martedì 22 giugno 2010

SERENERE

ripenserai agli angeli

al caffe' caldo svegliandoti

mentre passa distratta

la notizia di noi due




Parlo con te
Parlo con te papà, babbo del futuro.

A te che hai fatto tre ore di coda in biglietteria per il circo della Pimpa.
A te che eri in seconda fila quando le Winx hanno pattinato sul ghiaccio.
A te che l'unica
ballads in inglese che conosci per intero l’hai cantata per farla addormentare.
A te che l’hai tenuta sulle spalle al concerto di Tiziano Ferro.

Perché una sera lei tornerà a casa e ti dirà :

"Babbo sono andata ad ascoltare i Barentseiz 3, un gruppo Islandese che fa del combo rock indie dada contaminato con soul e tanta classica. Pensa che i riff di chitarra sono registrati insieme con dei brani di viola che però non è accordata ..."


… in quel momento saprai di averla un po’ perduta.

55 commenti:

  1. la foto è presa da :
    http://meschino.fotoblog.it

    RispondiElimina
  2. E sarà più che giusto così....

    RispondiElimina
  3. io gli ho detto a sei anni che ascoltavo i King Crimson, Jaco Pastorius e Captain Beefheart. S'è girato su se stesso inveendo contro mio cugino e non m'ha parlato per un giorno. :/

    RispondiElimina
  4. La cosa drammatica sarebbe stata ascoltare Tiziano Ferro per il resto della vita.

    RispondiElimina
  5. é uno di quei casi in cui è meglio perdere che trovare. Se non vola con le sue ali, come fa il mondo d andare avanti?

    RispondiElimina
  6. Ed io ho già i brividi al pensiero...però è vero è giusto che sia così! Quant'è bello questo post...cuore di mamma sta parlando! Ciao!

    RispondiElimina
  7. Elisa da Rimini28 giugno 2010 10:21

    Viva Tiziano Ferro

    RispondiElimina
  8. SONO STATA QUELLA......
    Sono stata la sua prima ragazza.
    Quella che lo consolava, che se lo stringeva nel lettone quando stava male.
    Quella che dava senza aspettarsi alcun ritorno.
    Quella sincera, attenta, però, a non ferirlo.
    Sono stata la sua prima maestra.
    Sono stata la sua compagna di giochi, quando il cattivo tempo non permetteva di uscire.
    Sono stata quella con la quale, talvolta, si è confidato.
    Sono stata la prima adulta con la quale si è raffrontato.
    Sono stata quella con la quale ha avuto i primi seri scazzi.
    Quella che si preoccupava dei ritardi, la rompiscatole che però non ha mai cercato d'invadere campi che era giusto non invadere.
    Sono sua madre.
    Lo sarò per sempre :)

    Molto tenero questo tuo post.
    La dichiarazione d'amore di un padre alla propria figlia.
    Un bacio
    Marilena

    RispondiElimina
  9. AL FIGLIO
    Di C. Lebowski Cavallini

    Stasera ho pensato di insegnarti questo :
    tu ribellati
    qualunque cosa accada :ribellati
    ribellati alle lettere allineate
    ai colori alle cornici introno al foglio
    agli indici nei libri alle immagini nel verso giusto
    agli orli alle cinture ai calzini uguali
    ai bottoni sempre nelle asole
    e alle asole sempre in cerca di bottoni
    ai saponi alle creme ai dentifrici raccomandati
    alla pelle che si rimargina alle cicatrici ai calli ossei
    alle donne ai sentimenti ai patimenti
    al tempo che guarisce tutto
    e al dolore che si lascia guarire
    a me soprattutto e certo


    (a me soprattutto e certo)

    RispondiElimina
  10. niente male questo blog

    RispondiElimina
  11. ma quelle file, quei concerti, le ninne nanne saranno un buon viatico per il distacco inevitabile :-)

    RispondiElimina
  12. Uff..peccato che non potrò MAI DIVENTARE PAPA'!

