giovedì 2 agosto 2012

Fate (5)



Non servono pasticche per gli incantesimi e nemmeno io credo di averne bisogno. Perché per me le persone non muoiono mai, ma non c'è posologia per quello. E' vero nella mia testa Ego, Superego e Id vivono nella stessa stanza (e in affitto), senza finestre e danno feste tutti i giorni; conscio, inconscio e subconscio strillano di continuo, lo so che non va bene, non è sano. Il mio subconscio organizza gare di rutti senza vincerle. E' solo che per me le persone non muoiono mai e faccio piccoli incantesimi per questo.

M. faceva una pomarola stupenda, meglio della mia ? Non lo so, forse sì. E' morta qualche mese fa e da allora quando preparo il sugo metto una costa di sedano in più, due anche tre. Viene un pizzico più amara, ma non lo sentite subito. Alla fine le bambine dicono : è meglio quella della nonna M.

Eccola la magia, niente pasticche, altro che unghie di drago o ali di pipistrello, perché le persone non muoiono e te ne accorgi quando non c'è nemmeno un fantasma in giro.




23 commenti:

  1. quando scrivi queste cose io mi commuovo e penso che sei davvero uno dei più grandi scrittori che ci siano in giro, per quanto uno scrittore che, fortunatamente, conosciamo in pochi.

    RispondiElimina
  2. Queste sono le vere magie. Hai ragione, le persone non muoiono mai. Lo penso anche io.

    RispondiElimina
  3. lo sapevo, il sugo della storia è proprio lì! :) ******

    RispondiElimina
  4. Antonio, Antonio, Antonio

    mi fai piangere di prima mattina

    mi piacerebbe entrare una volta in quella stanza, anche se non è sano

    RispondiElimina
  5. Io lo sostengo da una vita. E faccio piccoli incantesimi per questo...

    Grazie di scrivere.

    Buona giornata

    RispondiElimina
  6. grande e delicatissimo.La commozione è un fatto spontaneo, quasi un'autonecessità!Grazie per tutto. tt

    RispondiElimina
  7. Per caso sono passata di qui...che carino questo blog, complimenti!

    Se ti va passa a salutarmi, mi farebbe piacere :)
    Bacioni, Elena

    RispondiElimina
  8. Restano fin quando c'e'chi le ricorda,e le sfida in cucina...anch'io ci provo,a fare quella marmellata,ma vince sempre lei, ed e'contenta

    RispondiElimina
  9. no, loro non muoiono mai. Siamo noi che viviamo morendo. Antò sei pure commovente, in fondo....

    RispondiElimina
  10. Sarebbe così bello che non morissero mai, sarebbe bello abbracciarle tutte per sempre.

    RispondiElimina
  11. No,non muoino se noi le ricordiamo, sono con noi, bisogna nominarle, non ignorare che ci sono, che ci sono le cose che hanno fatto, i sentimenti che hanno portato nella vita.
    Magia ........ solo pura magia .......

    RispondiElimina
  12. Un abbraccione.

    Tutto rimane dentro di noi.

    RispondiElimina
  13. mitica!!!! bellissima l'intro...sei un bravo scrittore, sai?

    RispondiElimina
  14. che bel pezzo jardigno..."per me le persone non muoiono mai..." Elisabeta_b

    RispondiElimina
  15. Pensa che i miei si offrono da bere e brindano a quell'illuso di Freud!

    RispondiElimina
  16. E pensare che c'e' chi non crede nella magia. E chi non crede nella magia non puo' credere in nulla. Questa puntata mi piace molto, ed io brindo a te, alla magia che fai (ri)nascere da ogni singola parola:-)
    Un abbraccio e grazie del tuo passaggio per me, poetico, magico anch'esso:-))


    p.s. Una chicca: "Niente e' per sempre, solo la sigaretta di Jigen". ^_^

    RispondiElimina
  17. le unie di drago non servono, confermo.

    RispondiElimina
  18. per fortuna certe persone non muoiono.

    RispondiElimina
  19. Qualcun altro ha smesso di aggiungerci la puntina di zucchero...

    RispondiElimina
  20. giusto.
    "perché solo chi muore si rivede" diceva sanguineti.

    RispondiElimina
  21. Mi è arrivato il profumo della poesia, ed è un andare infinito.
    Grazie :-)

    RispondiElimina
  22. Vero. E' scienza, non è illusorio conforto. La morte non esiste. Esiste solo la vita.

    RispondiElimina