venerdì 27 agosto 2010

3 canzoni

"From all of these signs saying sorry but we're closed all the way down the telegraph road”
Telegraph road – Dire Straits – 14minuti e 21secondi

Una delle poche canzoni che ti permettono di rollare e fumarti una bella canna in santa pace, pensò il dj prima di scuotere la cenere. Il filtro era un vecchio biglietto della metro di Londra.

"Sono fumato fino a portobello road."

La cenere formò sul pavimento nero come una striscia di stelle.

"Ora apriamo i microfoni alle vostre richieste" - disse senza troppa voglia sperando che a quell'ora non ci fosse il solito fesso pronto a dedicare "please don't go" alla fidanzata.

"Cos'è un telegrafo ?" - una voce sottile fece subito eco nello studio.

"Bellissimodadovechiami?" - pronunciò la sua formula magica sperando quella voce non fosse vera, ma il solito difetto della cuffia destra.

"Tipo telefono?"

"Macche telefono, col telegrafo si comunicava con un alfabeto speciale. Ci voleva il ...il morse" - gli venne finalmente in mente. Quel libano rosso era veramente forte.

"Hai presente punto linea, punto, linea..."

"Era per mandare le richieste di aiuto ..." - disse il ragazzino.

Chissà perchè del telegrafo ci rimane solo quello. Salvate le nostre anime : SOS. Solo quello. Sono Ormai Solo (da sempre-per sempre)

"No, si poteva comunicare di tutto ad ogni lettera corrispondevano dei segni ..."

"Sono solo, la canzone mi piaceva, ma non ho dediche" - disse il ragazzino senza una bava di paura.

Non voleva chiedere nulla, sapeva che non era la trasmissione giusta per quel tipo di domande verità, ma quella voce gli faceva venire in mente tante cose.

"La mamma balla anche stasera" - anticipò il ragazzino mentre la cuffia comincio a ronzare.

Lo sapeva bene da dove chiamava quel ragazzino.

"MMmmmm MMMmmmm Mmmmmm I believe in memories They look so, so pretty when I sleep."

Come mai la vita non è come una canzone di Jack Johnson ?

Si ricordava bene dei brutti mazzi di fiori, dell'odore che lasciavano nella stanza il sudore e i deodoranti stick, delle sveglie mancate, di quello sbagliato che sembrava giusto la sera prima, lui e la mamma sempre spettinati in ogni occasione persino durante la prima comunione. Due selvaggi da condominio, due bottoni lenti, due coriandoli dopo la festa.

"Telefoni da casa mia" - avrebbe voluto dire al ragazzino

La voce si stroncò come una canzone quando entri in galleria.

Era il momento di una metterne una , per finire il fumo comprato ieri, collaudare il vecchio modo di star male.

Tiny dancer – Elton John – 6minuti e 17secondi

48 commenti:

  1. Non ci ho capito molto, ma oggi - prima giornata di lavoro dopo un mese di vacanza - non sono molto in forma.

    RispondiElimina
  2. supernature di cerrone ti dà il tempo anche per un ice-bong.

    RispondiElimina
  3. Zenzerinoooooooooooooo
    belle canzoni si !!!!

    buon lunedi
    baci

    RispondiElimina
  4. ti dirò cosa penso, te lo dirò

    RispondiElimina
  5. ma secondo te, la musica, lo può salvare 'sto mondo infame?!?

    io, come sempre...dubito.

    però l'ascolto lo stesso.

    volovivace

    RispondiElimina
  6. chi lo sa volovivace

    ESERCIZI SPIRITUALI

    Ti prego non seguire
    fra tutte le follie
    questo precario affannoso salvare
    sempre qualcosa: effimere
    cantine ho già riempito
    e soffitte e librerie.

    A lungo non resiste, altrove presto
    s'infuma, la mela che non mangi.