    RispondiElimina
  13. l'è dura la vita del babbo...

    poi però tornano sempre a casa ;)

    RispondiElimina
  14. ma meno male che si cambia gusto, poi! :)


    vorrei invitarti a visitare il forum http://versinvena.freeforumzone.leonardo.it/
    e a parteciparvi, caso mai.

    RispondiElimina
  15. weeeeeeeeeeeeee ciao antonio bello, che si racconta di bello? ti piace il figlio kikkomusicaio vero?

    RispondiElimina
  16. Ahah...bellissimo...abbiamo fatto tutti così...Non ti abbattere...Un sorriso di simpatia...Silesia

    RispondiElimina
  17. la vita è una ruota...

    mirco

    RispondiElimina
  18. NOOOOOOOOOOOOOO
    è la kicca che è tutta del musicaio !!!!!
    ahahahahahahahahahah :)))))))

    buon lunedi

    RispondiElimina
  19. Giardy, attento, stai mostrando i tuoi lati deboli.....riski molto. Riskiatutto? ma no....i figli so pezzi e core.
    Un bacio.
    elisena

    RispondiElimina
  20. Che s'adda fa pe campà... Dopo il circo, le winx e soprattutto dopo Tiziano, il suicidio sarebbe stata la cosa più veloce e risolutiva del mondo.

    RispondiElimina
  21. e che è 'sta roba che ascoltano adesso

    ai figli bisogna dare ancora pink floyd led zeppelin altro che scatolette e omogeneizzati o latte islandese...eheheheh:-)
    barche di carta

    RispondiElimina
  22. :-) mio padre mi ha fatto conoscere: Beatles, Elvis, Rolling stones. Musica che ho amato da quando avevo 13 anni fino ad ora.

    RispondiElimina
  23. il giorno più doloroso è stato quando mio padre, mentre eravamo parcheggiati sulle poltroncine del mac donald, mentre io parlavo da piccola donna, senza risentimenti apparenti nel tono della voce, dei suoi errori, del suo aver divorziato da mamma e da me, mi ha detto la verità. Dolorosa, che non si deve mai dire. Che non si dovrebbe mai ammettere. Ancora ora, sebbene entrambi la conoscevamo, suona come la lama in una ferita. "lo so, e ti ho perduta".

    RispondiElimina
  24. Un momento comunque davvero speciale...mi sembra di poterla immaginare, bella, in quell'età irripetibile. Un bacio da parte mia!

    RispondiElimina
  25. Grazie per la 'ballad', che emozione ripensare a quei tempi... e usavo pure lo stesso smalto per le unghie di Nuno...
    Kris

    RispondiElimina
  26. è così dolce
    è così triste
    forse no... immagini ma non sai...
    forse continuerà a confrontarsi e crescerà solo in parte...
    forse ecco... è proprio così

    RispondiElimina
  27. weeeeeeeeeeeeeeeeeee auoga uoga antonio e ricorda pissi pissi bao bao ajajajaajahajhajahah

    RispondiElimina
  28. I figli non si perdono mai, nemmeno quando se ne vanno lontani centinaia di km. Il rapporto si evolve ma la libertà che diamo loro ce lo restituisce sotto forma di piccoli gesti spontanei, magari sporadici, ma fatti per scelta e per desiderio puro di condivisione..

    RispondiElimina
  29. Non so per le winks e la pimpa ma ad un certo punto ricomincera` ad ascoltare Tiziano Ferro!
    francesca

    RispondiElimina
  30. la poesia è splendida.
    grazie

    RispondiElimina
  31. I gruppi islandesi sono una fonte di sorprese, sii fiero di lei!

    RispondiElimina
  32. a proposito degli extra: questo mondo sarà pure una valle di lacrime, ma io ci piango tanto bene (cit. ma non so da chi, stava in un film molti anni fa)

    RispondiElimina
  33. I figli crescono, e le mamme invecchiano...i papà non lo so...!

