lunedì 26 ottobre 2009

Volevo fare un post su Leopardi ma...

Immagine presa da www.dockera.com


Avevo in mente un post su Leopardi, invece parlerò di debolezze. Premetto che non sono un uomo tuttodunpezzo e alcune delle mie debolezze sono riuscito a trasformarle in pregi, altre sono diventate vizi.

Le debolezze di cui è vittima il governatore del Lazio mi hanno fatto riflettere un po'.
Leggo dalle pagine di cronaca di quanto era nota sua la Porsche metallizzata (vabbè !) e la sua Smart nell'ambiente dei trans, di come utilizzava la macchina di servizio per farsi accompagnare agli appuntamenti (fermandosi qualche centinaio di metri prima di Via Gradoli), degli assegni in bianco firmati per pagare le prestazioni (ma non gli è servito a niente condurre "Mi manda RaiTre" ?) ed infine della telefonata del premier Berlusconi che lo avvertiva del filmato (gli è forse sfuggito che da quel momento in poi poteva essere ricattato pure da lui?).
Li vedi ad ogni tipo di inaugurazione, li noti in prima fila in ogni manifestazione, congressi, incontri di partito e non si fanno mancare le comparsate in TV eppoi saltano fuori pure queste debolezze.
Perché alla luce di quello che si legge sembra che certe cariche siano di pura e semplice rappresentanza.

Non sono un uomo tuttodunpezzo perchè mi piace pensare di essere come quegli orologi che una volta rimontati continuano a funzionare anche con qualche ingranaggio che avanza.

Nessun moralismo quindi, ma tutto questo non può essere ristretto a fatti privati.
Non lo sono gli incontri di Palazzo Grazioli e non lo sono gli incontri di Via Gradoli.

Non è la debolezza degli uomini che allarma, è la debolezza del sistema politico; la pochezza dei programi, delle idee, il costo enorme rispetto ai risultati. Il disprezzo nei nostri confronti, il potere che ci viene sbattuto in faccia senza alcun riguardo.
A questo punto potrei consigliare una poesia di Leopardi a Marrazzo :
...
La vita, altro mai nulla; e fango è il mondo.
T'acqueta omai. Dispera
L'ultima volta. Al gener nostro il fato
Non donò che il morire. Omai disprezza
Te, la natura, il brutto
Poter che, ascoso, a comun danno impera,
E l'infinita vanità del tutto.

Ma è un vero spreco, Leopardi sì lavorava in modo matto e disperatissimo...

48 commenti:

  1. Quando leggi certe notizie, è come prendere dei pugni allo stomaco: difficile tornare a respirare poi...
    Ma chi eleggiamo quando andiamo a votare? Il dr. Jehyll...??

    Sarei comunque curiosa di leggerlo quel post sul Leopardi...! :)

    RispondiElimina
  2. a parte la bella domandina del quando lavorano, purtroppo sfuggita al solertissimo brunetta.
    e due la domandina che va anche a sinistra, soprattutto, ma non solo ... ma soprattutto a chi vota, non c'è la stanchezza di esser rappresentati dal nostro peggio....

    RispondiElimina
  3. Non mi sento di parlare di politica e derivati, così commento un altro particolare di questo post... bellissimo il primo link "tuttodunpezzo"!
    Più o meno la sensazione che un artista ha quando è ispirato.... inizia a schizzare su un foglio e dopo un po' è talmente preso che sente di divenire lui stesso parte dell'opera, fin quando sente di non poter aggiungere altro e così esce dall'opera per tornare un comune essere umano!

    RispondiElimina
  4. Tra l'altro gli assegnoni che aveva staccato non erano da 500 euro,oltre alla Porsche vuol dire che durante gli anni in rai di soldini ne ha fatti parecchi e poi veniva a fare il moralizzatore dalla parte dei contribuenti....non lo si può neanchè mandare in quel posto perchè parrebbe esserci già stato...

    RispondiElimina
  5. A me tutto sto politically correct sui vizi malati dei politici comincia a rompermi le palle.Francamente mi fanno schifo, e dovrebbero essere più onesti coi loro elettori. Magari se lo si sapeva prima molta gente non lo avrebbe votato, oppure proprio per questo lo avrebbero votato altri . Non si può dire : è la mia vita privata. Chi fa politica è pubblico.Sennò che vada a fare il barista e si scopi chi gli pare.

    RispondiElimina
  6. Grazie per i link che riescono a rendere leggera una riflessione pesante come il cemento.
    Non giudico mai i gusti sessuali delle persone, è la falsità che mi disgusta.
    Chi lavora al loro posto? Bella questa domanda, vorrei saperlo anch'io.

