giovedì 8 aprile 2010

La nostalgia non è un furto



Conoscevo un commercialista napoletano che si vantava di non aver mai mangiato i pizzoccheri.

Mi ricordo di un consigliere comunale dell’ MSI che per non passare da Via Togliatti macinava due chilometri in più ogni giorno.
C’era una ragazza che parlava col suo cane solo in tedesco e col
fidanzato solo in dialetto.
La nonna di L. odiava tanto i ragazzini che mise delle
trappole in giardino.

Il mio amico Camme dice sempre che il 1975 è stato il nostro Rinascimento perché eravamo padroni dei nostri giochi.
I grandi se volevano ci dovevano chiedere il permesso e per noi c’era sempre posto…

Conosco un tipo talmente nostalgico che con la sua televisione vede ancora Capodistria.

Michele ha comprato la bat box e sul tetto gli sono arrivate una coppia di cicogne.

38 commenti:

  1. La tovaglia può fare bandiera.
    Credere, Obbedire e Via Cavour
    Se sbagliava la mordevano.
    L. giocava da solo
    Il mio amico Camme è ancora single
    Esistono antenne potentissime.
    Esistono antenne potentissime...

    RispondiElimina
  2. i pattini come piedi,
    le città dipinte con i gessetti,
    le battaglie con le cerbottane e gli ossi di ciliegia.
    Le case prefabbricate con le pareti fatte dalle stecche scartate dalla fabbrica di cassette di legno.
    E lo stesso cortile che ora mi sembra minuscolo conteneva per ore 40 bambini:
    come ci stavamo?


    Solo un appunto ma a voce sussurrata pizzoccheri ;-)

    RispondiElimina
  3. già e chi si lamentava dei posti in piedi ?

    parola d'ordine : pizzoccheri !

    RispondiElimina
  4. si giocava a guardie e ladri, alle strade... con vigili e pedoni. Le machcine erano biciclette. A dracula i gavettoni in estate. Si rientrava solo quando faceva buio. Il tempo di mangiare ed eri nuovamente giù. Avevamo al sala giochi, un tavolo da ping pong e basta. Ma per stare all'asciutto era ottimo.
    Avevamo un finto campo da calcio. Cemento... le mie ginocchia ancora ricordano.

    RispondiElimina
  5. io vado sempre a piedi scalzi (come allora)

    RispondiElimina
  6. ora nel preto sotto csa dopo anni in cui c'erano solo i cani a fare i loro bisogni, i tossici, e la banda del tavernello, sono comparsi dei bimbi cinesi a giocare, faccio il tifo per loro, spero sappiano riprendersi gli spazi che i bimbi italiani si sono fatti scippare impegnati in sedute di allenamenti musical-sportivo-gameboyeschi

    RispondiElimina
  7. si dipingeva il muro del terrazzo con pennellessa e acqua, e dopo pochi secondi, d'estate, avevamo una pagina vergine. Si pattinava con i piedi legati sulle spazzole da cencio, sul pavimento di cucina coperto d'acqua. Si facevano rifugi segreti con gli ombrelli, a forma di igloo, o con lo stenditoio e coperte, portandoci la luce per leggervi indisturbati... d'estate dopo cena si usciva a prendere il gelato con i genitori passeggiando lungo l'Arno, a Bellariva.

    RispondiElimina
  8. non ho ancora capito come funziona il tuo blog ma mi piace assai ;D

    RispondiElimina
  9. io sono d'accordo con Camme comunque è...
    (Adorabile è l'aggettivo che ti si addice sempre meglio :)

    RispondiElimina
  10. weeee ciao antonio, vengo sempre volentioeri a òleggere i tuoi matti post mao scontati, intendio dire che grecia non fallisce più? allora non falliamo nemmeno noi diunque giusto?

    RispondiElimina
  11. Certo che non assaggiare i pizzoccheri vuol dire essere proprio scemi.
    Capodistria vorrei rivederla anch'io,pensa che volevo dedicarci un post

    RispondiElimina
  12. Capodistra!!! un mito

    un salutone one one

    mirco

    RispondiElimina
  13. eheheh...
    voglio conoscere la nonna di l.
    ho un mio amico che si chiama l. e la nonna ci aizzava contro il cane. sì, era chiuaua, ma lo comunque.

    RispondiElimina
  14. mi sono impuntata sui pizzoccheri: invitatemi da voi perché l'ultima volta che li ho mangiati (a Trento) a digerirli ci ho messo una settimana. Forse erano mal fatti...
    marina

    RispondiElimina
  15. io oltre a Capodistria col satellitare vedo anche la Svizzera (mitico quando si doveva mettere l'antennone per il canale H e da Milano si cattava il segnale)...

    RispondiElimina
  16. Se non urla ???? finisci la frase !!!

    buona serata
    baci
    kicca

    p.s. a volte è bello ricordare i tempi andati :))))))))

    RispondiElimina
  17. le corse sui pattini in cortile e la bicicletta in estate, sempre e comunque.
    i salti sugli scogli neri di lava a piedi nudi e le mie cicatrici sulle gambe a ricordarlo.
    i tuffi da 2 , no 3, no lo scoglio alto 5 metri, tutti isnieme mano nella mano, che prendevi il respiro due volte prima di toccare l'acqua.
    i miei cugini, tutti maschi, che costruivano case sull'albero dei mandarini, con il legno delle cassette di frutta e mi ci facevano salire, unica princessa in mezzo a loro.

    cammino ancora a piedi scalzi, sempre.

    parola di verifica: speri ( che sia un caso?)

