giovedì 13 maggio 2010

Risvegli


La musica sembra arrivare da un quasar lontanissimo.
Copre appena il ritmo della pioggia...
Dalla radiosveglia Laura mi urla che non può più dividersi tra me e il mare.
Non mi ricordo se ho chiesto mai un simile sacrificio ad una donna; da quando mi sveglio a quest'ora?
Al solito ho un 'altra
sintonia
Osservo la forma di conchiglia che lascio sul letto appena alzato.
... perchè si diventa sabbia.

50 commenti:

  1. due post sono sempre meglio di uno! tutti i link hanno un filo rosso comune...

    in quelli di sett troverete respiri famosi

    RispondiElimina
  2. E se in ogni cosa ci fosse un po' di mare?
    Anche dentro di noi... onde e sale a muoverci...

    RispondiElimina
  3. Io te l'ho già detto ma mi obblighi a ripetermi ancora una volta:
    Come scrivi te? Uno spettacolo per tutti i sensi!
    E grazie degli auguri...
    polepole

    RispondiElimina
  4. decisamente un'altra sintonia. Meglio sabbia bianca e profumata di mare che cenere :-)

    RispondiElimina
  5. magari si diventasse sabbia, fluidi e cambievoli(changeable) di forma ma con l'essenza intatta seppur infinita di numero. Purtroppo col tempo si diventa ma pietre. Stolidi e immobili sui nostri punti che solo una catastrofe naturale o un calcio ci può smuovere dalla nostra base....

    RispondiElimina
  6. Se accosto una conchiglia all'orecchio, ascolto il suono delle onde del mare e se all'orecchio accosto il tuo materasso che accade? Sento, per caso, i tuoi VENTICELLI ?!
    ;-)

    RispondiElimina
  7. Si, che sia sabbia o cenere che cambia?
    Il romanticismo di cui è intrisa la frase.
    Eppoi, non rieco proprio a capire perchè debbono rompere le scatole, se la nostra sabbia o cenere che sia, la vogliamo spargere al vento, nel mare, in un prato, sul fondo di un lago........polvere alla polvere, cenere alla cenere!
    Lo diceva anche Lui!Syl

    RispondiElimina
  8. di tutto ha combinato qui cazzarola e li?

    RispondiElimina
  9. ..il mare è già inquinato:-)))

    RispondiElimina
  10. ehi uomo, sono l'uomo sabbia. ragazzo, ho notizie per te; ti cacceranno in prigione e sai che non possono fallire, perché la sabbia è più spessa del sangue. ma una prigione nella sabbia è un rifugio nell'inferno, perché una prigione può darti una prigione e uno scopo può trovarti un ruolo su un campo fangoso a newcastle, dove piove così tanto e non puoi aspettare un tocco del sole e della sabbia, sole e sabbia…

    ( genesis )


    volovivace

    RispondiElimina
  11. guarda io laura (palmer o pausini che sia) la lascerei volentieri al mare...

    RispondiElimina
  12. Sto nel fragore
    di un lido tormentato dalla risacca,
    stringo in una mano
    granelli di sabbia dorata.
    Soltanto pochi! E pur come scivolano via,
    per le mie dita, e ricadono sul mare!
    Ed io piango, io piango!
    O Dio! Non potrò trattenerli con una stretta più salda?
    O Dio! Mai potrò salvarne
    almeno uno, dall'onda spietata?

    Edgar Allan Poe – "Un sogno dentro un sogno"

    Esser sabbia vuol dire anche questo, nessuno riesce a trattenerla, scivola via libera verso il suo destino.

    RispondiElimina
  13. uhhhhhh che bello qui
    spetta che mi ambiento e poi ricommento
    Ma cos'è da rifare?
    Il post?
    Io?
    buona la prima perchè per la seconda non c'è rimedio
    :-)mandi

    RispondiElimina
  14. Quando diventi sabbia per lei conti e non conti. Lei è con il mare, come le onde che avanzano e inditreggiano sulla tua spiaggia, il mare se la prende e se la riporta. Ma lei sta sempre con lui il mare.
    Sei sabbia?
    Lo sai se sei mai diventato sabbia?
    Se una donna ha mai dovuto scegliere tra te o altro?
    Se tu glielo hai mai chiesto?
    Ma è una domanda necessaria da porre o la donna intelligente se la auto pone e sceglie?
    Mi preoccupo di più quando non mi si pone proprio il problema.