    Doniselli Francesco

    RispondiElimina
  7. @giardi: io salvo lo stesso, raccolgo, accumulo e nella mia follia mi crogiolo

    RispondiElimina
  8. musica e versi per mandare un sos! stupenda e scura come quella macchia in mezzo ai seni…

    RispondiElimina
  9. ._ _ .. .. ._

    anni di scout per impararlo... :P

    RispondiElimina
  10. ci sono canzoni fatte apposta per fare molte cose diverse
    ci sono voci che non avranno mai un volto
    come molte parole
    ma che conosci meglio di un viso che guardi ogni giorno
    ci sono storie che ci somigliano, purtroppo
    e altre che voremmo ci somigliassero...

    me la son goduta, la vacanza e me la voglio godere, la vita...
    :-)mandi

    RispondiElimina
  11. Urca!!!!
    Un buon tutto meravigliato!
    mirco

    RispondiElimina
  12. uahuahauahauaha antponio sei un mito fumato fino a portobello road ahahahahahah weeeeeeeeeee che t'avanza na rollata di rosso libanese? weeeeeeeeeeee

    RispondiElimina
  13. il miusicaio mi ha anticipato, ma per quel libanese rosso faccio richiesta lo stesso! :D Se ne avanza sono in fila... :P

    P.S.
    Che c'è un errore di battitura sul finale?
    "Era il momento di una metterne una"

    RispondiElimina
  14. era un po' che non venivo! mi sono mancati i racconti, sei veramente geniale. Mi domando sempre cosa sarebbe accaduta, se col il corpo, la coscienza e il sapere di adesso, fossi piombata nel mio passato. Sarei riuscita a evitare errori invevitabili, inoltre, la me del futuro, sarebbe più esistita? Morire per dare una vita migliore al mio passato. Semplicemente impossibile, forse, e per fortuna.

    RispondiElimina
  15. zenzerino, molla la canna e prendi la penna, la storia ha bisogno di editing, non si capisce molto - ma prendi un 6+ per lo sforzo (a me mi sospendono invece perchè ho fatto troppe forche!) LOL

    RispondiElimina
  16. Fantastica poesia. Musica soave. Un saluto cordiale.

    RispondiElimina
  17. Uno sballo degno di un DJ navigato al rollio:)
    Si potrebbe fare l'elenco di telefonate che si ricevono in base alla sostanza che uno si immette nei polmoni.
    - Erba: la signora dell'ascensore ti chiama perchè vuole fardi un altro giro con te
    - Libano giallo: ti chiama lo zibo di turno e ti chiede di mettere un lento perchè finalmente ha trovato l'anima ziba
    - marocco: beh a chiamarti è la donna con la borsetta strapiena, vuole una musica sensuale per provare il suo ultimo ritrovato, o ri-trovato. Non si è mai capito quanti ne abbia in borsetta.
    Afgano nero: Beh qui ti chiama direttamete Gheddafi da Roma chiedendoti una danza araba, 150 escort da accontentare sono un pò troppe e il suo amico tinto si è già spompato questa primavera.
    Un consiglio, i filtri marca ATM sono i migliori...rigorosamente timbrati.
    Doriana

    RispondiElimina
  18. Va bene che i metalli e le sostanze contaminanti rimangono nei capelli ma cosa ti sei bevuto prima di andare su facebook?

    RispondiElimina
  19. Questo post è toccante e meraviglioso, è uno di quelli che sicuramente mi ha coinvolta di più...

    Mi ronza nell'orecchio la frase "Salvate le nostre anime : SOS. Solo quello. Sono Ormai Solo (da sempre-per sempre)"

    Grazie come sempre, un mega abbraccio da dopo le vancanze (Che ho trascorso, in parte, anche in Toscana ;-))

    RispondiElimina
  20. LA PROSSIMA VOLTA
    Era ubriaco, e mi stava cantando una vecchia canzone di De Gregori al telefono.
    La voce, in sotto tono etilico, andava sempre più affievolendosi in bisbigli indistinti.
    Di sicuro si sarebbe addormentato con la cornetta in mano.
    La voce impastata di alcool e sonno, e la mente confusa a rincorrere qualche sconcia fantasia masturbatoria, quelle che gli ubriachi ululano alla luna, lui me l'andava sussurrando al telefono, mischiando i versi di De Gregori con i monosillabi dei suoi desideri.
    - La prossima volta avrai la mia dedica per radio, baby. La prossima volta non stonerò -

    A volte basta di una sola canzone, Antoine, ma deve essere quella giusta.
    Un bacio
    Marilena

    RispondiElimina
  21. weeeeeeeee ciao antonio mi saluto amaranta da parte di pony pelase?

