martedì 13 novembre 2012

Le mie istruzioni facilitate (seconda parte)



Il mio corpo schizza come una pozzanghera, mi piace, ma mi accorgo che poi non riesco a vedere più il cielo. Mi manca quel riflesso...

Vi ricordate del romanzo del culturista che si innamora del bilancere ? Non l'ho mai abbandonato, ho scritto tutte le parti coi muscoli, quelle facili da allenare, ma non sono riuscito a buttare giù l'incipit. Per me è la parte più pesante da sollevare. Il protagonista scopre che il muscolo retto dell'addome è il centro esatto del suo corpo, mentre quello trasverso sembra una spiaggia dopo la marea.

La pioggia pettinava il cielo con denti fittissimi...

Ho letto da qualche parte che il vino bianco frizzante fa bene alla prostata, anche l'acqua frizzante ha lo stesso effetto benefico ma non dà la stessa allegria. Non c'entra con la storia ma ho avuto un blocco durante la stesura e leggere questa cosa mi ha fatto ripartire. Ho cercato un sinonimo per non ripetere cielo, ma non ne esiste uno a modo : si va da paradiso al soffitto. Bisogna ripetersi per forza.

Mi è comparsa una macchia sul lato sinistro del corpo, io la vedo sgranata sulla pelle, tu mi dici invece che sono maculato come un felino, che è un segno di una vita precedente, l'ho sempre avuta. Sei l'unica che può saperlo. Ci credo nella reincarnazione, so che questa è la prima volta che nasco uomo e anche l'ultima.

Schizzo, goccia e lacrima non sono sinonimi. L'hai mai visti quando scivolano sul vetro ? La goccia cerca sempre qualcuno...




12 commenti:

  1. e se una goccia rimane da sola e non trova nessuno in giro va a piangere sul bordo del vetro. Un disastro, se sono in tante: piove dentro.

    RispondiElimina
  2. le cerca e gli altri si allontanano però...

    RispondiElimina
  3. perchè non provi con volta celeste?
    e sono sicura che avevi una vita precedente, anzi più di una e che qualche volta sei stato femmina, ma non so se sarà l'ultima come maschio perchè tutto sommato in questa vita non ti ci trovi troppo male anche se il trasverso sembra una spiaggia dopo la marea

    RispondiElimina
  4. A parte la riflessione sulla solitudine delle molecole acquose...
    Mi hai fatto venire il dubbio su cosa viene dopo l'uomo.
    Si ridiventa... molecole di...
    mah!
    mi è venuto il pensiero di "luce", ma so troppo poco di fisica nucleare e di bilanceri.
    Non parliamo poi di cieli... chetelodicoafà

    RispondiElimina
  5. il cielo non ha sinonimi è quello e basta, per me ripeterlo non è mai troppo

    RispondiElimina
  6. però mi hai distolto un sacco dal bilancere... ed io ci tenevo...

    RispondiElimina
  7. che meravigliosa immagine evocativa!

    RispondiElimina
  8. ... a me l'acqua frizzante mette allegria, sono una che si ubriaca facilmente, mi ubriaco persino con le parole, le tue mi danno persino assuefazione, baci

    RispondiElimina
  9. L’acqua è il principio di tutte le cose.
    Buongiorno

    RispondiElimina
  10. è c'è sempre qualcuno solo dietro il vetro che guarda le gocce che cercano compagnia. uomo e goccia si guardano l'uno con l'altra ma appartengono a 2 lati opposti. si direbbe punti di vista.

    RispondiElimina
  11. verissimo e bellissimo endi

    È un carcere immenso questa finestra.
    Dove un polipo striscia i suoi tentacoli
    e un pesce scruta dal vetro
    il mio esiguo spazio.
    Rodolfo Dada

    RispondiElimina
  12. Meravigliosa l'immagine della pioggia che pettina il cielo a denti strettissimi, come solo tu sai scovare.

    RispondiElimina