martedì 30 marzo 2010

l'investigatore privato (giallo in due righe e mezzo)


Le indagini della polizia indicavano un'altra pista.

Solo lui si accorse che lo scheletro nell'armadio di Tony era più abbronzato degli altri.





Per imprescindibile volontà dell’autore sono state torturate alcune regole classiche del giallo e della grammatica.

Inoltre è stato sciolto nell’acido un aggettivo e tagliato la gola ad una virgola.

47 commenti:

  1. Bastardo !
    Non c’è alcuna giustificazione artistica in tutto questo.
    I link sono meravigliosi.
    La foto l'hai presa da quel sito russo ?
    Il funerale della virgola si svolgerà Mercoledì 7 Aprile. Cerimonia strettamente privata
    Walter Egon

    RispondiElimina
  2. mi aspettavo fosse stato il maggiordomo.

    ps
    bellissimi come sempre, i links...

    RispondiElimina
  3. I link sono fortissimi, il mio preferito è il primo, vera espressione della surrealtà.......ma è proprio surrealtà o reale realtà.....quasi, quasi propendo per la seconda ipotesi.
    Au revoir.

    RispondiElimina
  4. weeeeee ciao antonio io gli scheletri li tengo nel freezer ahaha tutto bene tu?

    RispondiElimina
  5. Partita a carte ???? :)))
    non ci conosciamo vero???
    comunque piacere !!!!
    mi scuso ,ma adesso non ho molto tempo ,tornero' ....
    baci
    kicca

    RispondiElimina
  6. Propongo un'altra forma di tortura!eheh

    E' un biscotto no!?
    E io ho fame!:D

    RispondiElimina
  7. ahahahahahahahahahahahahahahah
    link favolosi :)

    RispondiElimina
  8. invito a cena con delitto...
    qui solo un aggettivo e una virgola... molto più spesso sono stata testimone oculare della morte del congiuntivo...
    un abbraccio
    (sempre ingegnoso, complimenti...)

    RispondiElimina
  9. Cedo per qualche tempo la tessera della Feltrinelli. Qualcuno è interessato all'articolo?
    Io ho da recuperare 94 post del 2009 e circa 20 post 2010 del FANTASTICO BLOG di Giardigno! Non ho tempo di andare in libreria.
    MaQQuanto mi diverto!!!

    Grazie Giardi..grazie da Grace :-)

    RispondiElimina
  10. MaQQuanto ti ringrazio Grace !!!
    Chissà se tutti i post saranno all'altezza...

    RispondiElimina
  11. Io sono NANA, potrebbero mai i post non essere all'ALTEZZA?
    ( ho le lacrime dal ridere ;-) )

    RispondiElimina
  12. Perfetti gli scheletri abbronzati nell'armadio.
    Anche io ne voglio uno.
    Posso?
    :D

    un saluto!
    B.

    RispondiElimina
  13. Sei un fenomeno vivente!!:-) Gli scheletri mi si addicono ahahah

    RispondiElimina
  14. giardigno sei imbattibile! una favola i tuoi link ( come sempre!)

    RispondiElimina
  15. non conoscevo questo poeta.

    poesia molto bella grazie.

    *(spero che le mie piacciano)*


    Tks*


    AngS.

    RispondiElimina
  16. Povero omino di pan di zucchero!

    RispondiElimina
  17. nessuno tocchi Caino! (Caino è il vero nome dell'omino di Pan di zucchero)

    RispondiElimina
  18. magari Cacaoino !

    occhio ai dolci di Abele ...

    RispondiElimina
  19. mai fidarsi degli aggettivi..

    meglio gli avverbi.. ;)

    Auguri!

    RispondiElimina
  20. weeeeee auguro di serena pasqua a te e tutti i tuoi cario antonio

    RispondiElimina
  21. Ma io lo dico che sei buffo!!!!
    AUGURIIIII

    RispondiElimina
  22. Prima che il giallo canti uno di noi ti tradirà:

    Un BisCotto molto abbronzato per non farsi prendere si sciolse nel ...

    RispondiElimina
  23. ..ma che biricchino che sei. Uhhhh, almeno quanto me..hihihi.
    Come trascorrerai questi giorni? Sospetto che...
    (il seguito alle prossime puntate..hihi)
    Sfiziati e deliziati..siiii:-)
    Un abbraccio, maestro:-)
    Angelika

    RispondiElimina
  24. ma come fai? come, come fai?
    auguri, marina

    RispondiElimina
  25. passo veloce per augurarti una buon 2 giorni di pranzi.

