mercoledì 29 settembre 2010

SPIGO


"Ti chiami Mirko con la cappa ?"
"No, con la ci"
"Che nome pissero..."

Dopo venti minuti che lo rincorrono, si vede che non ce la fa più, scarta di lato verso i campini per non farsi prendere, ma finisce coi ginocchi per terra.

"Spigo!" urlò con l'utimo filo di fiatone.

Tutti e tre i ragazzini avevano le mani sui fianchi; sputando aria gonfiavano la riserva di un piccolo cielo.

Spigo, se chiami spigo ci si ferma...

La lavatrice della nonna smise di centrifugare, il cane di Giulio non abbaiava, un incrocio bloccato, un buldozer si è fermato davanti ad una casa, una frana ha smesso di scivolare, un conto alla rovescia non schicca più un numero, un missile perde il contatto col bersaglio, uno schiaffo andato a vuoto, il centravanti non salta, un uomo pensa di fronte al filo spinato, una mina schivata, uno scoppio muto, una stella si accende con l'interruttore di casa, un cuore parcheggia con una manovra sola, una preghiera interrotta e dio aspetta,un bacio da guinness e dio aspetta, la luna sembra una palla murata a pallavolo , silenzio, pace vera...

"... perché hai chiamato lo spigo?"

"... dove ti fa male mirchino ?"


Un cazzotto forte sul braccio e il pallone tirato contro la pancia.

L'acuto canto della lavatrice, il cane che ringhia , il salto del filo spinato, due labbra e l'auto blindata si è venuta a prendere dio.

Ci sono dolori che tornano sempre.
Ci sono comete che non passano più.

38 commenti:

  1. Ricordi come comete. A me arrivano proprio così, lasciano una leggera scia e poi fsssssh… bello questo pezzo, bella la canzone degli Strokes, ancor più il corto del ritardo. *

    RispondiElimina
  2. Non so che vuol dire "pissero" però mi sembra suoni bene per definire il nome "Mirco".

    RispondiElimina
  3. psst ehi psstt WEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEA AHAHAHAHAHAHAH ciao antonio

    RispondiElimina
  4. Spigo mi fa pensare a una persona bionda e secca, ma dal sorriso che profuma di pane.

    RispondiElimina
  5. in uno dei link ho provato a ricostruire le radici del termine "SPIGO" che da piccoli ci serviva per mettere in pausa un gioco, per andare a bere o fare merenda ecc. Probabilmente in altre città si diceva in maniera diversa.
    Con lo spigo il gioco non terminava, ma si riprendeva da dove si era interrotto.

    RispondiElimina
  6. Giardi ti ho mai detto che adoro quello che esce da quella tua testolina pazza? Che sei come il vino buono che invecchiando migliora?
    Questo post è uno dei miei preferiti (per ora)

    Il primo spigo mi fa venire in mente l'omino Lagostina

    Il mandala è bellissimo
    tu cerca per noi, è bello quando trovi :-)

    RispondiElimina
  7. Chissà se il "Christian con l'acca" che conosco io si presenta ancora come "Ci-acca" per evitare la domanda!
    Non ricordo mai quali delle tre Katia che conosco vogliono la K e quali la C...

    RispondiElimina
  8. un pugno nello stomaco, le tue storie di ragazzini sono per me come un film di lars von trier...non so se io vada al dilà del senso di ciò che hai scritto ma perhè mentre tutto si immobilizza quella stella si accende con l'interruttore di casa?
    avrei altre centomila domande ma so che tu privilegi la brevità.

    RispondiElimina
  9. ma vanno cercate sempre le comete!
    un saluto

    RispondiElimina
  10. Quei dolori non ci abbandoneranno mai...
    Forse un giorno impareremo a piangere in modo diverso...
    Un abbraccio.
    Dona

    RispondiElimina
  11. Letto, poi di nuovo con gli Strokes in sottofondo.

    Non è detto che le comete non ritornino. E di certo non scambierei un dolore per un altro.

    RispondiElimina
  12. Trovo che ci sia un tempo raggomitolato.

    RispondiElimina
  13. E ci sono comete che fanno male, sempre, come i dolori che nessun auto si carica e porta via.....Ma o lo chiami Mirko o Mirco a voi toscani che cambia? tanto c'avete l'inflessione fatata! E dopo lo spigo, Giardy, tutto cambia. permittimi di dirti ke hai usato, come al solito frasi al di sopra di ogni Q.I., molto profonde e vere, proprio come i giochi dei bimbi...son giochi, ma veri!
    Elisena

    RispondiElimina
  14. C'è un corto stupendo oggi! Bravo come sempre Giardi!

    RispondiElimina
  15. E m'è piaciuto... Un sacco. Più del solito.

    RispondiElimina
  16. bello il cuore che parcheggia con una sola manovra, mi sa di aria nuova... non so a te.

    RispondiElimina
  17. il video con quella mano e quella matita è magico.

    RispondiElimina
  18. :) me lo dico sempre anche dei gay...

    RispondiElimina
  19. Sigh! vorri tanto poter dire di nuovo "spigo" e fermare tutto... allora dopo un po' si ricominciava, ma non era proprio la stessa cosa, avevamo avuto il tempo di respirare, di controllare le vie di fuga con l'angolo dell'occhio e, magari, quello più vispo era stato richiamato dalla mamma e c'erano più possibilità di vincere... Ora non c'è verso...hai voglia a gridare spigo...non si ferma nulla...

