lunedì 12 ottobre 2009

La ragazza del '99


Matilde è una ragazza del '99 ha compiuto dieci anni Domenica scorsa.

Nel 1917 centinaia di migliaia di ragazzi nati cento anni prima di lei furono precettati, velocemente istruiti e nel Novembre dello stesso anno (dopo Caporetto) inviati al fronte.
I ragazzi del '99 avevano compiuto diciotto anni e potevano morire nelle trincee.
Il loro apporto fu decisivo per le sorti della primA guerrA mondialE.
Lo metto tutto minuscolo perchè è solo un elenco; dopo ce n'è stata una seconda altrettanto sanguinosa e le guerre dovrebbero avere la maiuscola solo alla fine.
Furono costretti a cambiare la Storia, precettati per cambiarla.
-
Anche i nostri ragazzi li costringeremo a cambiare la Storia, anche loro saranno precettati ?
Sarà più difficile perché la nostra è una caporetto con la minuscola, non c'è una disfatta così evidente.
Perché nella nostra ritirata non possiamo trovare un limite, un Piave che ci da la misura della nostra sconfitta.
Abbiamo indietreggiato passetto dopo passetto cedendo nei nostri diritti, nei nostri doveri, nei sentimenti e soprattutto nei sogni.
Fortunato chi sente il Piave.
-
A tutte le donne del '99 possiamo già dire :

45 commenti:

  1. se lo fanno, spero almeno che cambino l'uniforme, a matilde...

    scherzi a parte, come scriveva orwell, la popolazione si affama togliendole il lavoro e fare la guerra è un bel modo per ovviare il tutto.

    più che la ragazza del '99, direi meglio del 1984.

    RispondiElimina
  2. mi impegnerei acciocchè la mia ragazza del 98 e quella del (20)08 diventino combattenti nate, njnja in miniatura che mai abrogano al proprio libero pensiero...
    ma faccio mio questo appello ...

    RispondiElimina
  3. abbiamo letto lo stesso libro.

    RispondiElimina
  4. Che carina Matilde con quel sorriso e le scarpe rosa... no, non risco a immaginarmela precettata!

    RispondiElimina
  5. molto amaro e molto vero. auguri a tutti i ragazzi del 99 allora!

    RispondiElimina
  6. Già...sempre i civili e soprattutto poveri e gente comune hanno pagato con la vita durante le guerre.
    Giovani...quanti giovani...

    P.S. Pronta per la beatificazione ;)

    RispondiElimina
  7. L'unico dovere a cui è vietato rinunciare è per lo meno concedere a quella meravigliosa bimba di 10 anni di continuare a pensare che i sogni si possono realizzare

    RispondiElimina
  8. Proprio oggi dicevo a mio marito che certe scene viste in tv mi fanno proprio passare la voglia del mettere al mondo un figlio. Il sorriso di questa giovane donna però mi riconcilia col mondo, anche in questa ennesima giornata storta.

    RispondiElimina
  9. E' con grande amarezza che penso all'eredità pesante che lasciamo a questi ragazzi. Mi vergogno di essere nata prima di loro e non essere riuscita a cambiare niente.

    RispondiElimina
  10. Spero che le mie due donne....(1985 e 1991) cambino la storia ma non per essere precettate...ma per ricominciare a camminare avanti passetto dopo passetto e a riconquistare quello che ci stanno facendo perdere.

    RispondiElimina
  11. la grande risorsa dei giovani che si spera dovranno chiedersi sempre meno quale senso dare all'odio.
    bacio

    RispondiElimina
  12. me ne mancano parecche, forse troppe.

    un saluto,

    AngS.

    RispondiElimina
  13. ..una guerra.. che non ha vittime raccontate sulle steli..ma guerra è.. per la vita.. per poterne avere una che lo sia davvero... ma sono fiduciosa...

    RispondiElimina
  14. Inquietante ripensare al passato, inquietante pensare al futuro. Come dice Tzugumi sono velata da una sorta di pessimismo ma non trovo, ahimé riconciliazione nel sorriso della ragazza del '99...

    RispondiElimina
  15. Non so cosa dire!

    Dirò solo che leggo sempre quello che scrivi e che mi piace un sacco anche questo post.

    Meno allegro di altri, ma bellissimo!

    I soliti complimenti!

