lunedì 27 settembre 2010

Solo gli occhi


Ci sono occhi che sono paesi stranieri se li vedi su certe facce. Ci sono occhi che hanno una bandiera di colore diverso da quella che ti sventola pochi centimetri più in alto.
Fanno una guerra diversa.

Il nonno aveva dormito per anni in un garage.
Quando lo ricoverarono in ospedale rimanemmo choccati dalla notizia. Non aveva un documento valido, ci disse che tutta la sua vita era stipata lì.
Il nonno Adorno era un legnotorto, meritava bruciarlo, perché non serviva.
L'amministratore di quel condominio non vedeva l'ora di liberarsene e ci chiamò immediatamente per sgomeberare il fondo.
C'erano tre lucchetti per chiudere il bandone e sette chiavi nel mazzo : quello era il suo antifurto.

Era come entrare nel garage di D'Annunzio. Una vecchia rete era appoggiata al muro dove partiva una enorme testata di metallo a forma di pavone. Le penne (vere!) erano incastonate nella scultura. Accanto c'erano tre bici da corsa incastrate in un portabici da muro. Su una c'era scritto : "Battaglin - giro d'Italia 1981"
Dall'altra parte erano inchiodate tre cornamuse e due kilt (disegno clan Mc Kenzie)
Lo zio mi guardò fisso, spaventatissimo.

"No, non è andato in ospedale con la sottana"- lo rassicurai.

C'erano scatole e scatoline di legno ancora da aprire. Il comodino era un budda di giada con un braccio alzato. Sulle dita verdi tre tanga maculati appoggiati come fionde.
Aprì la prima scatola che trovai vicino al letto. Dentro rotolarono una decina di anelli.
Alessandra - 11 Marzo 1983 ; Giuliana 25 Ottobre 1977; Sabrina 29 Novembre 1982 ; Chiara 12 Dicembre 1983.

"Sono fedi nuziali!" disse lo Zio prendendole in mano. "Che cazzo ci faceva con tutti questi anelli?"
"Forse qualche asta" provai...

Cominciammo a caricare la roba sul furgone. C'era una altissima scultura lignea di San Girolamo con un libretto in mano. Il libretto però era vero e dentro c'erano le altre storie.
Filipponi - 200 + 400 + 600
Carlino - 200 + 400 + saldato con oro
Sassone - 200 + 400 + saldato oro
Daddi - 200 + 400

"Allora prestava i soldi a strozzo !"
"E non urlare che siamo in cortile!"
Ecco perché tutti quegli anelli. Ecco perché dentro altre scatoline c'erano orologi, piccole cornici senza foto, madonnine senza collana.

Ora il garage era vuoto. Rimaneva il segno di tutte quelle cose che erano state per anni appoggiate al muro. Pareva di vedere le montagne di un pianeta da scoprire. Un posto dove mandarci delle sonde speciali, un posto dove fa solo freddo.

Quando naque Matilde in nursery i parenti cominciarono a dividersi gli organi, come succede tutte le volte. Il naso è tutto della nostra famiglia e che piedi lunghi ...

La mamma mi si avvicina e timida mi chiede : "Che occhi azzurri ! Da chi li ha presi ?".

"Mamma, ma il nonno Adorno aveva gli occhi azzurri !"

"Vero!, Hai ragione.."

Mi guarda ancora strusciando il palmo della mano su una guancia.

"Speriamo non abbia preso altro !"

47 commenti:

  1. che bella famiglia! che belle introduzione (Celan) e conclusione (occhi e lentiggini, o come si dice da noi, lenticchie)! :) in mezzo un insieme di abitudini che nonostante la differenza geografica si somigliano in tutt'Italia!

    RispondiElimina
  2. Io pure ho gli occhi azzurri di nonno Adorno.
    (ma tutti sti romanzi hai scritto???) :)

    RispondiElimina
  3. Che belle queste chiacchierate familiari; le tue ciniche e profonde novelle sono piene di calore, di amore, di ... spessore! :)

    RispondiElimina
  4. Credo che in te sia celato un piccolo genio-scrittore, ecco tutto

    RispondiElimina
  5. beh avesse solo preso quelli, ne valeva proprio la pena

    RispondiElimina
  6. Sto nonno Adorno è simpaticissimo. Ottimo arredatore d'interni. Ottimo conoscitore di sottane, magari di seta, quelle che quando l'indossi ti fanno venire la pelle d'oca( con le piume vere, intendo).
    Ah, Giardy, quando sono nata io, i miei parenti speravano in un'eredità di organi: La retina alla nonna, un rene allo zio ed uno al cugino, il cuore i polmoni al gatto (nessuno soffriva di cuore o malattie respiratorie) e i miei occhi, beh, quelli non interessavno a nessuno....eran sempre chiusi!
    Sono ancora viva...sei ha bisogno di organi dimmelo, per far torto ai miei parenti lti citerò nel testamento!
    'notte 'notte
    Elisena

    RispondiElimina
  7. In effetti questo personaggio è davvero curioso ed affascinante...

