lunedì 14 settembre 2009

I'm all lost in a supermarket

Calzascarpe IKEA con sfondo Poltrona IKEA( foto mia)

All'IKEA non si perde neanche un bambino, con gli spazi aperti puoi vedere molto molto lontano. I bambini poi li trovi facilmente perchè si abbinano con naturalezza : "il piccolo LUCA all'interno del mobile combinato TROFAST aspettano il papà presso il reparto giochi"...

Probabilmente stanno già studiando come inserirli nell'imballo piatto.

Chi si perde ha ancora una speranza, chi fa fatica a trovare l'accostamento giusto e esce dalla cassa laterale senza acquisti non è perduto.

Non è facile trovare la combinazione giusta, non puoi nasconderti sotto il letto in una scatola GLIS.

Per chiuderti mancheranno sempre almeno due tasselli e una vite senza fine, sempre...


43 commenti:

  1. LOST IN A SUPERMARKET

    I'm all lost in a supermarket
    I can no longer shop happily
    I came in here for the special offer
    A guaranteed personality
    ...

    Clash - London Calling 1979

    RispondiElimina
  2. non posso più parlare dell'ikea: una sentenza del tribunale me lo impedisce.

    ps mitici clash: london calling è il cd più completo della storia della musica.

    RispondiElimina
  3. è un vero e proprio delirio l'Ikea, un ottimo esempio di come la potenza del capitalismo riesca a condizionarci inducendoci spesso ad acquistare cose di cui non abbiamo neanche bisogno
    dlin .. dlon .. oggi a chi acquista .. in regalo..
    se vi affrettate alle casse entro le ore.. avrete in omaggio..
    all'inizio ci sono cascata anch'io.. ora sono immune ai suoi effetti deleteri
    un caro saluto

    RispondiElimina
  4. ciao complimenti per il blog, mi piacerebbe inserirti nella mia lista di amici all’interno dei miei blog, se sei interessato allo scambio link fammi sapere.
    i miei blog sono:
    www.queen-robj.blogspot.com (my fairy queen )
    www.iltrovaricette.blogspot.com (il trovaricette)
    www.blog-battitodali.blogspot.com (battito d’ali)
    www.alimentazionemedievale.blogspot.com (alimentazione medievale)
    www.lifestore.gigacenter.it (lo shopping sicuro al miglior prezzo!)
    www.streaminrete.blogspot.com (stream in rete)

    RispondiElimina
  5. Hai già detto tutto tu inserendo il testo dei clash scritto 30 anni fa .Noi l'ikea ancora non sapevamo cosa fosse però loro erano dei profeti.

    RispondiElimina
  6. Eccomi! Sono un'Ikea dipendente, lo ammetto, conosco il catalogo a memoria e sto meditando una giornata full immersion per la prossima settimana.

    Fantastica la tua foto, geniale!

    RispondiElimina
  7. Allora è vero che manca sempre una vite o la chiavetta, credevo di essere la solita sfigata.
    Però ammetto che una gita all'ikea ogni tanto la faccio, con tanto di pic-nic al self service. Poi mi fiondo direttamente nel reparto biancheria-tende-cuscini e esco almeno con un copripiumone tutte le volte.

    RispondiElimina
  8. Non era nel Centro di Bologna che non si perde neanche un bambino? Certo è che ti vengono certe ikee...

    RispondiElimina
  9. grazie di avermi aggiunto nei blog amici! ho fatto altrettanto...ciao ciao

    RispondiElimina
  10. Giusto l'altro ieri mio marito mi ha proposto la "gita" all'Ikea! Naaah, ho risposto...preferisco il mare!

    RispondiElimina
  11. hem
    io sono una negoziodimobiliapocoprezzoesfiziosidipendente.
    ma sono femmina.
    sarà per quello.

    RispondiElimina
  12. Per info sul catalogo, i prezzi, le offerte speciali di ikea... chiedere alla profe!
    Io amo passarci attraverso di corsa arraffando al volo ciò che mi serve: e sto limando il record, volta dopo volta.
    L'ultima volta che ci sono stato ero in compagnia di una collega di lavoro che all'uscita ha commentato: "beh potrò sempre raccontare di aver attraversato l'ikea". Era furente, non era riuscita a toccare nulla.... :-))))

    RispondiElimina
  13. Se vuoi posso darti un po' dei chiodoni che comprerò domani per inchiodare meglio la ragazza.
    Notte. :-)

    RispondiElimina
  14. Foto geniale...modern art!!
    A me piace l'ikea, è vero si entra con l'idea di fare SOLO un giro per occupare una giornata, e invece si finisce per uscire immancabilmente con qualcosa, anche fossero solo i tovaglioli di carta....la potenza dei supermarket.....

