giovedì 1 aprile 2010

Fidel Castruccio


Consiglio comunale del 13 Gennaio 2010 - Comune di S. sul B.

Il consigliere di maggioranza A.N. chiede l’approvazione di cui all’ordine del giorno della modifica alla cerimonia di rievocazione medioevale che si svolge tutti gli anni nella città di S.

La modifica consiste nell’aggiungere alla consueta sfilata in costume intorno alla cinta muraria una ricostruzione dell’assedio di Castruccio Castracani del 1315 con relativa battaglia in difesa delle mura.
L’iniziativa è approvata quasi all’unanimità, solo un consigliere di opposizione G.V appartenente alla nuova formazione antagonista “doppia classe AA+ ” (vicina al movimento Cinquestelle di Grillo) chiede l’analisi dei costi della nuova iniziativa e fa mettere a verbale :

Nel Medioevo si buttava la merda pe’ strada, persino gli illustri antenati di’ sindaco, ma che cazzo c’è da festeggiare ?”

La mozione è comunque approvata e si decide di combinare il doppio spettacolo per la mattinata del 26 Marzo giornata della Beata Renata patrona della cittadina.

Il consigliere G.V. organizza una contro-manifestazione e, approfittando della Settimana Wagneriana in svolgimento nella città di P., affitta per la giornata del 26 Marzo i costumi della rappresentazione lirica “l’Anello dei
Nibelunghi”. Il piano del consigliere consiste nel disturbare con una truppa di soldati teutonici simil-vichinghi, prima la sfilata della Beata Renata e di seguito rompere l’assedio.
Lo schieramento di opposizione si è ulteriormente diviso al suo interno a causa della scelta dell’urlo di battaglia il 67% ha scelto “Odino levaceli dai coglioni !” mentre il 33% ha optato per: "Odino facci un pomp..o!”

L’intervento sollecito delle forze dell’ordine non ha evitato una gigantesca
rissa . Difatti i nordici capitanati da G.V hanno circondato l’esercito del Castracani capitanato dall’Assessore ai Lavori Pubblici. Alla richiesta di resa l’assessore e i suoi si sono chiusi nella classica formazione a testuggine minacciando il ferimento dei sodali all’esercito germanico.

Il Maresciallo B. è riuscito solo dopo tre ore e due colpi di pistola in aria a dividere i contendenti e sul verbale ha inoltre segnalato che dalle intercettazioni ambientali nel campo dell'asse vichingo-tedesca si è sentito chiaramente : “
All’una si va tutti l’IKEA a mangiare ”!

35 commenti:

  1. Grazie a tutti per gli auguri !!!

    Nella foto vedete Matilde vestita da contadinella durante la sfilata in costume della Beata Giovanna di qualche anno fa.

    I soliti link spiazzanti (non bastasse il post!), se non lo conoscete vi consiglio il video di Tankian ...

    RispondiElimina
  2. splendido resoconto, umorismo toscano D.O.C. mi fai quasi venire nostalgia

    RispondiElimina
  3. ahahah!!!
    all'ultima rievocazione storica a cui ho partecipato ci siamo ubriacati e abbiamo conquistato il comune.
    avremmo proclamato l'indipendenza se non ci fosse passata la sbronza.

    RispondiElimina
  4. Ciao Antonio ,si lo so è bellissima la poesia ...mica mettiamo cose brutte noi !!!!!
    ahahahahahahah (era una battuta ovviamente pessima ) :)

    ciaaaaaooooo

    RispondiElimina
  5. se l'opposizione non fosse stata divisa che opposizione era? L'opposizione è divisa costituzionalmente così è sicura di non andare mai al potere e quando ci va di starci il meno possibile, non sia mai detto!

    Belli i link, come sempre :-)

    RispondiElimina
  6. auguri...anche se in ritardo

    RispondiElimina
  7. Ma che sei adorabile con questi post!
    Il titolo è la ciliegina...

    RispondiElimina
  8. adesso mi ricordo perchè nella mia di città, rievocazioni sotirche non se ne fanno :)
    Sulla domanda che mi avevi posto, non so sai. Ultimamente vado a gironi alterni. Per me è sempre più uan questione intellettuale che di carne. :-)

    RispondiElimina
  9. ma all'ikea ci sono solo le polpette però...

    RispondiElimina
  10. grazie per i complimenti. Tu scrivi bene.

    RispondiElimina
  11. La Fortezza di Sarzana che sorge sopra casa mia è intitolata a Castruccio Castracani.

    RispondiElimina
  12. Non è la prima volta che mi lasci senza parole!
    Auguri anche se in ritardo, e grazie sempre dei mille complimenti che mi fai :)

    All'una si va tutto all'IKEA a mangiare!

    RispondiElimina
  13. eheheheh
    per fortuna il medioevo l'abbiamo superato, anche se non è che stiamo proprio meglio...

    RispondiElimina
  14. weee ciao antonio vi siete dati alla giuerre tra simil vikinghi disturbatori? ahaha mi sarebbe piaciuto un sacco esserci stato zi zi dicio zul zerio zai? davvero ti piace la musica del black rebel motorcycle?