    Bea

    RispondiElimina
  16. Sono una ragazza del '56.
    Ho combattuto la mia guerra, allora, come volontaria.
    La guerra in nome dei diritti civili.
    E per la parità dei sessi.
    E per gli equilibri del mondo.
    Ero una soldatessa molto entusiasta.
    Ci credevo davvero.
    Eravamo in tante.
    Ci credevamo davvero.
    E conquiste ne abbiamo fatte.
    Ma oggi mi raffronto con le giovanni donne e trovo un abisso.
    Etico. Culturale.
    Sono le stesse ragazze di oggi a non rendersi davvero conto della precarietà del mondo in cui vivono.
    Quello di cui possono usufruire, risultato di conquiste, c'è, perchè c'è sempre stato.
    E non riescono a vedere che gli sta venendo tolto un pò per volta
    Rimessi sempre in discussione i diritti acquisiti. Le conquiste fatte.
    Cieche davanti all'imbroglio.
    Stoltamente inconsapevoli.
    Analfabete. Per adattamento.
    Per qualunquismo. Per rassegnazione.
    Per imitazione. Per indifferenza.
    E' così che si accetta di essere carne da cannone.
    Destinata a generare altra carne da cannone.
    Chiedo scusa se sono andata fuori tema.
    La blogosfera, quasi sempre, rispecchia una intelligenza sensibile. Illuminata.
    Che pone interrogativi giustissimi come quelli enunciati in questo post.
    E, finchè ci si interroga, significa avere un cuore ed un'anima.
    Ma fuori, il mondo esterno, è davvero di nuovo molto buio.
    Scusami, se sono andata fuori tema.
    O ecceduto con le considerazioni.
    Questa mia critica, ovviamente, non coinvolge le splendide ragazze del '99.
    Ma è dalla loro parte.
    Marilena

    RispondiElimina
  17. Io vorrei pensare che il futuro di Matilde sia più positivo di quello degli altri ragazzi del '99 segnati dalla guerra!! Abbiamo fatto dei passi indietro, è vero. Però i sogni non si toccano! Quelli non ce li hanno ancora rubati. E se anche fosse che noi non riuscissimo a realizzare i nostri, voglio credere con tutte le mie forze che i nostri figli riusciranno a realizzare i loro!
    Lasciami almeno questa speranza!!

    RispondiElimina
  18. Questa era purtroppo durerà ancora...ma di sicuro qualcosa cambierà !

    RispondiElimina
  19. auguri alle ragazze del '99

    ^______________________^

    RispondiElimina
  20. "Il Piave mormorava calmo e placido al passaggio dei primi fanti il 24 maggio. L'esercito marciava per raggiunger la frontiera per far contro il nemico una barriera (...)"
    Così si cantava un tempo...
    E anche se io non c'ero, sono un po' più giovane di quel che sembra, lo so.
    La memoria storica non deve perdersi perché poi arriva un momento in cui ti chiedi "ma che fine ha fatto la resistenza?" Io me lo chiedo.

    RispondiElimina
  21. Dipende tutto dai loro genitori...svegliamoci tutti.

    RispondiElimina
  22. non so come tu abbia fatto arrivare al mio blog, però grazie del tuo passaggio e complimenti per il tuo...
    ciao barche di carta

    RispondiElimina
  23. con un po' di buon senso quante cose potrebbero essere evitate..ma ahimè anche questo è un lusso!

    RispondiElimina
  24. Auguri alla piccola,grande ragazza del '99,il suo Piave deve portarlo dentro e caparbiamente,deve far barriera alle sue sponde.

    RispondiElimina
  25. Le cose cambiano... in caso di guerra, oggi come oggi, fortunati i precettati
    Le guerre moderne le pagano soprattutto i civili....

    mirco

    RispondiElimina
  26. Qualcosa possiamo insegnare a questi ragazzi, trasmettere valori che non possono essere barattati, svenduti, sconfitti.

    RispondiElimina
  27. ciao Giardigno, condivido molto il commento di Aleph e la tua considerazione "Abbiamo indietreggiato passetto dopo passetto cedendo..."

    Leggerti è sempre un piacere, curiosità, sorrisi e riflessioni si intrecciano aprendo il tuo blog ed è bello soffermarsi qui.

    ciao Ale

    RispondiElimina
  28. Eh! Mica ci avevo mai pensato a questa cosa.. Interessante riflessione!

    RispondiElimina
  29. Le fante... più che gustose, poetiche!

    RispondiElimina
  30. ..Questa fotografia, carissimo maestro è incredibilmente tenera.:-) Forse per via di quel piccolo sorriso che ritaglio fra queste parole che hanno certamente un peso più profondo e meno piccolo e di tenero poi via via non resta più nulla. Comincia la lotta e la ricerca continua delle 'ragion per cui' e si va da una parte o dall'altra. Mi auguro solo che sorrisi come quello della piccola Matilde non si spengano proprio stanotte, c'è finalmente un cielo stellato e brilla di una luce diversa se ci si ferma ad osservarlo davvero:-)))))
    Ti abbraccio, mio caro e un bacino:-)))

    RispondiElimina
  31. Mio nonno era del '99, anche lui mandato al fronte nel 17... sto scrivendo su di lui...