    RispondiElimina
  7. Quanto hai ragione, purtroppo...

    RispondiElimina
  8. E' che non ci rappresentano.
    E se un politico non ci rappresenta che ci sta a fare? Rappresenta se stesso, è evidente.
    E quindi lo scollamento non è più unicamente tra immagine e persona complici i media e la stampa ma ancora - se possibile - più ampio e profondo, più grave.
    Mondi nemmeno paralleli, distanze galattiche.
    Grazie per il tuo post: se ti candidi ti voto.
    :-)

    RispondiElimina
  9. Per essere un guru dilettante scrivi in maniera tagliente e illuminante. Complimenti!

    RispondiElimina
  10. Quello che sorprende è che l'Italia vada avanti nonostante il poco lavoro (e gli scandali e fattacci privati) dei suoi governanti.... Voglio dire, non ci manca niente tutto sommato. Appunto, chi lavora al posto loro è chi dovremmo votare... quelli che compiono il loro dovere in silenzio e non visti. Ma chi sono?
    Fra parentesi, hai notato che il "tipo" o carattere tipografico del tuo post è andato nei pazzi? Se è volontario ha forse a che vedere con il traffico di Firenze che ora circumnaviga piazza del Duomo invece di passarci attraverso? é il caos su sta pagina un caos rappresentativo (in simpatia) di quello che abbiamo tutt'intorno?

    RispondiElimina
  11. ... scusami se ricommento, ma ora che ricordo, l'odiosissimo Sgarbi, noto puttaniere (nel senso che tutte le donne son sue e non necessariamente che le paghi)una dozzina di anni fa si presentò ad una matrimonio dove ero presente ( e quindi testimone oculare) e avvistata la pollastrella giovane al nostro tavolo calò come un falco sulla preda che, sebben lusingata, visti i commenti disgustati dei commensali, schivò le ripetute avances. Nel frattempo, mentre il politico veniva altrimenti assalito dalle donne mature presenti alla festa, quelle che sono attratte come il polline per le api dal potere e l'arroganza maschile, i due poveri cristi della sua scorta armata - quella che paghiamo noi cittadini per stare a loro disposizione notte e giorno- furono dimenticati nel parcheggio per ore senza cibo ne bevande. Ovviammo io e mia sorella alla poca umanità del "disonorevole" portando dei rinfreschi ai due carabinieri. Questo semplice dettaglio dà l'esatta misura della considerazione di questo personaggio da 4 soldi verso il suo prossimo: che non dico verso gli elettori, non dico per il proprio paese, ma neanche verso coloro che prenderebbero una pallottola al suo posto sentiva di dover qualcosa.

    RispondiElimina
  12. Forse sarebbe ora di una riduzione drastica dei parlamentari e dei consiglieri regionali, reintrodurre la preferenza e poi l'obbligo di candidare residenti nel collegio elettorale e in caso di ulteriore candidatura, solo ripresentandosi nello stesso collegio, allora, forse, gli elettori avrebbero qualche possibilità di liberarsi dalle mele marce.

    RispondiElimina
  13. Anch'io non sono una donna tutta d'un pezzo (ci mancherebbe pure questa), ma ambirei, come tutti, ad una politica seria e pulita. E chi ci rappresenta ha il dovere morale di osservare serietà e pulizia.
    Altrimenti diventiamo anarchici, due bombe e via.

    RispondiElimina
  14. ma no, giardi, i fannulloni sono altrove!
    gra di grazioli e di gradoli.
    bacio

    RispondiElimina
  15. Vado controcorrente e, probabilmente mi attirerò delle antipatie ma, secondo me, per risolvere l'ancestrale problema della corruttibilità ed assoluta mancanza di etica delle classi dirigenti italiane bisogna, per prima cosa, educare all'etica il popolo stesso.
    A quanto pare è questo un termine sconosciuto. Ostico. Ancestrale.
    FANNO TUTTI COSI. DESTRA E SINISTRA SONO TUTTI UGUALI. Questo grosso mondo il sunto dell'italico pensiero.
    Iniziamo a non votare chi ha conti aperti con la giustizia. Chi si è reso colpevole di scandali. Di comportamenti assolutamente non etici (chi, ad es, eletto in uno schieramento è passato ad un altro).
    Dobbiamo far sparire i feudi come Ceppaloni, i clan politici di stampo camorristico come la famiglia Mastella.
    Ma, se noi per primi non siamo etici, immaginando che il voto di scambio sia un fatto naturale (ti voto in cambio di un favore, non importa quello che sei, quello che fai, se tu mi favorisci io ti voto) E già un politico che fa promesse di aiuti personali, sarebbe assolutametne da non votare.
    Basta di ammirare i corrotti che NONOSTANTE TUTTO SONO ANCORA LA', COSI VA IL MONDO, BEATI LORO CHE POSSONO FARLO......
    Salvo poi scagliarci come belve su chi si ritrova nella merda perchè è stato beccato in piena flagranza.
    Il potente che cade ristabilisce una giustizia. Riequilibra una democrazia.
    No. La democrazia è altro. E la giustizia pure. Possiamo decidere e selezionare col voto.Il voto è il massimo strumento della democrazia. Facciamolo valere. Sempre.
    Almeno nella scelta di chi ci governa.
    Eleggiamo gente pulita.
    Che, se sbaglia, de essere mandata via.
    Il potere ce l'ha il popolo.
    Solo che il popolo ancora non l'ha capito.
    Scusami per la prolissità di questo commento.
    Ma ho il voltastomaco sia riguardo la classe politica. Sia riguardo la stragrande maggioranza della massa.
    Marilena
    P.S. - Ovviamente sottoscrivo ogni singola parola del tuo post

