mercoledì 28 ottobre 2009

Playstascion Train

Di questo gioco ne esiste anche una versione da giocare in auto, ma non è consigliabile. C'è da ricordare che nella versione in auto quello che guida rimane fuori dal gioco.
Per prima cosa si sorteggiano i posti all'interno dello scompartimento e subito dopo si inventa una lista di cose, oggetti e comportamenti abbinando un punteggio, per esempio :
  • Campanile = 1 punto
  • Serbatoio dell'acqua = 2 punti
  • Trattore = 2 punti
  • Cavallo = 10 punti
  • Automobile arancione = 10 punti (avete notato che non esistono più auto arancione acceso ?)

ecc. ecc...

Il bello del gioco però consiste nel quotare cose assurde, originali. Noi per esempio abbiamo scelto :

  • Mutande rosse stese = 10 punti
  • Incidente d'auto = 50 punti
  • Donna coi bigodini in testa = 50 punti
  • Uomo/donna nuda in terrazza = 500 punti
  • Due persone che fanno sesso = 1000 punti
  • Pittore che dipinge due che fanno sesso = 5000 punti
  • Due persone che fanno sesso mentre il bambino gioca con l'aquilone = 10.000 punti

ecc. ecc...

Durante l'ultimo viaggio in treno alle Cinque Terre mi trovavo sotto di quasi cento punti. La colpa era di un ragazzino occhialuto che avevamo coinvolto nel gioco e che sembrava invincibile nel rintracciare campanili, cavalli e ambulanze.

Lo smacco era arrivato quando addirittura aveva segnalato per primo un incidente fra trattori !!!

Ma ecco che lo vedo. Dietro una finestra a vetri un uomo in mutande. Si gira verso l'apparamento vicino, si toglie le mutande, le mette in lavatrice e corre nudo verso casa.

Urlo : "Uomo nudo in terrazza !!!"

Le contestazioni sono infinite : nessuno l'ha visto e neppure l'ha notato inizialmente quando era ancora in mutande. Alla fine devo cedere. Ho perso.

La sera prima di andare a letto mia moglie mi si avvicina e mi dice piano : "Certo, aveva pure le mutande rosse, potevano essere 510 punti !"

Ecco... vi ho anche spiegato come si sentono gli uomini quando capiscono di essere una costola di Eva (o una cartilagine?).

41 commenti:

  1. L’inverno – animale
    La primavera – pianta
    L’estate – insetto
    L’autunno – uccello
    Il resto del tempo una donna

    Vera Pavlova

    RispondiElimina
  2. Amico mio, i tuoi post sono sempre così belli, e il tuo commento postumo sempre così meraviglioso...Ti ammiro e stimo, scrivi bene ed è un gran piacere per me leggerti sempre..

    RispondiElimina
  3. Mi devo ripetere,quando voglio leggere un post bello devo venire a trovarti.Anche se non ti conosco personalmente ti apprezzo tantissimo perchè sei vero ed hai gusto e talento.Grande Antonio!

    RispondiElimina
  4. Bellissimo e antichissimo giorco! Quanti ricordi mi hai fatto venire in mente!
    Bello anche quello che si vede nel video, proverò a disegnarne uno con i miei nipotini.
    Continua a giocare Giardigno che mi piace un sacco!

    RispondiElimina
  5. tra un po' mi guarderò il video ... comunque sappilo: opto per la cartilagine, anche se ho notizie certe che alcuni uomini sono una meraviglia. Ti abbraccio e vado a gironzolo un po' qui da te ...credo mi manchi anche una lettura accurata del post precedente.
    ciao
    Ale

    RispondiElimina
  6. Cosa fareste voi- uomini- senza le donne??
    Pensa alla noia di Adamo nel Giardino dell'Eden senza la sua Eva a smuovere un pò le acque...!

    RispondiElimina
  7. devi essere un padre meraviglioso :)

    RispondiElimina
  8. Certo che è proprio forte tua moglie!! Tu non avevi notato il colore delle mutande lei sì! ;)

    RispondiElimina
  9. "occhio" alla nebbia o al golf??????

    RispondiElimina
  10. Ahhhhhhhhh, io ho sempre fatto il gioco degli alberi di natale : chi era a dx contava quanti ne vedeva a dx , chi a sx quanti ne vedeva a sx! In seguito lo facevano i miei due bambi, e ti dirò, lo fanno ancora! Ciao!

    RispondiElimina
  11. Ahahah... che spirito di osservazione la tua dolce metà!!
    Molto carino questo racconto ^___^

    RispondiElimina
  12. ahahah!!!

    complimenti, bel post!

    e maledette le femmine...

    RispondiElimina
  13. Mi hai ricordato un gioco simile che facevo con i miei quando ero piccola durante i frequenti viaggi in Umbria. Un pò per non farmi annoiare, un pò per distrarmi - soprattutto lungo il tragitto attraverso le curve di Colfiorito, causa di frequenti nausee - ci si inventava di tutto, dalle targhe alle macchine particolari agli autisti con cappello :) Ci si divertiva con molto poco :)

    RispondiElimina
  14. Giusto ieri sera giocavo al DS con mio figlio...bè la tua "playstascion" sarebbe decisamento meno complicata! Se non sono riuscita ad educare il mio cane in carne ed ossa figurati quello virtuale. Come minimo settimana prossima uscirà dallo schermo per andare chissà dove. Toccherà andarlo a recuperare al canile...pagando pure la cauzione!