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  8. LA STANZA PRIVATA
    Il cappello dell'abat jour è il tulle del mio tutu di ballerina, strappato nel lato verso il muro.
    Quando l'accendo striature di luce color perla colorano quell'angolo di stanza e se penetra un alito di vento sembra che, sulla parete, danzino farfalle al lento ritmo dei volants e a quello degli abiti appesi dapertutto tranne nell'armadio, che non c'è.
    Un mondo femminile fatto di odori, di colori e di oggetti.
    Perchè le donne amano gli oggetti.
    Sono collezioniste di tutto.
    Anche di organi.
    Gli occhi azzurri di Matteo, le mani sensibili di Eugenio, le unghie smaltate di Max, le labbra suadenti di Leo, il cuore malato di Alan.
    Oggetti sacri.
    Tentazioni.
    Peccati.
    Consumati in questa stanza alla luce perlacea dell'abat jour, fra i vestiti sciolti e l'ombra delle farfalle.

    Tutte le stanze private, Antoine, nascondono segreti :)
    Un bacio
    Marilena

    RispondiElimina
  9. Anche io ho le mie stanze private Amaranta, hai ragione!

    E mio figlio ha gli occhi blu di mia nonna e la sua stessa intransigenza.

    Chissa' quanti pezzi di vita, lasciati nel bazaar di quel nonno per saldare un debito.
    Tutto normale mi sembra.

    RispondiElimina
  10. Recentemente sono entrata in soffitta dei miei nonni. Mi si è aperto un mondo..

    RispondiElimina
  11. La mia soffitta sparì nel 1976 ma quel che salvammo adesso è nei miei armadi: il corredo nuziale di mia nonna: lenzuola di lino dure come carta vetrata, ornate di ricami e pizzi fatti a mano, camice da notte e asciugamani con le iniziali e tutto quello che componeva la "dote" del quale fu usato poco o niente per non sciuparlo.

    I tuoi post mi riportano sempre alla mente qualche ricordo che non "ricordavo" da tempo.
    Grazie

    E' bellissimo perdersi, lo dico da sempre :-) peccato che non sia sempre facile per tutti capirlo.
    :-)mandi

    RispondiElimina
  12. Questo post è meraviglioso. Complimenti.

    RispondiElimina
  13. Questo post entrerà nei miei preferiti!!!!

    RispondiElimina
  14. basta sedersi di fuori sul marciapiede ed aspettare che qualcuno di alzi :)

    RispondiElimina
  15. senza parole.. semplicemente meraviglioso e chissà quante altre meraviglie come questo post mi son persa..
    un caro saluto

    RispondiElimina
  16. Chissà quanti bimbi dagli occhi cerulei ha lasciato in giro per il mondo il buon vecchio Adorno, con la "casa" adornata da così tanti regali... Mi sa che la sapeva lunghissima...

    RispondiElimina
  17. Da quello che hai scritto in questo post e nel tuo romanzo, per il quale posso provare soltanto una sincera ammirazione, ne deduco che il nonno Adorno era un personaggio singolare sì ma anche eccezionale.

    RispondiElimina
  18. certo che alcuni nomi sono proprio profetici, se lo zio si fosse chiamato disAdorno altro che fedi e catenine, le cambiali vi avrebbe lasciato!

    RispondiElimina
  19. hai beccato la citazione di tolstoj, sei grande!

    RispondiElimina
  20. L'anno prossimo il Premio Strega ( anzi Stregone ) non te lo leva nessuno!
    La citazione Battaglin 81 è una vera chicca.

    RispondiElimina
  21. tu sei un ragno tessi le tue ragnatele con grande maestria!!!
    ps: ma che fine hanno fatto poi tutti gli aneli e gli orologi??? ahhhhhh
    1 bacio

    RispondiElimina
  22. Sto pensando a chi ha rovistato tra tutte le mie cose stipate per portarmi in ospedale quello che mi serviva...
    Le sorprese non saranno certamente mancate, e ci penso solo ora, dopo aver letto il tuo post...
    O mamma!!!