    RispondiElimina
  16. a me marrazzo fa pena. anche se fra marrazzo e il trans io sto dalla parte del trans, almeno lui non mente, è solo una doppia persona ma non una tripla o una quadrupla... poi ci si chiede com'è che marrazzo se'è ammazzato di stress, sfido! ad essere così tante persone in una!

    bella la poesia che hai scelto, la mia preferita!

    RispondiElimina
  17. Ciao e grazie per essere passato dal mio blog e lasciato il tuo commento.
    Ho letto il tuo post che riguarda questa brutta faccenda e sono d'accordo con l'analisi che tu ne fai, a me personalmente tutte le cose che ultimamente si stanno accumulando in negativo nella politica e nei fatti del nostro paese mi lascia un sapore amaro che ancora non sono riuscita a compensare, spero meglio per il futuro anche se sono un po' scettica e credo di poter dire che come per le persone anche per le nazioni le reazioni valide per risalire si fanno solo quando si è toccato il fondo, così pareva essere accaduto ai tempi di Mani pulite, ma a quanto pare il nostro barile è ha un fondo talmente profondo che non lo abbiamo ancora toccato, non so cosa potrà accadere ancora che non sia già accaduto...ma io mi aspetto qualcosa di peggio di quello che abbiamo già visto, non è pessimismo il mio...ma una certa sensitività che in passato ho avuto modo di verificare, anche se preferirei sbagliarmi e sentire che le cose si aggiusteranno un po' senza bisogno di pagare ancora duri prezzi.
    Nel post precedente ho visto le tue due meravigliose bimbe...e questo è un motivo fortissimo per te di non abbandonare mai la lotta perchè il mondo sia un po' migliore per loro.
    Ti auguro un buona giornata e un a risentirci...non conoscevo prima di oggi il tuo blog
    Ciao
    Franca
    P.S.- Anche se non ti conosco, mi è bastato leggere nel tuo profilo che sei del segno dei Pesci, per avere una idea della tua sensibilità e anche di tutte quelle caratteristiche che contraddistinguono il segno, sono una appassionata di astrologia e posso dirti che anch'io sono un Pesce

    RispondiElimina
  18. Questo commento per dire che la penso come te. Né più né meno..

    RispondiElimina
  19. di leopardi ce ne è stato soltanto uno.... dopo non ce ne sono stati altri.... eheheheh... se ne cerchi oggi non li trovi sicuro... soprattutto se guardi nei quartieri alti!!!!

    p.s. nel video non sono io...
    ;-)

    RispondiElimina
  20. Via Gradoli.
    I CC ci sono arrivati con 30 anni di ritardo.
    Nel frattempo l'italia é cambiata.
    Solo un pochino.
    Inaugurazioni, feste, cointeressenze, affari, ricatti, manifestazioni, puttane, compleanni, droga...
    Se non fosse cosí la vita del politico, tanto varrebbe lavorare.

    RispondiElimina
  21. E' più conveniente fare un mutuo, che giocare in 3 a golf, all'interno di una famiglia di 3 !!!!!

    RispondiElimina
  22. No, non ce la posso fare a commentare la vicenda Marrazzo passando attraverso Leopardi!
    E' un guizzo di intuizione così geniale l'accostamento col canto che hai scelto, di fronte al quale, anche se di questi tempi è pericoloso, mi inchino.

    RispondiElimina
  23. Te lo consiglio solo se ti piace quel genere di film. Io solitamente li evito, ma quello non solo non mi ha annoiato ma mi è piaciuto tanto. Unica pecca durante le battaglie io perdevo il filo, non capivo più chi combatteva chi. :-)
    Quando l'avrai visto fammi sapere che ne pensi.