    RispondiElimina
  26. Hey guru bella "penna" grazie per i versi che hai lasciato nel mio blog, mi sono piaciuti tantissimo, buona pasqua a te e alla tua famiglia un abbraccio affettuoso

    RispondiElimina
  27. ......se ne stava appesa, la virgola, sul filo del rigo, ondeggiando nel vuoto bianco del foglio, disperatamente appesa per un esiguo tratto di penna.
    Il punto esclamativo la minacciava, come uno stivale cattivo, pronto a calpestare la sua ormai sfinita resistenza.
    E farla precipitare nel vuoto sottostante.
    Due righe sotto, un punto, capitato lì per caso, per distrazione o facezia o sadismo dello scrittore, assisteva impotente alla scena crudele.
    Incredulo ed impaurito, il punto testimone, si era talmente rattrappito sul rigo, da diventarne quasi un tutt'uno.
    Solo un tratto più scuro evidenziava la sua muta, ed inopportuna, presenza.
    Un tratto deciso e perentorio di penna, aveva di molto rafforzato il punto esclamativo che ora calava sempre più minaccioso sull'esile tratto della virgola sospesa.
    Crudeltà dello scrittore.
    Giudice inappellabile.
    Deus ex machina.
    La virgola andava tolta di mezzo.
    Eliminata ad ogni costo.
    Ed aveva così affidato questo compito al punto esclamativo che, per via della sua conformazione, efficacemente si prestava al bisogno.
    Uno stivale con un tacco da Killer.
    Ecco in cosa si era trasformato quel segno di punteggiatura che, senza alcuna pietà, per sadico volere dello scrittore calò, con tutta la robustezza del suo peso verticale, sulla virgola, che lasciò l'esile presa e precipitò nel vuoto bianco della pagina.
    Sfracellandosi sulla scrivania.
    Il punto, quello che sostava due righe sotto, testimone impaurito dell'omicidio,
    metaforicamente si dilatò come una bocca spalancata in un grido silenzioso, tramutandosi in una O.
    Tonda e visibile.
    Tremolante come gelatina.
    Una O solitaria su un rigo.
    In una pagina vuota.
    Testimone pericolosa della mancanza d'ispirazione dello scrittore.
    Quando sentì il graffio rabbioso della penna, che delineava ancora di più il punto interrogativo, capì che il suo destino era ormai inevitabilmente segnato.

    Dedicato ad Antonio
    Un bacio
    Marilena
    P.S. - Se ho invaso troppo dimmelo, ma mi è piaciuto molto questo spunto.
    Insomma......i tuoi post stimolano la fantasia.
    AUGURI DI BUONA PASQUA

    RispondiElimina
  28. Buona Pasqua anche a te
    ^________________^

    RispondiElimina
  29. Dunque ...ecco ...si ..
    buona Pasqua ^__^

    alla prossima
    mi piace lo zenzero.. :)
    baci
    kicca

    RispondiElimina
  30. Buona Pasqua serena Giardi ...... il video lui è una follia ..... sei sempre incredibile .... e come dice Marilena /Amaranta stimoli la creatività con la tua fantasia . Un abbraccio miaooooo

    RispondiElimina
  31. getto giusto uno sguardo in questo posto che a prima vista mi stuzzica assai...amo lo zenzero...
    Piacere di fare la tua conoscenza!!
    E riguardo al libro...non ho la presunzione di averlo capito, so però che mi ha colpito nel profondo nella sua assurda semplicità.

    RispondiElimina
  32. Non so: uno scheletro più stagionato degli altri?
    :)
    Buona Pasqua, Giardi.

    RispondiElimina
  33. Buona Pasqua Antonio,
    a te e a tutta la tua famiglia :-)
    Hai comperato le uova ?
    Myriam

    RispondiElimina
  34. In realtà, l'unico che colpisce sei sempre e solo TU! Hai visto? Ti ho seguito sin qui, sul tuo blog...Assassino ;)

    Lara

    RispondiElimina
  35. Giardi', ti superi sempre!
    Link carinissimi!

    RispondiElimina
  36. Carinissimo.... la brevità mi piace assai...!

    salutone

    RispondiElimina
  37. Anonimo un cavolo!!!

    mirco

    RispondiElimina
  38. Lo ammetto. Sei bravo. ;-)

    RispondiElimina
  39. ...Non ho dimenticato che...(come potrei) ma di fatto che anche da dire che...

    ...ogni silenzio consiste nella rete di rumori minuti che l’avvolge: il silenzio dell’isola si staccava da quello del calmo mare circostante perché era percorso da fruscii vegetali, da versi d’uccelli o da un improvviso frullo d’ali. (Italo Calvino)

    :-)
    Un abbraccio, caro...
    *A*

    RispondiElimina
  40. ti leggo dopo una notte senza sonno passata ad osservare il soffitto, ad oramai 20 minuti dalla sveglia in cui cerco di capire quanto poco e male lavorerò oggi. E ciò nonostante riesci a strapparmi un minimo di sorriso per la tua immensa genialità.

    A quest'ora e dopo questa notte ti invidio e ti odio. MA ti stimo comunque

    Alba

    RispondiElimina