    RispondiElimina
  15. Ho sessantasei anni suonati e sono nonna; dillo a tua moglie, così non s'insospettisce per la seguente mia dichiarazione: "dopo questo post TI AMO"
    marina

    RispondiElimina
  16. confesso, questo gioco non lo conoscevo... ho anch'io passato da 2 anni i sessanta!

    RispondiElimina
  17. Non prendo da anni il treno ma se mi capita l'occasione.... VOGLLIO GIOCARE!!!!


    buon tutto! mirco

    RispondiElimina
  18. Grazie.

    non è nemmeno da poco vivere perennemente con la testa altrove.


    salutami Firenze.


    AngS.

    RispondiElimina
  19. Mio carissimo amico e stimato guru. (il punto mi serve per concentrarmi dopo lo sforzo del saluto cordiale rispettoso).
    Il tuo post ha acceso una lampadina nella mia testa e un petardo nel mio cuore.
    Mi sono ricordata di quei giochi che facevo con la mia amica Katia, quando eravamo entrambe innamorate del Carlino, che aveva una volvo...allora noi si contavano tutte le volvo che c'erano in paese (e immaginati quante volvo ci sono in un paese di 400 abitanti!? solo la sua!): chi ne contava di più si sposava il Carlino. siamo sempre rimaste 1-1....
    Adesso sai come si sente Eva ad aver donato la costola...o era un menisco?
    ti abbraccio

    RispondiElimina
  20. Sono adorabili questi racconti: Miaoooùùùù

    RispondiElimina
  21. ciaoooo, sono andata via ad agosto, e ti ritrovo a fine ottobre con questo vecchio classico..ma bravooo.. Per restare in tema..conosci per caso anche "Fischia e Botta"..!? E' un classicone anche questo..^_^

    RispondiElimina
  22. Mi hai suggerito una bella idea, ma il guaio è che viaggio quasi sempre da sola. :-D
    Giocherò con la mia personalità multipla. :-)))

    RispondiElimina
  23. He si Giardigno, voi poveri maschietti avete così da correre, abbiamo dovuto affinare le nostre capacità per arrivare indenni fino ad oggi!!!!
    Quei giochi li abbiamo sempre fatti anche noi e che risate!
    Un saluto!Syl

    RispondiElimina
  24. Voglio subito ringraziarti...:-)per aver portato da me, attraverso il vento notturno e la luce pallida della luna, frammenti d'anima di un artista come Modigliani al quale mi inchino ...:-)
    Grassie grassie dunque^_^
    E' evidente che entrambi amiamo 'giocare', e tutti e due siamo attirati dal rosso...o forse, aspetta, rivediamo la scena.. :-)))forse, dovrei dire che qualunque tipo di gioco richiede una certa applicazione:-))) tua moglie, essendo donna e femmina di razza buona..ops, scherzo:-)))insomma lei la sa certamente ...lunga. A te consiglio di riprendere un qualche allenamento, ma ce la puoi fare, oh siiiiii, ne sono piu' che sicura, carissimo Antonio:-)))
    Ti abbraccio forte..Angelika:-*

    RispondiElimina
  25. Bello il gioco:-) a volte mi fanno tenerezza gli uomini che non sanno perdere con le donne:-) Il tuo commento è eccezionale..anche il resto, buona serata.

    RispondiElimina
  26. be', fortunata tua moglie ad aver trovato uno come te. e gli effetti si vedono.
    bacio

    RispondiElimina
  27. Ma voi due!
    Si, dico voi due, marito e moglie!
    Non avete visto la donna coi bigodini in testa che guardava l'uomo e le mutande rosse?!?!?

    RispondiElimina
  28. Questo post è davvero SPETTACOLARE!
    Sei un tipo troppo originale!! ^__^
    Mi hai strappato un sorriso in un moment otnto buio della vita... Un bacio

    RispondiElimina
  29. Che ridere..mi è piaciuta la tua Playstascion..

    ;)

    RispondiElimina
  30. Che bel gioco (e il video è adorabile!)
    Questo post è semplicemente geniale, un puro divertimento!

    RispondiElimina
  31. Rieccomi alla vita normale, per prima cosa ho letto i tuoi ultimi post...questo è davvero esilarante!Fantastica la tua signora.. Un asluto Cris

    RispondiElimina
  32. eheheheheheheheh
    ma esiste davvero questo gioco? io sono della sponda della wii e di playstation non ne capisco niente.... però per come l'hai descritto tu un gioco così dovrebbe essere davvero inventato!!!
    buona domenica ^________^

    RispondiElimina
  33. io la play l'ho regalata a HOmo tempo fa e l'abbiamo usata (piu io che lui) per dieci giorni.
    poi è stata totalmente dimenticata.
    archiviata.
    cancellata.

    i misteri della vita...

    RispondiElimina
  34. per un attimo mi ero spaventata, ripensando alla scena di Magda e Furio dentro la macchina con i bambini. Poi la ricerca di cose strampalate che fa uscire dal banale e diverte più che mai nella sua semplicità. E poi poi le mutande rosse messe pure quando non è Capodanno... e poi... Forte Antonio (e signora)!

    RispondiElimina
  35. he.. he.. spettacolare, mi son divertita un sacco a leggerlo.. e tua moglie, mi-ti-ca
    un caro saluto

    RispondiElimina
  36. Che risate che mi hai fatto fare...ma la frase conclusiva non so non l'ho trovata comica ma molto dolce quando parli di tua moglie...che bello!
    Un abbraccio

    RispondiElimina
  37. Ah ah ah divertentissimo! E più del gioco, è divertente il tuo stile nel raccontarlo!!

    RispondiElimina
  38. che bel gioco, lo devo fare pure io!!! :))

    RispondiElimina