    RispondiElimina
  34. futuro papà?
    parli con me?

    spero che non sia vero, dato che non vedo la mia ragazza da due settimane.

    RispondiElimina
  35. bello come scrivi! grazie di essere passato da me.

    RispondiElimina
  36. si ma tiziano ferro, anche tu però...

    RispondiElimina
  37. @Mafalda: zitta tu che giri con lo zecchino d'oro nell'ipod

    RispondiElimina
  38. Eppure Giardi tra i suo ricordi più cari non ci sarà il figaccione biondo là davanti al concerto comborokclassico scordato di viola, ma un papà con aria rassegnata vicno mentre strilla di gioia tra le lacrime per il suo Tizzi . Un abbraccio da una figlia gatta

    RispondiElimina
  39. che tenerezza...
    e sorrido pensando a mio papà a tutta la musica ad alto volume che gli faccio ascoltare elogiando gruppi su gruppi ^_^

    un caro saluto

    RispondiElimina
  40. mio padre, era lui che comprava i dischi dei Genesis e degli Who, e ascoltavamo i
    Pink Floyd andando in Calabria im macchina. Dopo dalla California io gli mandavo le cassette di LES MISTERES DES VOIX BULGARES, BYRNE, SAKAMOTO, PENGUIN CAFE', JOHN ADAMS, SOCIAL DISTORTION,GEOFFREY ORYEMA coninuando così il dare/avere fra genitori e figli.

    RispondiElimina
  41. Io adoro Monica Maggi...
    Lei potrebbe essere la mia mamma, e se dovessi scegliere un papy forse lo vorrei proprio mattacchione e profondo come te..ops Maestro^_^
    Baci...

    RispondiElimina
  42. Non so se sarò mai dall'altra parte per poter capire...

    RispondiElimina
  43. weeeeeeeeeeeee antoniooooooooo sciauzzzz dimmi ma tu sei pensionato?

    RispondiElimina
  44. ok antonio deo resto tra dinosauri ci si potrebbe pure intendere

    RispondiElimina
  45. non pensare a dopo! pensa al presente e anche se la vedi crescere, fai finta di non accorgertene, ehehehehheh
    non li dimenticherà mai tutti bei momenti con te e i posti dove l'hai accompagnata... anche se ad un certo punto è giusto che cresca e vada ai concerti con qualcun altro. tanto ti vorrà sempre bene... il problema è più tuo perché nel frattempo di sei abituato a farle compagnia in tutto ...

    ^______________^

    RispondiElimina
  46. Grazie per queste riflessioni. Ne faccio tesoro perchè so che presto capiteranno anche a me. E' bellissima questa dichiarazione...avercene di padri come te!
    I tuoi video son sempre fantastici!

    RispondiElimina
  47. extra:
    1)morde?

    2)puoi dirlo mai!

    RispondiElimina
  48. Intanto i miei complimenti sinceri per il post (videi compresi), poi una considerazione di madre: quando insegni ad un figlio a volare, indirizzalo sempre verso mete più alte:-)

    RispondiElimina
  49. Tenero e delicato post! La poesia di C. Lebowski Cavallini è splendida. La metterò volentieri sul mio profilo di FB (sempre che non ti dispiaccia!) a beneficio mio e dei miei amici. Un caro saluto!

    RispondiElimina
  50. Un post da far sciogliere il cuore.
    Li accompagnavo alle feste degli amici,e li andavo a riprendere...(ma non ti far vedere,mi prendono in giro)
    Andavo alle riunioni dei genitori per tutti gli anni di scuola.
    Ascoltavo la loro musica,cercando di capirla o capire loro.
    Poi ,avranno letto lebowsky?,si sono ribellati!Agli orari,alla cucina di casa,all'ordine,ai buoni sentimenti,a me.
    E meno male,o no? che sono ritornati,ritornano sempre.

    RispondiElimina