martedì 8 giugno 2010

caratteri



,

34 commenti:

  1. ma la faccina con la x sulla bocca ma che significa...?
    Non l'ho mai capito... :(

    RispondiElimina
  2. che si è rotto il palloncino. Buone quelle gomme lì!!!

    RispondiElimina
  3. Grandi anche i nomi dei protagonisti... Big e Babol

    buon tutto mirco

    RispondiElimina
  4. siamo giunti al senza parole :-)

    RispondiElimina
  5. Appendice al tuo miniracconto:
    " Non gettate le cicche per terra"
    Mi sono rotta di rimbalzare all'indietro quando ne pesto una di questa marca.
    Doriana

    RispondiElimina
  6. Le masticava l'altra nonna per stupire il nipotino:-)

    RispondiElimina
  7. 31 giorni a giugno, 31 luglio e 31 ad agosto: esoso!

    RispondiElimina
  8. fai una bolla e dentro mettici le parole
    saranno appiccicose e fruttuose

    barche di c
    ciao jar

    RispondiElimina
  9. Non sono mai riuscita a fare un palloncino… ho la lingua impedita! :(

    RispondiElimina
  10. Quante ne ho mangiate da bambina!!.. :)

    RispondiElimina
  11. Anche una confezione di big babol può, molto meglio di tante parole, dirla lunga su uno stato d'animo. Coraggio, adda passà a' nuttata!
    Bacio.

    RispondiElimina
  12. poveri noi che figuraccia la bandalippescosmidollata!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  13. Mi ricordo quando uscirono sul mercato:faceva la pubblicità (anzi la réclame) Daniela Goggi...

    RispondiElimina
  14. Che maleducazione, fare i palloni in pubblico...

    RispondiElimina
  15. .. caspiterina se me le ricordo ^ __ ^
    ho imparato così a gonfiare i palloni e si faceva a gara a chi riusciva a fare il più grosso
    un caro saluto

    RispondiElimina
  16. Chiudo gli occhi e sento in bocca quell'aroma di fragola e in un attimo rivivo gli anni 80, ero bambina e facevo a gara con i miei amici a fare le bolle con i big babol..
    Oggi deciso, me ne compro un pacchetto

    RispondiElimina
  17. UNA STORIA BIG BABOL
    Unite le lingue, come gemmelle siamesi, da una Big Babol.
    Cementificate alla punta.
    Condannati gli occhi di lei a fissarsi in quelli di lui.
    L'unica cosa positiva che vedeva in quella situazione assurda è che avrebbe avuto tutto il tempo di capire quanto di vero c'era nel sentimento dichiarato da lui.
    Gli occhi rivelano ciò che la lingua sottace.
    E sorrise mentalmente su questa ultima constatazione, valutando la realtà grottesca del momento.
    Ma lui, però, non pareva in grado di sopportare quello sguardo così intenso ed aperto.
    Socchiudeva gli occhi davanti allo specchio di quelli di lei e, cosa peggiore, tentava, con piccoli strappi nervosi, di staccare la sua lingua dalla sua che, invece, era distesa e serena.
    Lui si stava innervosendo, mentre lei avrebbe potuto rimanergli così attaccata per sempre.
    Strappi nervosi e goccioline di sudore sulla fronte.
    E quegli occhi sfuggenti.
    Quello stupido gioco erotico, infantile e mal riuscito, iniziava a rivelarle parecchie verità.
    Lui guardava sempre più ansioso l'orologio, dando strattonate sempre più violente alle povere lingue, senza ottenere granchè di risultato.
    Lei si limitava ad osservare tutto quel da fare inconcludente, sorridendo mentalmente alla verità che velocemente stava facendosi strada.
    Lui ora grugniva dal naso tutta la sua impotenza, sollecitando anche la sua collaborazione.
    Nervoso ed esausto.
    E sempre più sudato, mentre il bolo appiccicaticcio stava tramutandosi in una sorta di Super Attak.
    - eo ndae - Frase gutturale, ripetuta come una nenia ossessiva e con grande sforzo.
    Voleva solo scappare via.
    Allora lei, dolcemente, iniziò ad indietreggiare fino alla credenza trascinandosi dietro anche lui, dapprima recalcitrante, ma poi ubbidiente, intuendo che forse lei aveva a portata di mano la soluzione a quell'increscioso e ridicolo incidente.
    Brevemente lei frugò nel cassettino delle posate, trovando ciò che cercava, un coltellino da frutta.
    Glielo fece balluginare per un momento davanti agli occhi e poi, sorridendo mentalmente, con un colpo netto tranciò sulla lingua di lui, liberandolo.
    - Sei libero. Ora uoi andare - Disse sputando il pezzetto di lingua che non le apparteneva

    I racconti senza parole sono super.
    Un bacio
    Marilena

    RispondiElimina
  18. Eccomi, eccomi!
    Non mi son mica dimenticata di te!
    Son solo presa ultimamente!!

    Ahahahah! ^.^

    Ma ve le ricordate le bib babol alla pesca, alla banana e alla menta (dolciastre lo stesso) che c'erano ancora all'inizio anni '80 fine anni '70??

    RispondiElimina
  19. a dir poco odioso l'odore... :)

    RispondiElimina
  20. Trama romanzo dal contenuto gonfiato!
    Puoi far di meglio, caro Giardi :o)

    RispondiElimina
  21. tratto dalle pagine del libro bianco

































    pausa caffè

    weeeeeeeeee antoniooooooooooooo

    RispondiElimina
  22. Ti sei superato... Non sei un ermetico, di più. Che ce l'hai una gomma?

    RispondiElimina
  23. a proposito di gomme...ieri le ho cambiate alla mia macchina...per la modica cifra di 800 euro!!!....C-loro!!

    RispondiElimina
  24. ciao antonio un raccontino veramente espressivo, la faccina di meraviglia mi fa pensare che l'argomento è atipico
    un saluto e dolce week end

    RispondiElimina
  25. Se perdi l' attuale lavoro hai un futuro come pubblicitario od anche come comico.....ciao.

    PS ma è risaputo che i fiorentini sono ironici

    RispondiElimina
  26. tho, sei toscano anche tu?
    ovvia, per questo 'e ti 'apivo!

    RispondiElimina
  27. sei in errore mio caro! eh si, t'ho scoperto: si dice "con VERO succo di frutta!".
    Confessa!?
    (è una domanda)ma allora: qual è il racconto più corto del mondo?
    BOH!

    RispondiElimina