    RispondiElimina
  15. Io ho sempre detto di sentirmi sabbia e acqua di mare, ma tu a volte sei un tantino ermetico, eh?
    :p

    RispondiElimina
  16. Sono pronta a diventare sabbia, piuttosto che un fossile... di conchiglia! Baci

    RispondiElimina
  17. Che musica era, stellare? anzi: quasi-stellare.

    RispondiElimina
  18. sIMPATICO COME SEMPRE...
    BUON TUTTO!

    MIRCO

    RispondiElimina
  19. scusa l'ot ma adoro la tua nuova capigliatura nella foto!!! Toro imbizzarrito.

    RispondiElimina
  20. Ciao Antonio,
    sempre divertente ciò che scrivi ...
    hai mai pensato di tradurlo in libro questo tuo blog ?
    Molti lo fanno...
    Approposito, se ha te Laura ti dice che non si può dividere, a me nek dice che laura se ne è andata via...
    Chissà tra noi 2 chi è che stà peggio....

    RispondiElimina
  21. Adesso ho capito... è lei la tua musa? Ammettilo!

    RispondiElimina
  22. Potevo dirti bravo ma non l'ho detto.
    Potevo non dirti nulla ma l'ho fatto!

    Mannaggia! adesso che ci faccio con tutta questa sabbia...

    RispondiElimina
  23. ora che hai cominciato tu per primo non avrò remore a ripostare anch'io i post vecchi. Comunque questo era tra i miei preferiti. Repetita iuvant...

    RispondiElimina
  24. hai ripostato un post vecchio? Altro che girare i mobili di casa sei posseduto dalla personalità di tua madre! C'è uno psicologo disponibile ad analizzare quest'uomo dalle chiome luciferine?

    RispondiElimina
  25. Tra te e il mare mi ricorda una canzone scritta da Antonacci.
    Bel post.

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. si diventa sabbia
    perchè al risveglio altro non si desidera che il bacio del mare
    saliva che rinfresca
    la perpetua attrazione.


    un caro saluto

    RispondiElimina
  27. ahahahah altro che Anthony Perkins di Psyco !

    a mia discolpa posso solo dire che si tratta di una riscrittura, un aggiornamento insomma. Eppoi i Varano's volevano realizzare una copertina anche se nessuno gli fa mai complimenti (che professionisti!)

    grazie mara, grazie amanda !

    (ci saranno altre "riscritture" perchè le idee a volte mi mancano ma volte sono così nuove che si impongono)

    RispondiElimina
  28. i pittori rimaneggiavano le loro tele per anni, che il Giardi può essere da meno?

    RispondiElimina
  29. ...il suono della pioggia accompagnato dalla voce melodiosa del mare(si...impossibile dividersi quando il tuo "amante" è il mare...e sabbia sia!)

    RispondiElimina
  30. weeeeee antonio da un occhiata al mio secpondo blog lo trovi clikkando in alto a destra clikka la scritta clikkaqui, è il progetto che ti dicevo

    RispondiElimina
  31. Lo so, non si fa. Come quando uno racconta una barzelletta e c'è quello che non solo non ride ma si mette a fare domande come se la barzelletta fosse il racconto di un testimone sospettabile, o la formulazione di una ipotesi scientifica da cui dipenderanno ingenti investimenti.
    Allora, sei pronto a leggere quello che sto per scrivere senza perdere le staffe?

    Sì?

    E' questa domanda: scusa, ma se quando ti alzi dal letto lasci la forma di una conchiglia, sei conchiglia, mica sei sabbia.
    Sabbia è il letto.
    Poi dici che diventiamo - anzi, "si diventa" sabbia. "Si diventa" è diverso da "diventiamo". E' un insieme meno esteso, mi pare. Comunque più distaccato. Infatti è impersonale.
    Tornando al punto-linea: se sei conchiglia e se è il letto che è sabbia su cui lasci la tua forma alzandoti, e si diventa sabbia, vuol dire che si diventa letto. Insomma, io leggo così: mi devo alzare dal letto ma non vorrei proprio, anzi, io voglio essere il letto e sia lui ad alzarsi e andare conchigliando tutto il giorno in giro per il mondo.

    RispondiElimina
  32. Ho letto il commento di Rom e lo quoto al 100 per 100.
    Troppo forte la foto nuova del tuo profilo.
    Ciaoo.