    RispondiElimina
  20. Ho un nome pissero... sic
    Mirco
    P.S.
    A me sta domanda me la fano sempre e io dico meno male che non mi chiamo Camino...
    - Camino con la Kappa?
    Sarebbe il colmo

    ciao.... mirco

    RispondiElimina
  21. Ci ho provato, sai? Gridavo "Spigo"-"Stop"-"Toppa"-"Time-Out"... ma niente! Tutto andava avanti, senza un minimo tentennamento... anzi sembrava che aumentasse la corsa... fino ad investire che non si toglieva di mezzo. Sono stata schiacciata mentre ancora cercavo la parola magica per spegnere l'interruttore

    RispondiElimina
  22. Non sono riuscita a leggere tutta la poesia, sono diversamente vedente:-)
    Mirko con la kappa era crudele (da bambino mordeva i compagni di gioco) ero sempre in apprensione quando era con mio figlio...troppa durezza...nella kappa.
    Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  23. Dalle mie parti per interrompere il gioco si diceva "tregua", neache fosse stata 'na guerra! Ma in fondo forse si, era una guerra contro il tempo che non volevamo perdere...
    Il mio primo amore si chiamava Mirco, Mirco con la "C"
    Favoloso il primo video, come pure la cometa :O))

    RispondiElimina
  24. non mi ricordo quanti pesci mi davano in chimica...in fondo al mare le pagelle si scolorano presto!!!!
    :-D
    i dolori son come i funghi, sbucano sempre, mentre le comete son come i miraggi,appena l'avvisti plufff
    un salutone

    RispondiElimina
  25. ciao zenzero, spero di no, se anche il cielo chiude le porte ai sogni non resta che s.....i!!!!
    ho un vicino...un mirko di nome e di fatto
    ^_^
    ciao e dolce serata

    RispondiElimina
  26. Memoria come sogno, un grande scritto.

    RispondiElimina
  27. Un finale bellissimo, leggeri brividi con una lacrima che stenta ad aasciugarsi

    RispondiElimina
  28. mi piace
    belissima la chiusa poi
    ci sono dolori che tornano sempre
    ci sono comete che non passano più

    e bellissima la poesia di Alida Ostriker
    davvero un bel post

    RispondiElimina
  29. In effetti i ricordi son come comete e puntualmente arrivano prepotentemente alla nostra vista. Una spiga di grano, una foto, una tazzina da caffè.
    Ci sono poi spighe che ma ho visto ma che sento sempre il fruscio causato da una leggera brezza. Hanno un suono i campi di grano, come hanno un suono i ricordi.
    Ma ci sono comete che passano in silenzio, non fanno luce e non lasciano scie, non ispirano poeti o portatori di sventure, sono le immagini della propria mente pensando a un padre mai visto, ma che puntualmente ci parla con la carezza di una brezza.
    Forse quel dio si è pentito di quello che ha fatto.
    Doriana

    RispondiElimina
  30. Spigo? me ne ricorderò, dovesse servire.

    racconto affascinante ed onirico, molto suggestivo!

    RispondiElimina
  31. ciao jar
    direi sempre fuori dei bellissimi ricordi d'infanzia
    allora spigo e passo all'altro tra un minuto
    barche

    RispondiElimina
  32. effetti speciali, tecnicolor ?

    RispondiElimina
  33. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  34. SPIGO
    Correva, correva ed ancora correva, senza prender fiato.
    Il paesaggio era una strisciata laterale, esisteva solo la prospettiva frontale, quella da cui, prima o poi, sarebbe emersa l'autostrada.
    Nemmeno una volta si era voltato indietro per controllare la distanza con i suoi inseguitori.
    Spigo.
    Ripeteva ostinato nella mente.
    Spigo.
    Era quella la parola che bloccava il gioco.
    Se solo fosse riuscito a pronunciarla loro avrebbero capito e, di sicuro, lo avrebbero lasciato in pace.
    Spigo.
    Gridava disperatamente dentro di sè.
    E l'autostrada non si vedeva.
    Non avvertiva, col suo sensibilissimo udito, nessun rumore di auto.
    Forse non era quella la direzione giusta.
    E le forze venivano meno.
    Sentiva che gl'inseguiori lo tallonavano sempre più vicini, gli sembrava di percepire il loro respiro.
    Spigo Spigo Spigo Spigo Spigo.
    Non riusciva a pensare ad altro che a questa parola e alla disperazione di non riuscire a fermare quel gioco crudele
    Poi, ecco, oltre i cespugli snodarsi la striscia grigia dell'autostrada: la salvezza.
    Con l'ultimo fiato si gettò tra le auto schivando d'un soffio il grosso camion che, comunque, impedì l'attraversamento ai suoi inseguitori, e saltò il guarda reil.
    Era in salvo.
    Si lasciò cadere sfinito emettendo un debole guaito: spigo

    Buon wek end, Antoine.
    Spigo :)
    Marilena

    RispondiElimina
  35. Io dico invece che ci sono comete che tornano sempre e dolori che non passano più. Ribacio.

    RispondiElimina