    RispondiElimina
  15. nel medioevo si lanciava anche la pipi dal vasino, ch epoi non era un vasino ma un secchio; poverino chi passava di lì.
    effettivamente nessun rancore è governabile ma è gestibile, come tutte le psicosensazioni che poi somatizziamo e ci rendono la vita un vero casino!!!
    1 saluto a presto

    RispondiElimina
  16. Un lieto finale della singolar tenzone, eziandio l'IKEA é arcinota zona franca.

    RispondiElimina
  17. Post delizioso..come tutti del resto...entro qui e mi trastullo!
    MaBBaaaastaaaaaa con le rievocazioni storiche..io ogni estate mi propongo di andare nel Salento alla NOTTE DELLA TARANTA..ma poi non vado mai...
    Che dite? Mettiamo su un PULLMAN?
    Pizzicaaaaaa..si ballaaaaaaa!

    RispondiElimina
  18. ...magari grace, ma posso venire vestito da Sigfrido ?

    RispondiElimina
  19. che spasso che sei! Pranzo all'Ikea???? :-)

    RispondiElimina
  20. Giardi..e me lo chiedi?
    Però poi colazione all'ikea...devo comprare un annaffiatoio in legno per il giardino dei ciliegi ;-)

    RispondiElimina
  21. Così, a naso, sono dalla parte di Castruccio Castracani.
    Poi, sai com'è, si finisce tutti a magnare.

    RispondiElimina
  22. troppo seriosa dici? in effetti m'era venuto il sospetto e ora che me lo fai notare...

    RispondiElimina
  23. La cosa strana è che si siano divisi solo in due. Un'opposizione seria si sfrattaglia in una moltitudine di fazioni.
    Per dare un valore numerico, quattro consiglieri approveranno cinque mozioni inconciliabili tra loro.

    RispondiElimina
  24. "All'una si va tutti a mangiare"....E' finita a tarallucci e vino?

    RispondiElimina
  25. La pupa della foto t'assomiglia assai! Ha preso anche la tua vena umoristica?
    Il ritmo dell'ultimo video è strepitoso!

    RispondiElimina
  26. Ma è una cronaca meravigliosa questa!
    Roma è diventata così monotona e provinciale, sotto tanti punti di vista.
    In realtà la vita vera è nelle piccole città.
    Là è dove ci sono fermenti vitali e creativi.
    Là dove l'opposizione non è affatto passiva ma si avvale degli stessi mezzi di offesa del nemico.
    Ecchecazzo, almeno togliersi una qualche soddisfazione!
    E ci vogliono, per questo, menti creative come quella del consigliere dell'opposizione che almeno la soddisfazione di cingere d'assedio quelli della maggioranza se l'è materialmente tolta.
    Anche qui a Roma abbiamo avuto la sfilata della Beata Renata ma il massimo del dissenso esplicitato è stato quello di apporre barba e baffi e congiungiumento di sopracciglia (modello Elio delle Storie Tese), sulla foto dei suoi manifesti, in cui ringraziava il popolo di averla votata :)
    Tutta qui la creatività sarcastica dell'opposizione romana, opera forse di un redivivo, ma ormai privo di qualsiasi ispirazione, Indiano Metropolitano.
    Sono convinta, Antonio, che una comunità di ormai attempati Indiani Metropolitani si sia rifugiata nelle catacombe romane, e nei sotterranei di Castel Sant'Angelo,in attesa di sferrare l'attacco finale.
    Ma saremo pronti a farci coinvolgere dalla loro apoteosi dadaista?
    Ne dubito.
    Linguaggio arcaico.
    Troppo difficile per le nuove masse acculturate dalla tv.
    Molto più efficace, e d'impatto più immediato, forse sarebbe allestire uno spettacolo gladiatorio al Colosseo, con protagonisti i consiglieri di maggioranza e quelli di opposizione.
    Un elmo con una cresta colorata per distinguerli (almeno nell'arena!)
    Prima a suonarsele tra di loro.
    Poi, i sopravvissuti, a vedersela con i leoni.
    Rivivere i vecchi fasti......

    Questo tuo post è davvero delizioso.
    Raccontato con garbo ed ironia.
    E questo è talento
    Marilena

    RispondiElimina
  27. Hai ragione Marilena ! A livello nazionale (ed è un problema tutto italico) non riusciamo a goderci la politica.
    In questo frangente non si può dire che la politica non è scesa tra la gggente !!!

    RispondiElimina
  28. weeeeeeeeeeeeeeee ciao antonio come va?

    RispondiElimina
  29. i vantaggi della provincia... se poi c'è un' ikea vicina!

    RispondiElimina
  30. Marilena mi hai fatto morire: la beata Renata stile Elio :-D.
    Amaramente bisogna ammettere che spesso se non hanno i pennacchi di colore diverso non si distinguono proprio, per non parlare poi di quando cambiano l'elmo in corsa alla fine della loro interminabile carriera hanno fatto il giro di così tante parrocchie che il pennacchio è in technicolor, coerenti fino in fondo, vedi il marito di una petulante giornalista ed ex sindaco

    RispondiElimina
  31. Oh mamma!!!
    Cosa mi son persa...

    RispondiElimina
  32. Cronaca di una zuffa annunciata e raccontata magistralmente da un toscano doc,mi verrebbe da dire verace,ma meglio di no,si sa mai.
    E meno male che c'è ancora la provincia che non ha perso il gusto di ridersi e farsi ridere addosso,altro che la grigia politica nazionale.Una sana risata ci salverà.
    Ciao

    RispondiElimina