    RispondiElimina
  22. ciao Giardi
    belle canzoni!!!

    un abbraccio ^__________^

    RispondiElimina
  23. belle canzoni ma soprattutto bel blog ;)

    RispondiElimina
  24. Amaranta ma sei stupenda.....
    Ti canterei tutte le canzoni di De Gregori....
    Ciao Antonio, bel post, mi ricorda tanto gli anni felici della giovinezza.
    Fernando

    RispondiElimina
  25. Mannaggia m'hai fatto torna' indietro alla bellissima età di vent'anni - 1950 - quando facevo la naja ed ero marconista.
    ..... - col morse vuol dire "accidenti a te" così ci divertivamo tra commilitoni.

    RispondiElimina
  26. ops,mi son scordata le favole!!! rimedierò...
    In ogni canzone c'è sempre un pizzico di vita vissuta e di passato....
    un salutone dal profondo blu

    RispondiElimina
  27. sempre sibillino ma con la mira giusta eh!!!
    ^^^^
    linee e puntini : un gergo che usavo per messaggini d'amore|||
    fantastico ricordare
    buona serata di fine agosto

    RispondiElimina
  28. Un commistione fra versi musicali e riflessioni conseguenti.Con un risultanto straniante..... ma neanche troppo. Bello!

    RispondiElimina
  29. Questa sopra ero io
    http://specchio.ilcannocchiale.it

    RispondiElimina
  30. -Due selvaggi da condominio- mi piace molto questa definizione è così teneramente amara.
    Una sceneggiatura molto cinematografica .... meglio ..... radiofonica .....
    Mi siederò sul divano, chiuderò gli occhi, ascoltando ....... miaooooooooùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  31. eh, sì...

    grazie.

    è una lezione di vita.

    me ne approprio...

    volovivace

    RispondiElimina
  32. extra:mi piaceva di più il ritratto di te scrivano che questo di noi lettori... sei più fotogenico di noi :)

    RispondiElimina
  33. non devo per forza averla capita, per dire che mi piace... vero?

    RispondiElimina
  34. Questo racconto mi ha semisconvolta..
    Non so perchè, mi hai stupita!
    I soliti complimenti, sei bravobravo, mi piace come scrivi, e anche le storie sono belle e blablabla.
    Però stavolta mi hai sconvolta!

    Bellissime anche le canzoni..
    felice d'esser tornata a casa!
    B

    RispondiElimina
  35. BELLISSIMODADOVESCRIVI! grandissimi, tu amaranta e doriana.BACI

    RispondiElimina
  36. buon settembre jar

    qui ci potrebbero stare bene impressioni di settembre della PFM come canzone

    abbraccio

    RispondiElimina
  37. ero io sopra barche di carta

    RispondiElimina
  38. Quando facevo il programma in radio (era appena stata inventata, più o meno) c'erano sere in cui avevo poca voglia di parlare e allora sfilavo dalla custodia Love over gold e vai con Telegraph road e Private investigation.....mezzo programma era già andato......

    RispondiElimina
  39. Grazie Ady.
    Questo commento mi è venuto spontaneo. All'università agli esami di biologia vegetale e anatomia umana e chimica tossicologica presi 30 e lode:DDDDD
    Ti lascio indovinare uno dei perchè:DDDD
    Doriana

    RispondiElimina
  40. Se aggiungiamo un pagina strappata alla bibbia come cartina, un biglietto delle FF.SS. con i bordi tagliuzzati, e un'anima rintuzzata da una o due delle tue canzoni frusciata da una cassetta con l'autoreverse....

    RispondiElimina
  41. weeeeee antonio hai mica visto passare di qui la mia gallina da scogliera per caso?

    RispondiElimina
  42. mi è piaciuto il racconto ma posso confessarti di non conoscere nessuna delle canzoni da te citate..... ti sento gia che gridi ANATEMA!!!

    RispondiElimina
  43. quante solitudini pero' in questo racconto...
    bellissima colonna sonora.
    ciao prezioso blogger

    RispondiElimina
  44. Anche solo per " due bottoni lenti " meriti un biglietto gratis a vita per i concerti di Elton John! Bacio

    RispondiElimina
  45. Mi hai ricordato la mia carriera mancata come dj...

    RispondiElimina