    RispondiElimina
  18. Le arrampicate sugli alberi da frutta per raggiungere il ramo più alto e sentirsi i quel momento i padroni del mondo. E quando era estate, si rientrava solo per mangiare e poi di nuovo liberi di decidere del proprio tempo, senza nessun controllo e censura.
    Capodistria è stata per anni il nostro canale alternativo,
    che nostalgia...

    RispondiElimina
  19. La nostalgia non è più quella di un tempo.
    Così titolava l'autobiografia di Simone Signoret, con la quale pienamente concordo.
    Quello che a noi appare, nella trappola della memoria, come magia perduta è in realtà la visione di noi stessi, ancora mondi dal peccato originale col quale, ahimè, non si nasce ma si acquisisce con gli anni :)
    Bambini che giocavano liberi nel paradiso dell'Eden.
    Io da quell'Eden, già bambina, volevo solo fuggire.
    Aspettavo solo che il tempo passasse in fretta per spiccare il volo verso i cieli scuri di Goya.
    E quel tempo, alla fine, per tutti arriva.
    Oggi non rimpiango l'Eden ma la mia incapacità a esplorare quei cieli cupi, che mi sono limitata a scrutare da una finestra.
    Mi sono preclusa la possibilità massima a cui ognuno di noi avrebbe diritto: il peccato originale.
    Che ci rende bambini senza ali.

    Credo che questo mio commento, Antonio, sia abbastanza nostalgico.
    Abbastanza tetro.
    Ma non troppo.
    Quel tanto che basta ad esaltare la leggerezza salubre del tuo incantevole post.
    Un bacio
    Marilena
    P.S. - E Simone Signoret ha ragione: la nostalgia non è più quella di un tempo.

    RispondiElimina
  20. No no..la nostalgia non è un furto..la nostalgia è risaputo è canaglia.
    Mr. GiordY..io su Telacapodistria ho visto per la prima volta Candy Candy..e mi sono innamorata follemente di Terence.
    Credo di aver visto anche Il mio amico Arnold lì...<< Che cavolo stai dicendo,Willis!>>
    Sempre parlando di TV..possibile che nessuno ricordi Les Gammas? Va beh che les Gammas n'existent pas, però...
    Il latte nelle confezioni triangolari?
    Ahhh...poi scrivere di antico su questa pergamena...che meraviglia!

    RispondiElimina
  21. oggi mi sento con una vena nostalgica anche io !!!!
    buon proseguimento ^__________^

    RispondiElimina
  22. i ricordi...viviamo sempre nei ricordi....

    RispondiElimina
  23. Nostalgia.......di ciò che non si è mai riusciti ad avere, quella si.
    Chi non mangia i pizzoccheri e tutto matto e capodistria si vedeva sempre da schifo, pieno di interferenze!!
    Meglio sky. Syl

    RispondiElimina
  24. un saluto ...e che nostalgia...

    RispondiElimina
  25. la nostalgia è una gran cosa,io ci attingo a piene mani,l'età non mi lascia molto altro.

    RispondiElimina
  26. Nostalgia per i " cubetti "...
    Così io chiamavo i Lego da bimba... ne avevo un'infinità, piccoli, grandi, strani, e tutti coloratissimi... ci giocavo per delle giornate intere senza mai stancarmi... poi tutto sparisce in un'attimo e si è all'improvviso " vecchi "... e arrivano come un boomerang i ricordi che si ricoprono, come una melassa, di nostalgia...
    E quindi.... si, io direi che la nostalgia è il furto di ciò che eravamo e che non saremo più.
    Tristezza dal passano e sogni che verranno !

    RispondiElimina
  27. Ho comprato la bat box e l'ho montata pochi giorni fa, vorrei i pipistelli...

    RispondiElimina
  28. mamma ma come mi sei diventato cubofuturista!

    RispondiElimina
  29. Ma la bat box serve a richiamare i bats per sterminare le zanzare?
    Ho nostalgia di quando non c'erano.

    RispondiElimina
  30. Mi hai fatto ricordare gli Hurrà Saiwa, non li fanno più, erano più di un wafer erano loro, gli Hurrà, squadrati buonissimi, me li mangiavo nei pomeriggi mentre vedevo le meraviglie in b/n che provenivano da Tele Capodistria, e dalla Svizzera ..... eh si c'è stato un tempo che erano un mondo esotico lontanissimo ...miaoooo

    RispondiElimina
  31. Se penso che il mio primo computer aveva la bellezza di 3 (tre) Kb di memoria (8 con la scheda di espansione)...

    RispondiElimina
  32. Koper Capodistria.
    Per noi del Sud il mito era Telecapri, che di notte mandava i film porno.

    RispondiElimina
  33. Il napoletano non sa cosa si è perso:-) Ottimo post, ho avuto anche il tempo di guardare tutto, l'ultimo video musicale è meraviglioso:-)
    Buona giornata.
    ps. mi è venuta in mente: nostalgia canaglia, una canzone vecchiotta...

    RispondiElimina
  34. sibillino ultimamente eh? non capisco forse sono confusa da capodistria che non prende più bene...

    RispondiElimina
  35. Anch'io ho una bat box e ci si sono piazzati i pipistrelli.

    RispondiElimina
  36. dio quanta nostalgia
    pensa mio padre ascoltava radio capodistria
    da dove facevano anche i telegiornali in lingua slovena...
    grazia jar

    RispondiElimina
  37. ecco dimenticata la barca di carta

    RispondiElimina