    RispondiElimina
  24. Caro Giardigno, sai cosa mi ha colpita molto di questa triste vicenda?
    La moltitudine di persone, politici e non, che quando si devono schierare per difendere i diritti di trans o omosessuali si sbracciano e sfilano ai vari gay-pride, che pendono dalle labbra di Luxuria, ma che ora hanno sottolineato con evidente compiacimento, che Marrazzo era con un trans!
    Fosse stata una mignotta, sarebbe stato diverso, mi chiedo?
    Era con una persona, trans o prostituta, una persona.
    Ma questo non è sufficientemente pruriginoso.
    Per il resto mi associo alle tue idee....e penso alla povera famiglia, che, suo malgrado deve, uscire da questo ginepraio.
    Un saluto!Syl

    RispondiElimina
  25. Dunque...direi che il discorso non concerne il bigottismo o falsi moralismi.
    E' una questione di etica: ovvero come ciascuno di noi rapporta la propria morale con il mondo esterno.Il giusto rapporto dovrebbe tendere ad un equilibrio, al fine di non calpestare gli altri.
    Tutto questo per dire che...Berlusconi o tutti gli altri nella loro vita privata possono scegliere di aver rapporti con chi decidono, se restano fuori dalla vita pubblica e non sono responsabili dell'andamento di un intero Paese.
    Nel momento in cui si riverstono determinate cariche è chiaro che certi fatti diventano pure di interesse pubblico.
    Quindi le cose sono tre:
    -o sei bravo ad accultarle come si deve;
    -o cominci a comportanti decentemente;
    -o ti levi dai piedi una buona volta.

    In questo senso loro vengono meno all'etica!Perchè con il loro comportamento gettano fango su tutti noi.Per il resto poi, ognuno ha la sua morale.

    RispondiElimina
  26. ma sulla smart con i trans come si fa?

    RispondiElimina
  27. Per la raccolta di firme?
    O per rendere noto semplicemente?

    Rispondo al tuo commento da me.

    RispondiElimina
  28. siamo governati dagli omini di panpepato. te la ricordi la storia?
    l'omino di panpepato scappa a tutti, ma viene divorato da una volpe. questo mi fa pensare che siamo stupidi. un popolo stupido.

    RispondiElimina
  29. Sai dire le cose,con garbo ed acume.Hai ragione,parlare di Leopardi,i suoi versi sono profetici,è proprio uno spreco.
    Noto quale e quanta distanza esiste fra il sentire dei politici,tutti o quasi,la loro idea di morale,di etica,il loro modo di considerare pubblico e privato,in un unico calderone,e l'idea stessa di etica,di morale,che molti di noi ci siamo fatta,e che continua ad accompagnare le nostre azioni,i nostri comportamenti.Siamo degli alieni?

    RispondiElimina
  30. ogni giorno che passa io mi convinco che noi ci meritiamo i berlusconi i marrazzo perchè ognuno nel nostro piccolo se ne frega tant'è che ritorna in auge il vecchio detto: OGNUNO HA IL GOVERNO CHE SI MERITA.

    RispondiElimina
  31. E' un totale schifo, lo hai esposto molto bene, siamo rappresentati da feccia ed il bello è che quando chiedo in giro (per chi voti?), sembrano tutti disgustati dell'intero sistema politico italiano... e nessuno si sente escluso...?
    un cordiale saluto

    RispondiElimina
  32. Purtroppo non credo che sia la volta buona... e´ da un po´ che ho perso la speranza che certa gente vada via dalla politica. Credo Berlusconi "cadra´" solo quando un suo alleato lo mollera´..
    e spero che avvenga presto!

    RispondiElimina
  33. Che cosa vuoi pretendere da un popolo di cretini che inneggia ai corrotti, ai mafiosi, rimbambito da una televisione di regime (si, di regime!!!), un popolo a cui si tenta di togliere libertà di stampa, un popolo dove i ricchi diventano sempre più ricchi ed i poveri sempre più poveri. Un popolo che continua a votare per chi ha pendenze con la giustizia, per chi è colluso con la mafia, per chi è sugli scranni solo per i propri personalissimi interessi, gonfi di se stessi e col potere che deriva loro dal danaro, fatto si sa come. Vuoi da questi "nostri dipendenti" (Come li chiama Grillo) l'etica morale? E chi li schioda, se non il popolo prendendo coscienza e votando solamente per chi puo' dare un esempio di onestà, di moralità, alle generazioni future....e poi ci si lamenta che i giovani non hanno ideali!!! Ma la cosa che a me fa più paura è che, piano, piano si finisce per abituarci anche a questo e....si tira avanti!!!
    Ciao, sono incavolata nera

    RispondiElimina
  34. Che schifo....lasciamo perdere và!!!!.....

