giovedì 25 ottobre 2012

macchina del tempo (e un matrimonio)



I miei genitori sapevano bene di non essere più una coppia, di tutto quello che avevano prima era rimasta solo la famiglia e lo capivano soprattutto quando rimanevano da soli in casa. Eppure se c'era da scherzare su qualcosa gli piaceva farlo sul loro matrimonio, sul loro amore, mai sulla famiglia. Su quell'argomento non gli veniva.

La mamma cominciava col dire: "Potessi tornare indietro, rifarei gli stessi sbagli".

Quel potessi veniva pronunciato in un crescendo di speranza che gli faceva stonare la fine della frase, chissà , forse sperava che qualche scienziato americano del MIT ce l'avrebbe fatta davvero a costuire una sfera per viaggiare nel tempo. La mamma aveva una gran fiducia nei ricercatori del gnùingland (New England - NdT). Comunque il sogno avrebbe avuto vita breve, gli serviva giusto un po' di tempo per levarsi qualche sfizio, quattro capricci di quelli da bambina cattiva e per mordere qualche sugosa occasione perduta per poi tornare nel seminato, nel vecchio tempo.
C'era quella cosa degli sbagli che ci turbava, chissà come mai la mamma tendeva a coniugarli al plurale. Non era stato un singolo sbaglio incontrare il babbo, innamorarsi, frequentarlo per un lungo fidanzamento, sposarsi. No, tutta quella vita non dava diritto ad alcuna riduzione.

"Io no", diceva invece lui.

Non si capiva se dicesse così perché si rifiutava di tornare indietro o se invece intendeva che non si sarebbe ripetuto. Era sicuro. Sapeva bene che quando si torna indietro non ci si duplica, non si può ripetere gli stessi sbagli, non ci si azzera come delle macchine, non è mai un semplice a capo, se si torna indietro si perde tutto.

Tra i due era quello che amava di più .






di continuo

17 commenti:

  1. Penso che in questo preciso istante
    chissà non ci sia nessuno nell'universo che pensi a me,
    che io sia il solo a pensarmi,
    e se morissi adesso,
    nessuno, neppure io, resterebbe a pensarmi.

    E questo è l’inizio dell'abisso,
    come quando mi addormento.
    Sono il mio proprio sostegno e me lo tolgo.
    Contribuisco a rivestire tutto d'assenza.

    Sarà forse per questo
    che pensare a un uomo
    sia quasi un modo di salvarlo.
    Roberto Juarroz


    cliccando su "di continuo" le puntate precedenti

    RispondiElimina
  2. se potessi viaggiare nel tempo...anche io farei gli stessi errori, perchè se sono fatto così è perchè ho fatto quelle scelte, oppure sono le scelte che mi hanno fatto diventare così? vabbè, rewind

    RispondiElimina
  3. se potessi non farei nulla uguale che gusto ci sarebbe altrimenti?

    RispondiElimina
  4. Quando si raccontano i genitori siamo tutti bambini. A qualunque età. Anche tu.

    RispondiElimina
  5. se potessi tornare indietro mi eviterei una buona dose di espiazione...

    RispondiElimina
  6. Io allora sono il papà.
    E pensare a un uomo è un modo di salvarlo.
    E questa serie di racconti è la mia preferita.

    RispondiElimina
  7. amaro giardi

    se si pensiamo ad un uomo, da distante, alla fine salviamo noi stessi che cerchiamo fili a cui attaccarci per volare, ma con un'ancora, bello pensare che basta un pensiero per salvarsi in due

    RispondiElimina
  8. il si dopo il se non c'entra una mazza resta a imperitura memoria del ripensamento dalla formulazione precedente :D

    RispondiElimina
  9. Il video della famiglia che va dal fotografo è incredibile. Le dinamiche familiari, i giochi di potere, l'essere una famiglia eppure così estranei, così distanti gli uni dagli altri...eravamo così nella mia famiglia di origine. Fa ancora male.

    RispondiElimina
  10. se potessi cambierei qualcosa per poi arrivare ancora qui, attraverso un percorso diverso magari, ma ancora qui. Io ogni tanto ti salvo, quando ti penso e ti leggo ti salvo e sono contenta di farlo.... non essere troppo esigente con tè Gardy.....
    Sandra

    RispondiElimina
  11. "Io no"

    La sintesi contiene verità multiple e complesse.

    RispondiElimina
  12. sono le stesse parole che ho sentito da sempre, dalle labbra di mia madre. La famiglia è un nucleo complesso costituito da unità solitarie e frangibili che vivono insieme con l'intento di non urtarsi. La poesia di Juarroz mi fa accapponare l'anima...bellissima...
    tu sei sempre il solito....

    RispondiElimina
  13. E' bellissimo, anzi, straordinario questo tuo post
    siamo quello che siamo in virtù del nostro vissuto, se tormassimo indietro forse ci ripeteremmo, forse no, chi può saperlo...

    a te un applauso, comunque, per questo scritto

    RispondiElimina
  14. mi sono aggiornata con tutti i continuo ... bellissime tutte le tue storie ,tutte

    RispondiElimina
  15. Anche mia mamma dice sempre... se tornassi indietro... ma dopo più di 40 anni di matrimonio è comprensibile!

    Un abbraccio

    RispondiElimina
  16. Se tornassi indietro, farei esattamente tutto quello che ad oggi ho fatto, carichi da 90 inclusi e, al momento, matrimoni esclusi. Bacio.

    RispondiElimina
  17. una coppia di sbagli è sempre meglio
    di un solo sbaglio

    RispondiElimina