    RispondiElimina
  15. ...... insomma, arivati al reparto camere per bambini, mia nipote Aurora si è infilata in uno di quei lettini e, trovandolo di suo gradimento, non c'era verso di tirarla fuori.
    Pianti ed urla, in risposta alle lusinghe e alle minacce di convincimento.
    La gente guardava divertita.
    Interagiva.
    Aurora, al centro dell'attenzione e della simpatia, non voleva proprio mollarlo il lettino IKEA.
    Quel giorno, IKEA, ha vissuto lo splendore del LIVING THEATRE.
    Buona giornata Giardigno65
    Marilena

    RispondiElimina
  16. wow che meraviglia l'IKEA

    ^_____________________^

    RispondiElimina
  17. infatti. già ieri sera non mi ha entusiasmata troppo... la prima puntata....
    la seconda forse poteva andare...
    ;-)

    p.s. sono contenta che la foto ti piaccia ...
    eheheheh

    RispondiElimina
  18. nonostante io sia architetto di interni e proponga costosissimi mobili di design ai miei clienti, io AMO L'IKEA.
    la trovo la più democratica forma di diffusione del buon gusto.
    Non che mi piaccia tutto, ovviamente.
    Però ha permesso a tanti di svecchiare le proprie case, rendendole gradevoli e liberandosi dei "catafalchi delle nonne".
    Massimo rispetto, anche se il risultato è che le case sono un po' tutte uguali.
    Del resto lo sono anche con i mobili di design.
    Sta ad ognuno personalizzarle a seconda del proprio carattere.
    Ok basta.
    ho attaccato il pippone.

    RispondiElimina
  19. bella quella canzone dei clash, colonna portante degli anni all'università :)
    ma sai che è sempre molto difficile commentare i tuoi post? son di una perfezione tale che, cazzo vuoi aggiungere???

    meravigliosa la lettera a galimberti ;)

    RispondiElimina
  20. I mobili Ikea sembrano bellissimi sul catalogo, poi non so perchè in casa diventano brutti......... . non sono calienti ...... sono freddi e tutti simili.
    Ciao.

    RispondiElimina
  21. questo post è geniale, quando ce vo, ce vo!
    marina
    ps sui bambini imballati (quelli delle coppie separate) potrei aggiungere parole amare ma non voglio rovinare l'atmosfera di piacevole ironia

    RispondiElimina
  22. Posso copiare il commento di lillo? ;-))
    Soprattutto nella seconda parte, perché per la prima mi sa che mi manca un po' di cultura del periodo (in certi casi l'anagrafe conta, allora!!!) e per la terza... ora vado a leggerla!

    E complimenti per la foto.

    p.s.: hai visto che sono 'tonnata' davvero??? e fra un po' ci saranno alcune nuove... ma tu hai mica voglia di venire alla cena???

    (comunque Ikea secondo me deve dare solo le basi, il resto ce lo deve mettere il singolo. Anche io "architetto che consiglia mobili costosi", ma solo a chi non ha proprio gusto (e qui arriveranno improperi...!) perché altrimenti la 'bella casa' si può fare con poca spesa e un po' di fantasia. Ma è un'opinione del tutto personale)

    ora ti saluto davvero, polepole

    RispondiElimina
  23. Grazie, Giardigno! (ma dov'è la tua mail?)
    Per la cena devi guardare nel blog, in alto a destra: è tutto in quel link... sarà facile "organizzare la famiglia", visto che è tutto 'virtuale', per ora... ma chissà che nei prossimi anni non diventi reale!
    Comunque è "una proposta che non puoi rifiutare"...!!!
    polepole

    RispondiElimina
  24. sono invidiatissima dalla maggior parte delle persone che mi conoscono perché affacciandomi alla finestra vedo l'ikea. ci vado quando vedo il parcheggio vuoto, cioè la mattina dei primi giorni della settimana, ed allora sì che è una goduria. vado, rubo (le idee), e compro i calici per il vino, visto che ne faccio fuori almeno uno a cena.

    RispondiElimina
  25. Non sono mai stato con l'Ikea...
    Dal nome mi sembra una gnocca esotica!

    mircomirco

    RispondiElimina
  26. Bella l'immagine!
    Io ci potrei scrivere un romnzo sull'IKEA... Io faccio (ab)uso creativo di IKEA.
    Mi invento progetti e soluzioni cannibalizzando pezzi e creeando nuove entità. Prendo il meglio e butto il peggio. E' una sfida arredare bene una casa bella con pochi soldi con gli oggetti IKEA ma senza appiattirsi nello "stile" IKEA. E questo lo permette la "filosofia" IKEA che vende oggetti da costruire da soli. Non è poco se si è dotati di fantasia e pensiero laterale, ovvero la capacità di trovare soluzioni nuove ai problemi.
    Più passa il tempo e più penso che l'omologazione a modelli precotti (compreso quello IKEA) richiede una predisposizione a carico dell'utente. Ovvero c'è chi si fa omologare e chi no.

