martedì 27 agosto 2013

La fata dell'isola deserta



 
Non gli ho dato ascolto: quella donna porta il salmastro, mi hanno detto. Ma non mi importa verniciare le pareti di camera tutti i mesi, non mi importa se l'auto si è arrugginita in una notte, se mi stufo del rumore del mare.
Ti credo quando mi dici che conosci un'isola deserta, sulla spiaggia non ci sono libri, non si ascolta musica, non sbarca l'attore con una rosa fresca in tasca.
Ti credo davvero e per farti capire che faccio sul serio sono andato in uno di questi negozi di bricolage; lo sai che non mi piacciono quei posti, detesto fare tutto da solo. Ho comprato un fascio di assi e del parquet bianco in offerta per costruire una zattera, in quel magazzino c'era uno scaffale apposta per il legno da zattere.
Per farti vedere che faccio sul serio ho comprato un accendino da quel Nero che staziona di fronte al supermercato, se ti ricordi bene non ci compro mai niente.
 
La troveremo, basterà mettere in acqua la zattera e troveremo quell'isola senza poesia, senza musica, senza desideri. Porterò solo te, il resto lo bruceremo sulla spiaggia.

7 commenti:

  1. Io ci sono stata in quell'isola, Antoine, e spesso ci faccio ritorno.
    E' un'isola assolutamente deserta, proprio come dici tu, senza poesia, senza musica, senza desideri.
    E senza colori.
    Quell'isola si chiama depressione.

    E così, ora so che anch'io porto il salmastro.
    Solo che nella realtà non c'è nessuno che davvero ridipinga tutti i mesi le pareti, e non imprechi se la ruggine devasta l'auto, e non si stufi dell'eterno rumore della risacca.

    Nei racconti è sempre tutto bello anche quello che è brutto, o triste, o sbagliato.
    E' la vita vera, invece, che fa schifo.

    Bien revenu Antoine :))))
    Marlene



    RispondiElimina
  2. un'isola senza poesia, senza musica, senza desideri è un'isola che non c'è.

    RispondiElimina
  3. Dopo l'affanno tira il refe: l'sola è il te tu ti rimorchi appresso

    RispondiElimina
  4. però su quell'isola porterei almeno una conchiglia raccolta in spiaggia da bambina

    RispondiElimina
  5. Una donna che porta il salmastro porta bene, sa di incontri, di fantasia, di cose belle del passato.

    RispondiElimina
  6. Una delle dichiarazioni più belle che abbia mai letto, accettare l'altro totalmente, sapendo già a cosa andiamo incontro ma accettarlo perché insieme si è possibile. Favoloso Giardi, quella donna che porta il salmastro un'immagine agica. bravissimo miao

    RispondiElimina