    RispondiElimina
  33. poco a poco, erosi e corrosi dal tempo...

    RispondiElimina
  34. mai perdere le staffe anzi ci sono domande che le fanno ritrovare !

    direbbe Prevert

    Nella sabbia del tuo letto ti agiti sognando
    Demoni e meraviglie
    Venti e maree
    Lontano di gia' si e' ritirato il mare
    Ma nei tuoi occhi socchiusi
    Due piccole onde son rimaste
    Demoni e meraviglie
    Venti e maree
    Due piccole onde per annegarmi.

    oppure un semplice haiku

    Spuma e sabbia
    Nel letto sfatto. Come
    Dopo la marea.

    RispondiElimina
  35. Ciao Antonio ....mi piacciono le idee che hai ...complimenti !!!

    Un saluto e grazie dei tuoi passaggi da me
    buon week end
    baci
    kicca

    RispondiElimina
  36. ... e il naufragar mi è dolce in questo mare

    buona settimana giardi

    RispondiElimina
  37. Il Mare.
    Il mare è il mio più grande amante.
    Infido, xké talvolta ti culla, altre ti uccide.
    Ma tu gli sei fedele perché non puoi e non potrai mai smettere di amarlo. L'amore per le persone passa e va. Per il mare resta. Per sempre.


    Il Mare. Il mare incanta, il mare uccide, commuove, spaventa, fa ridere,
    alle volte sparisce, costruisce tempeste, non dà risposte, è saggio, dolce,
    è potente, è imprevedibile.
    Ma soprattutto il mare chiama.

    Non smette mai, puoi anche far finta di niente, ma non serve.
    Continuerà a chiamarti.
    Questo mare che vedi e tutti gli altri che non vedrai,
    ma che ci saranno,
    instancabilmente li sentirai chiamare.
    Senza spiegarti dove, senza dirti dove,
    ci sarà sempre un mare che ti chiamerà.

    (Alessandro Baricco - Ocenao Mare)

    RispondiElimina
  38. Ah , dimenticavo......scusi lei, signor Giardigno.....lo sa che non può intitolare così il suo romanzo?? "Risvegli" è un libro bellisimo scritto da Oliver Sacks, la accuseranno di plagio!!!!!!!!!Stia in campana!!!!!Non vorremmo mai perderla!!!!!!Syl

    RispondiElimina
  39. Laura a volte grida anche a me cose simili, quando appena sveglia il mio moroso accende la radio... ma cosa ho fatto di male per iniziare la giornata così?

    RispondiElimina
  40. C'ho poca simpatia per la sabbia, io!
    Mi s'intrufola nelle scarpe, come ieri, che m'ha dato un fastidio!

    RispondiElimina
  41. weeeeeeeeeee antonio buon w.e.

    RispondiElimina
  42. Ho iniziato a leggere e ho sentito il profumo che ha il mare al mattino. Il mare dell'infanzia.

    RispondiElimina
  43. Il mio mare è tutto uno scoglio...
    se divento sabbia rischio di perdermi...

    RispondiElimina
  44. Già omperchè ....... problemucci da umani noi gatti al massimo diventiamo cuscini del divano miaooooooo
    ps che forte il "conchigliando" nel commento di Rom ri-stramiaoooooo

    RispondiElimina
  45. "Visto con gli occhi della sabbia, tutto ciò che possedeva una forma era vano. L’unica cosa certa per essa era il suo movimento che negava ogni forma fissa."
    (Kôbô Abe, La donna di sabbia)

    (forse basterebbe cambiare materasso...)
    un abbraccio

    RispondiElimina
  46. Ho spesso l'impressione di "perdere" molto di te perchè non riesco a collegarmi e leggerti con regolarità... e questo mi infastidisce parecchio, uffolina!!

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  47. dall'acqua siamo nati nell'acqua ritorneremo...o non è così...forse è la cenere...o forse rinasceremo, chissa'...il brutto è che anche se fosse non lo ricorderemo...uffi,ma che senso ha?
    niente ha senso
    ma allora perché penso?
    mah

    felicidad ( se ci riesci e se la trovi chissas)

    RispondiElimina
  48. antonacci e laura pausini no, però... se avessi aperto il link al mattino presto ti avrei denunciato.

    RispondiElimina