    L'imballaggio piatto fa parte del progetto di ogni prodotto e ogni cosa è pensata e razionalizzata in ogni suo dettaglio.

    Cioè è fatto con cura.
    Poi sul modello di vita e di marketing si può discutere. Resta il fatto che l'IKEA è sempre pieno di gente, mentre altri modelli commerciali come Emmelunga, Mercatone, ecc sono sempre più desolatamnete vuoti. Un motivo ci sarà.
    E la cura e l'attenzione al dettaglio, alla filiera organizzativa e di vendita ecc si riflettono anche nelle situazioni critiche.
    Se perdi un bambino all'IKEA e ti viene l'angoscia che ti attanaglia lo stomaco perché tuo figlio è sparito in mezzo a centinaia di persone, la mobilitazione e l'organizzazione è tale che il servizio d'ordine e il personale te lo ritrovano entro 10 minuti e te lo riportano subito. Provare per credere!

    RispondiElimina
  27. nooo!!! io adoro andarci con mia sorella!!! è strabiliante, si prova, si tocca, si commenta qualsiasi cosa!!! c'ho fatto persino un post su una serata all'Ikea con la Cri!!! e le polpettine con la marmellata? un delirio! mi diverto tantissimo e, lo ammetto, a me non è mai mancato neanche un chiodino!!! ^____^
    ciao! un abbraccione!
    Ale

    opppssss... foto fantastica!

    RispondiElimina
  28. cacchi...mi sa che le tue viti ce le ho sempre io! io ne ho sempre troppe!!!

    RispondiElimina
  29. a me viene sempre il mal di testa in questi posti. anche ai gigli, per dire. ci devo andare solo se necessario e se già so cosa mi manca. li odio comunque, in generale. non ci andrei mai a farci una "passeggiata", ecco.

    RispondiElimina
  30. Ma, alla fine poi, ti sei ritrovato?

    RispondiElimina
  31. Non impazzisco per i vari centri commerciali, sempre mi viene un calo di pressione che mi incita a scappare il più velocemente possibile, sarà pure che non ho ancora un nucleo familiare da gestire io, sarà che se fosse per me li raderi al suolo tutti...ma il tuo scritto ha un ottimo doppio senso
    Sempre particalre nello stile, complimenti, un abbraccio

    RispondiElimina
  32. io trovo squallido mangiare all'ikea, mangiare le cose dell'ikea.

    RispondiElimina
  33. Ahahahah, i bambini nell'imballaggio piatto sono un'idea un po' inquitante, ma fa ridere!!

    RispondiElimina
  34. Una volta hanno cambiato la viabilità fuori dal supermercato ove vado abbastanza soventemente.
    Mi sono persa per la brianza.
    Sono riuscita a perfino a perdermi nel parcheggio del carrefour........si, il senso dell'orientamente non è il mio forte.
    Ma all'IKEA no.
    Non mi perdo affatto e mi ci diverto.......ebbene si,lo ammetto!
    Un saluto!Syl

    RispondiElimina
  35. ..le mie visite all'ikea sono rarissime..mirate e brevissime... faccio i percorsi al contrario.. taglio..schivo gli addict incantati...giungo alla meta e fuggo...uscendo.. inspiro profondamente... come quando si esce da un ospedale dopo una visita ad un malato.. e ci si sente così gioiosamente sani...
    andando e tornando.... in auto..clash a palla.. '..And it's not hear
    It disappear I'm all lost '....

    RispondiElimina
  36. c'era un pubblicità che poi non ha passato la selezione dall'istituto autodisciplina pubblicitaria, non sò se riesco ad allegartela http://blog.blogosfere.it/blogs/spotx/images/spot1.jpg

    RispondiElimina
  37. Sempre ironico nè? L'ikeke? mi fa venir in mente strane idee..maròòòò c'è gente che passa lì tutta la giornata, poi ti raccontano cosa hanno mangiato, ma che bella giornata:-))
    Ciao, buona serata.

    RispondiElimina
  38. Sono pronta ad essere flagellata.
    Adoro IKEA.
    Sono appena tornata da lì, con il mio disguconogelatofintavaniglia da 1 dollaro e delle fantastiche formine per fare i cubetti di ghiaccio a forma di bacchetta, puzzle, cuoricino...
    Qui in OZ è davvero l'unica cosa che ti ricorda un pò dello charme europeo.

    RispondiElimina