    RispondiElimina
  35. il post è bellissimo ma la frase

    Non sono un uomo tutto dunpezzo perchè mi piace pensare di essere come quegli orologi che una volta rimontati continuano a funzionare anche con qualche ingranaggio che avanza.

    è meravigliosa, poesia pura
    un caro saluto

    RispondiElimina
  36. post sempre molto belli! compliments ;)

    ps: tutto bene grazie! tu?

    ciao ciao

    RispondiElimina
  37. Debolezze dei Politici?!... un Leopardipalle!

    RispondiElimina
  38. Un saluto da Sanremo.
    Anche oggi bella giornata di sole.

    RispondiElimina
  39. Ora se parliamo di fatti privati Leopardi era un segaiolo e Nietzche andava a troie, che gli attaccarono pure la sifilide.

    Il punto é la coerenza, specie in un uomo politico. Vedasi Berlusconi, che si faceva fotografare sui suoi giornali con la sua bella famiglia unita, che predica i valori della famiglia e della cristianità e poi...

    Insomma se Marrazzo fosse stato un bravo politico gay, avrebbe dato scandalo?

    ...Gli ci vorrebbe un po' di essenza di passerona anche a lui...
    :D

    RispondiElimina
  40. Berlusconi o Marrazzo possono fare quello che vogliono nella loro vita privata. A me quello che davvero spaventa è l'estrema vulnerabilità e l'insipienza di questi uomini. Voglio dire: sai che sei un personaggio pubblico e che qualcuno ti potrà ricattare per quello che fai. Allora, o sei molto bravo a far sparire le tue tracce, o non ti ci metti nemmeno. Non è questione di etica, è questione di intelligenza.
    Poi mi sono fatta le stesse domande: ma dove lo trovano il tempo? E se loro ci mettono la faccia e fanno altro, chi lavora al posto loro? Ma soprattutto, qualcuno lavora al posto loro?

    RispondiElimina
  41. Ma perchè quelli lavorano?
    Si, un pò, per tirare acqua al loro mulino. Gli altri possano pure affogare.
    La politica ultimamente mi sta sempre più allergica.
    Preferisco andar per funghi!
    Bel blog e grazie per la tua visita :)

    RispondiElimina
  42. Sono d'accorso anch'io che sulle sue preferenze sessuali non ci sia niente da dire, sono anche un po' affari suoi. Ma la cosa gravissima è che ci andasse con l'auto di servizio!! Ma siamo matti??

    RispondiElimina
  43. I vecchi dicevano " male non fare, paura non avere...", ora quel disperato si è rinchiuso in convento...ma prima non ci ha pensato? E ci sono voci che altri "nostri" politici hanno scheletri simili negli armadi... che tristezza! Ma come si fa a trovare persone oneste d'intenti per mandare avanti questo nostro povero Paese?

    RispondiElimina
  44. Ma io se fossi Dio,
    non mi farei fregare da questo sgomento
    e nei confronti dei politicanti
    sarei severo come all'inizio,
    perché a Dio i martiri
    non gli hanno fatto mai cambiar giudizio.

    Giorgio Gaber

    RispondiElimina
  45. sono d'accordo sul fatto che non fanno nulla ma paragonarli a leopardi suscita in me qualche dubbio.

    insomma, leopardi correva dietro a una bambina di nove anni: la sessualità di berlusconi e marrazzo, in confronto, è candida quanto quella della binetti.

    RispondiElimina
  46. "vizi privati e pubbliche virtù"
    i vizi li abbiamo più o meno chiari, i vizi di tutta questa gente che dovrebbe governarci, ma le virtù?
    dove sono le virtù?
    Non mi interessano le loro abitudini sessuali perchè le trovo più sane della loro mediocrità e miserabilità, ma come si occupano di noi?

    RispondiElimina
  47. Ci sono rimasta un pò male.
    Proprio lui...
    Lui che mi sembrava tuttodunpezzo.
    Ma vabbè di cosa mi sorprendo ormai..

    Incautadubbiosadisillusa

    RispondiElimina
  48. Ma guarda io metterei questi politici sotto contratto d'opera, sono o no stipendiati dai noi? allora lavori a progetto a termine prestabilito, se non svolgono il lavoro un calcio e c'è li leviamo da torno...ma scusa è vero questa è l'Italia...un abbraccio

    RispondiElimina