    RispondiElimina
  32. Canzone

    Ama il tuo sogno
    Ogni inferiore amore disprezzando,
    Il vento ama
    Ed accorgiti qui
    Che sogni solo possono veramente essere,
    Perciò in sogno a raggiungerti m'avvio
    E. Pound

    RispondiElimina
  33. Ciao Giardigno, bella Matilde!
    Siamo un paesello miserello, miserello, ci vorrano decenni per evolverci, sempre ammesso che saremo in grado di farlo.
    In bocca al lupo alla giovane Matilde, non ci sarà una Caporetto o una sanguinosa disfatta, ma la povertà di ideali e di morale che serpeggia oggi, mi rattrista e non poco!Syl

    RispondiElimina
  34. Lasciamo sognare i ragazzini finchè si può e procediamo noi adulti a piccoloi passettini...
    Sarebbe meglio per tutti!

    RispondiElimina
  35. sono una vecchia ragazza del '43. Quanta storia mi è passata davanti! credevo che il mio paese lentissimamente progredisse, grazie all'impegno di noi donne e degli uomini che ci erano compagne
    quello che vedo oggi mi fa piangere di rabbia e di dolore
    alla società che vedo crescere intorno a me mi sento di dire solo: GIU LE MANI DA MATILDE!!!!
    ciao, marina

    RispondiElimina
  36. c'è solo d'augurarsi che quei ragazzi e quelle ragazze del '99 trovino un esempio positivo in famiglia, perchè oggi la società, da quello che si vede in Tv è meglio lasciarla perdere. Il degrado e l'egoismo oggi ha toccato vertici altissimi, basta guardare quello che succede in Parlamento dove il vaffanculo è il minore delle offese!

    RispondiElimina
  37. Mi sento solo di fare un caro augurio a Matilde e ha tutte le donne del '99...
    Ciao Giardigno grazie della visita e del complimento... serena serata... un abbraccio

    RispondiElimina
  38. La storia come un gambero, che indietreggia e un po' va avanti, se l'essere umano, usasse appieno il suo potenziale saremmo quasi degli Dei, e invece siamo spesso esseri miserevoli e squallidi, ma se la vie, ma qualcuno c'è sempre che spezza catene e porta una ventata d'aria pura. Auguro alla deliziosa Matilde classe '99 di essere una di quelle, il musetto sbarazzino mi dicce di sì. Miaaaaaooooooo

    RispondiElimina
  39. La nostra memoria è il bene più prezioso perché ci dice da dove veniamo e dove dobbiamo o non dobbiamo andare...

    RispondiElimina
  40. oggi da me è una giornataccia grigia... il caldo ormai è scomparso anche se c'è chi dice che tornerà.... vabbè ma non sarà più estate per i prossimi mesi.... :-(
    scacciamo la tristezza!!! altri due giorni e sarà di nuovo weekend
    ^______________________^

    RispondiElimina
  41. La vita è di certo un continuo sottrarci qualcosa... ma è triste che si indietreggi tanto da perdere qualsiasi spinta verso l' "idea"... la disfatta che non si 'vede' è la più pericolosa...

    RispondiElimina
  42. Io sono una ragazza dell'82, un anno di frontiera, una di quelle che la maggioretà ha coinciso con il nuovo millennio. Con quel cambio di data di cui tutti avevano paura. Io che spesso mi soffermo a pensare che siamo di frontiera, ultimi giovani (non più giovani) a pensare di poter combatte, in una battaglia in cui le armi non uccidono, una guerra che c'è e non si vede. Una guerra che toglie le idee, gli stimoli, la forza di lottare e di sognare. Mancano i sogni, che sono il motore di molti ideali. La linfa delle migliori rivoluzioni (purtroppo non pacifiche). Dopo di me, rari casi hanno ancora un cervello pensante. Spero solo che le generazioni future capiscano di avere ancora spazio per lottare, magari proprio per riprenderselo.
    Auguri a Matilda.

    RispondiElimina
  43. Anche mio nonno era uno dei ragazzi del "99, raccontava che si salvavano solo quelli che erano svelti ad adocchiare un nascondiglio( sasso, albero, legna, fosso ecc).
    Le deliziose ragazze di oggi, se voi maschietti non vi svegliate, faranno la guerra contro di voi, passetto dopo passetto come voi passetto dopo passeto vi siete femminizzati, loro le deliziose ragazze saranno i maschi di ieri e voi le femmine di ieri.
    Un beso da una ex femminista.

    RispondiElimina
  44. Mi sono dimenticata......AUGURI MATILDE sei deliziosa.

    RispondiElimina
  45. Sono una sorella del 76...
    sì sì proprio quella di quegl'anni sfigati...
    quella che ha dovuto ciucciarsi una madre 68ttina rompiballe dalle 3000 rivoluzioni ma completamente persa nel tempo...
    Sono quella sorella... ma chiamami pure di sorellina... ona... boh fai tu...
    quella che ha dovuto combattere battaglie personali contro l'ignoranza, il piattume, la fatica, la perdita di basi e parametri...
    va beh bla bla...
    son proprio quella lì... quella che è andata via dall'Italia per andare in un paese in via di sviluppo giusto perché...
    auuuu troppo lunga ,)))

    Bacione e grazie per la visita!

    RispondiElimina