    Grazie per la poesia... se i tuoi racconti mi fanno morire dal ridere, quella invece mi ha commossa.
    Ma in fondo non cambia nulla, sempre un grande suscitatore di emozioni sei!
    Ti mando un grande abbraccio!
    Una farfalla al contrario.

    RispondiElimina
  23. Battaglin... che ricordi!!!

    Passami la battutaccia: su questo libro sono in molti ad averci buttato un occhio!!!

    Mirco

    RispondiElimina
  24. ha preso il meglio,gli occhi sono i multilingue dell'anima
    un salutissimo e dolce sera a te

    RispondiElimina
  25. Già, Battaglin...che scatti in salita

    RispondiElimina
  26. Buona sera Antonio
    C’è una cosa che ho preso da mio nonno
    e che io sappia non sono di certo gli occhi
    lui amava le belle donne…
    ed io che sono femminuccia
    amo gli uomini..
    per precisare il “MIO UOMO”
    ..
    P.S. spero di aver scritto senza errori
    Visto che una parte di ciò che commento
    È coperto dalla parete del tuo blog
    ..
    …………………….Semplicemente

    http://amandoci5.myblog.it/.....

    RispondiElimina
  27. Bello il leit motiv degli occhi belli e inquietanti, così come il nonno, parente stretto ma estraneo. The dark side of the moon è una costante nei tuoi romanzi brevi.

    P.S.
    Immagino tu sia stato al Vittoriale degli italiani...Che posto appiccicoso!

    RispondiElimina
  28. ah ah ah ah ah ahahahaha....lo avevo notato anch'io !!!

    RispondiElimina
  29. lo sai che il mio cognome da sposata è McKenzie? E' sempre difficile capire se ciò che scrivi è autobiografico o inventato, mi piace pensare che sia la prima perchè i tuoi personaggi li vorrei avere io come parenti... così originali, così astrusi, degni di un libro davvero. Quella della distribuzione degli organi è una definizione FANTASTICA!!!!

    RispondiElimina
  30. Sempre belle le tue storie. Un saluto. :)

    RispondiElimina
  31. weeeeeeeeeeeeeeeee antonio ma che bello sapere che non siamo poi cpsio pochi noi estimatpri degli stranglers tutto pene tu?

    RispondiElimina
  32. Hello Antonio :))
    la copertina di questo romanzo è molto thriller !!!!
    ah ah buona giornata e grazie delle tue visite.
    Myriam :)

    RispondiElimina
  33. ...è davvero un bel racconto...:-))

    RispondiElimina
  34. Ci dev'essere un bis-tris-quadris-nonno Adorno anche nella mia stirpe perchè non si capisce da chi ho preso gli occhi io... ... ... L'unico ad averli come i miei era il cane, ma lui non vale.

    RispondiElimina
  35. Quando guardiamo nelle cose degli altri si spalancano buchi neri abissali ........

    RispondiElimina
  36. Ci sono occhi che continui a guardarli anche se il loro sguardo si è posato da un'altra parte. Ci sono occhi che non ho mai visto ma che continuano a vedermi da lassù.
    Doriana

    RispondiElimina
  37. Una volta ancora, grazie. Anche a nome di tutti quelli che hanno avuto un "chiodo storto" per nonno.

    RispondiElimina
  38. @Vagamundo: legnotorto... Mica "chiodo storto" :-)

    RispondiElimina
  39. Una volta, tanti anni fa, gli occhi enormi proiettati dal maxischermo del cinema mi facevano un pò paura...oggi adoro i thriller...
    Fe-no-me-na-le....

    RispondiElimina
  40. per un attimo ho sperato che le fedi nunziali fossero delle sue mogli, ma sarebbe stato banale. strozzino, almeno col sesso doveva essere convenzionale...

    RispondiElimina
  41. spigo
    mi ricordo di un vecchio armadio che avevamo nella mia famiglia preso usato dentro c'erano tutte le spese di quelli che ce l'avevano venduti
    il vecchio era taccagno e aveva un armadio per bloc notes
    ma roba da matti
    bello il tuo raccontare jar
    buona domenica
    barche

    RispondiElimina
  42. adesso che ho un blogspoot anch'io posso commentare senza apparire anonima
    speta che provo ostrega
    spigo
    barche

    RispondiElimina
  43. prova 1 2 3 prova
    funzionaaaaaaaaaaaaaa
    e vai!!! ciao jar
    barche dalla sua porta del mare

    RispondiElimina