giovedì 11 giugno 2009

Cosce Argentine (Dont't cry for me)

Sono al Supermercato con Mati, la mia figlia più piccola, a circumnavigare il reparto frutta. Io prendo il cocomero, lei prende le pere.
"Mi raccomando le cosce !" - dico passandogli la busta.
Insieme controlliamo prima il cartellino col peso eppoi la targhetta col prezzo sopra le confezioni di pere. Origine : ARGENTINA.
Mati mi guarda mentre rimetto al suo posto la confezione di pere. Per giustificare l'affronto gli spiego la teoria della frutta a Km 0, l'inquinamento indiretto, lo spreco delle confezioni in plastica.
"Vedi Matilde queste pere costano 2,37 €, ma quanto lo pagano quel contadino in Argentina? Quando la colgono questa frutta e dove matura, sulla nave ?"
"Basta con le ciliegie cilene, gli asparagi peruviani e i carciofi egiziani !"
Concludo cecando di spiegare quanta ingiustizia nascondano questi cartelli con questi prezzi, queste indicazioni.
Matilde si volta ancora verso il gigantesco banco della frutta e seria mi dice :
"Incredibile babbo, anche le banane vengono dal Costarica!"
Ecco, questi sono quei momenti unici in cui ti senti un orgogliosissimo coglione.

35 commenti:

  1. C'é gusto a sentirsi orgoglioni, a volte.. niente di piú esaltante di trasmettere ai tuoi cuccioli quello in cui credi

    RispondiElimina
  2. Mi hai fatto fare una bella risata!!!
    grazie ci voleva!!!

    RispondiElimina
  3. come hai fatto a farti sfuggire le banane?!
    ;))

    RispondiElimina
  4. ma perché? In Italia si producono banane?

    RispondiElimina
  5. Voto l'orgoglione. E anche un padre che fa spesa con Mati. Siete 'na speranzella.

    RispondiElimina
  6. Ti ringrazio e ricambio la tua visita, delicato e particolare il tuo spazio, come anche le tue parole per nulla scontate, ironia sulla cruda realtà, io trovo che tu sia stato un bravo padre a spiegare queste cose a tua figlia, noi non sembra ma con ogni azione scateniamo delle conseguenze e o appoggiamo certi meccanismi rendendoci complici!
    Bravo, buona giornata

    RispondiElimina
  7. Ahahahahahahahahahahahahahahaah!!!!

    :-D

    I bambini ci fottono sempre!
    Dai, non sarà poi così complicato spiegarle che certi frutti crescono solo dove fa mooooolto più caldo che qui ;-)

    Cmq ancheio quando vedo verzura e ortaggi stranieri li "banno" dagli acquisti...

    RispondiElimina
  8. Noi negli ultimi tempi stiamo facendo spesa di frutta direttamente dal contadino, siamo stanchi di frutta che non sa di frutta, di pesche o albicocche che non hanno sapore. Frutta maturata durante il trasporto, nelle celle frigorifere, ovunque ma non sull'albero.
    Per non parlare dei prezzi esorbitanti del reparto frutta e verdura nei supermercati!
    Adorabile Matilde con la sua uscita!
    Baci da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  9. grazie!
    simpaticissimo questo tuo post!!

    RispondiElimina
  10. Addio banane allora...

    Hai ragione a sentirti orgoglione.

    ;)

    RispondiElimina
  11. Oggi ho comprato uno yogurth e mio figlio mi ha fatto osservare che ho sbagliato, perché gli fanno la pubblicità e noi le cose pubblicizzate non le compriamo.

    Dove ho sbagliato? (però se lo è mangiato).

    RispondiElimina
  12. Ho proprio riso di gusto....mi consolo che non sono la sola che si sforza (inutilmente) di fare il genitore modello...

    :)

    RispondiElimina
  13. I bambini sono sempre increbilmente fantastici!! :D

    RispondiElimina
  14. grazie per il minutino.....e complimenti per il blog....vado a curiosare ancora (anche se mi ricordo di averlo gia' sbirciato)ciao patty la cassiera

    RispondiElimina
  15. Grazie per la risata, a presto

    The City

    RispondiElimina
  16. sono d'accordo con te
    abbiamo la nostra frutta che è buonissima
    abbiamo chi lavora per servirci al meglio
    oltre ad essere più salutare la vicinanza
    perchè riempirsi di qualcosa che non sappiamo ne origini ne storia?
    bellissimo il nome Matilda :P

    buon week end carissimo

    RispondiElimina
  17. sono assolutamente d'accordo con te anche se, entrando nel mondo degli animalisti/ambientalisti entri in un tunnel senza uscita in cui non si sa cosa fa peggio.

