giovedì 7 giugno 2012

La favola sull'invenzione del protomaiale volante (quasi un terzo capitolo)



Il protomaiale volante ha una capacità di volo notevole nonostante l'assenza di penne timoniere, ma quello che maggiormente stupisce scienziati ed allevatori è lo spiccato senso del gusto. Uno studio accurato sulla lingua del protosuino ha messo in evidenza un numero di papille gustative impressionante : quasi 5 milioni ! (di media un uomo ne ha fra 2000 e 10000). Il famoso modo di dire, l'insulto : è come dare un confetto ad un maiale, nel caso del  proto-maiale non corrisponde alla realtà.

L'animale sa distinguere una nocciola Piemonte da una di importazione(che non mangia), un pomodoro pachino(che non mangia) dal canestrino, una mozzarella di bufala da quella fiordilatte(che non digerisce), un melone retato dal popone liscio (non mangia entrambi, ma quello retato lo fa ruzzolare con la coda).

Ci sono allevamenti che nutrono questi animali con mangimi molto molto  particolari. Sono avanzi di prodotti scartati dalla grande produzione industriale alimentare. Alcuni allevatori piemontesi nutrono gli animali con baci di cioccolata ripieni di nocciole colpite dal mal dello stacco, altri gli danno da mangiare boeri senza ciliegia. In un grande allevamento di Sulmona è stato scoperto dal nucleo antisofisticazioni che i protomaiali venivano tirati su  a confetti con l'interno di mandorle amare.

I protomaiali volanti di quella zona quando si nascondono dentro le nuvole provocavano notevoli complicazioni metereologiche. Il cielo si fa grigio per giorni, le ombre si accorciano sotto il collo, si alza una brezza fredda all'altezza dei pensieri (tra la tempia e l'orecchio sinistro). Non piove, è peggio.






Capitoli precedenti

15 commenti:

  1. Ero sicura che il protomaiale avesse il palato fino!

    RispondiElimina
  2. se vi capita guardate il film "Perfect sense" con Ewan McGregor e Eva Green, capirete molto sui sensi ...

    RispondiElimina
  3. Protomaiale, proto... me... oggi sono disperata come una nocciala del Piemonte e i miei pensieri si sono congelati... meno male che ci sei TE!

    RispondiElimina
  4. adoro i protomaiali quindi ne voglio ancora ed ancora! mi resta incomprensibile come possano non gradire i meloni retati ma ognuno c'ha il suo tallone di achille, pure il protomaiale.
    Secondo te possono offuscare il cielo anche senza alzare brezze fresche? Perchè secondo me ne sono passati oggi sopra il mio cielo, il sole è offuscato e secondo me erano pure sudati perchè l'umidità di è concentrata all'altezza dei magoni tra orecchio destro e sternocleidomasoideo sinistro, mah chissà....
    Ora mi tocca cercare 'sto perfect sense

    RispondiElimina
  5. lo sapevo che il protomaiale sapeva distinguere la mozzarella di bufala da quella da dare ai porci. quante cose mi sono persa...devo recuperare baci

    RispondiElimina
  6. Che racconto delizioso, ho un sorriso da una parte all'altra del viso.
    Magnifico il video, mi stai facendo scoprire mondi nuovi, e ti ringrazio.

    RispondiElimina
  7. @ady: assaggia le mozzarelle pugliesi appena fatte poi dimmi se sono da dare ai porci o ai protomaiali

    RispondiElimina
  8. mhhhh.. mi somiglia un po'! :)))

    RispondiElimina
  9. la morale è il contrario di quella evangelica: "dai le perle ai porci" che diventano "porci con le ali"..

    RispondiElimina
  10. Devo aver perso i primi due capitoli :D

    Un abbraccio!!

    RispondiElimina
  11. Il protomaiale in copertina è molto carino!!

    RispondiElimina
  12. Hanno il palato fino, i Signori. Baci

    RispondiElimina
  13. Protomaiali alla riscossa .... culinaria ...
    o cullatellonaria. miao

    RispondiElimina