledetto secolo del Romanticismo che ci ha fregato...è ora di buttarlo nel bidone della spazzatura.

    RispondiElimina
  16. vorrei sapere che sapore ha l'amore. Almeno una volta mi vorrei avvelenare.

    RispondiElimina
  17. ...intrigante:-) Ciao Antò, buona festa:-) mitico..già, te lo avevo detto..te lo riridico:-)

    RispondiElimina
  18. Non male la frase Lei è già domani ....

    RispondiElimina
  19. Un serpente velenoso, delle cui tossine non ti liberi più.

    RispondiElimina
  20. Brutta malattia contagiosa! Nella realtà tanti casi, nel virtuale non molti. Ma fa male uguale…

    @ AdyHappyBorn: Librone!

    RispondiElimina
  21. ironica surreale egocentrica genial

    RispondiElimina
  22. ognuno ha i tempi e i serpenti che si merita
    molto piacevole e intrigante
    felicidad

    RispondiElimina