    Per esempio leggevo proprio ieri che questa teoria del Km 0 è giusta fino ad un certo punto. Perchè pare che il trasporto rispetto alla produzione stessa incida solamente un 10% sull'inquinamento....
    insomma ognuno è giusto che faccia quello che può...però certo non ci aiutano mica con queste infromazioni contraddittorie...

    comunque grazie per essere passato dal mio blaterante blog... :)

    RispondiElimina
  18. quanto hai ragione!ma tua figlia di piu';-) !

    RispondiElimina
  19. grande tua figlia!!!

    io ne ho uno di 14 mesi...

    'na specie di dalai lama...

    p.s.: il demone di arcore compra, mica vende ( tranne kakà ).

    ciao..

    volovivace

    RispondiElimina
  20. ahahahahah...
    bellissimo post e blog molto interessante
    a presto

    RispondiElimina
  21. Ma anche te, che cerchi le pere coscia a giugno! :)
    Comunque, a voler essere coerenti, pure le banane sarebbero da eliminare. Soprattutto se non si è certi di come vengono raccolte e dello sfruttamento che ci può essere dietro. Insomma, il tuo discorso potrebbe starci bene anche su quelle.
    Complimenti per il tuo blog. I tuoi racconti mi piacciono molto.

    RispondiElimina
  22. Ricambio volentieri la visitina...Lo sai che sei buffo? Io con le mie figlie ho fatto poco dal punto di vista "ecologico", allora non andava di moda, ma con i miei nipotini.... Li faccio morbidi con i km 0, con la frutta di stagione (loro sono grandini e sanno ormai che le banana, l'ananas e la papaia da noi non maturano), senza parlare della raccolta differenziata dei rifiuti... Servirà? Creare, anzi ricreare, una capacità critica non è semplice! A presto

    RispondiElimina
  23. los niños son muy observadores ;-))

    RispondiElimina
  24. bravo! anch'io mi sono fissata con le etichette e, sarà suggestione, ma mi accorgo che la gente qualche volta tende ad imitarmi. ovviamente compro solo origine italia anche se mangio solo le solite 4 fruttaverdura.

    RispondiElimina
  25. una bambina che si chiama Matilde non poteva che essere così simpatica.
    :)

    RispondiElimina
  26. buon inizio settimana ..la cassiera

    RispondiElimina
  27. ..i bambini sono formidabili!!grazie della visita....mauri

    RispondiElimina
  28. ciao! ricambio la visita. Mi ha fatto piacere leggerti... fa sentire meno soli, a volte sembra di essere extraterrestri a porsi certe questioni. Io ho 2 bambini e il più grande che ha quasi 11 anni, comincia ad adolescere e a porsi dei problemi spontaneamente. Per esempio lui mi ha spiegato dell'orrore di come vengono allevate le galline in batteria. Da allora quando andiamo al supermercato sta attento a comprare solo uova di allevamento a terra! un caro saluto :-)

    RispondiElimina
  29. Vedi, anche tu parli di carrelli della spesa... ;-)
    V

    RispondiElimina
  30. Io sono convinta che tua figlia fosse ironica... (in realtà è molto più avanti di quanto credi e lo ha detto per metterti in difficoltà!)
    :)

    Hehe

    Grazie per la visita sul mio blog.

    RispondiElimina
  31. ma no,dai , perché coglione?? quello che semini di solito resta, almeno un po'.. Bel blog,stupendo il template. Grazie della visita al mio blog.
    Cheers

    RispondiElimina
  32. Grazie per essere passato da me ^^, ricambio la visita e ti aggiungo pure tra i miei preferiti, è molto bello questo blog, offre tanti spunti interessanti. Questo aneddoto sulla frutta estera è troppo forte! ^^ Ciao Cris

    RispondiElimina
  33. Faccio ormai da tempo la spesa della frutta dal contadino. A parte il risparmio che ho constatato anche riferito ai prezzi del supermercato, ho frutta di stagione e che sa di frutta. Niente emissioni per il trasporto e poco imballaggio.
    Gli ultimi limoni argentini comprati li ho buttati tutti nell'umido: avevano un incerto colore di marcio al centro...

    RispondiElimina