lunedì 23 aprile 2012

Lo so che i papaveri



Certi pesci sono buoni solo fritti. Esistono libri perfetti per una giornata di pioggia. Ci sono papere di gomma gialla che affondano fra la schiuma nelle vasche dei bambini ed altre che viaggiano per ventisettemila chilometri in mare.
Conosco papaveri da campo di grano, quelli dentro i quadri di Monet e quelli da bordo della strada, abusivi sotto un guard-rail. Scrivo per questi, non sono pronto per quelli da campi di grano. Scrivo cose brevi, piccole. Da petalo.

19 commenti:

  1. secondo me le tue cose brevi da petalo raggiungeranno anche quell'ultimo sparuto fiordaliso che i pesticidi non hanno distrutto e appena ti avrà letto sorriderà


    in boemia ci sono campi di papaveri bianchi da oppio che tolgono il fiato per la bellezza

    RispondiElimina
  2. lo sai giardi, le tue prose brevissime sono letteratura altissima secondo me, senza genere e senza data di scadenza... :)

    RispondiElimina
  3. I più belli sono proprio i papaveri a bordo della strada, perchè ti chiedi come ha fatto a nascere tanta bellezza lì nella polvere.
    :)))

    RispondiElimina
  4. Le tue cose brevi, piccole, da petalo, posseggono una grazia e un fascino che ammalierebbe anche i papaveri da campo di grano..

    RispondiElimina
  5. Trovo le cose brevi più incisive.
    Non c'è il rischio di annoiarsi a leggerle, non ci si perde per strada e rimangono.
    Buona giornata.

    RispondiElimina
  6. “Al di là dei sogni” spuntano sempre Papaveri e Papere.

    RispondiElimina
  7. ...a me le cose brevi piacciono decisamente di più... in quasi ogni ambito... quasi...

    RispondiElimina
  8. Le cose piccole, da petalo, come le chiami tu, sono sempre le più belle, perchè lasciano il segno proprio per la bellezza della loro essenza, e qui i profumi ci sono tutti, a volti sono bizzarri:-))ma sempre e comunque infinitamente espressivi, come lo sei tu quando vieni da me e ...le tue parole sono quell'essenza di bellezza:-))
    Un abbraccio, Jardi:-)

    RispondiElimina
  9. ....magari in mezzo ad una nuvola do margherite.....
    Ciao francesca

    RispondiElimina
  10. Avevo una nonna che da bambino - instant song, pertanto! - mi prendeva in giro cantandomi "Papaveri e papere"! :)

    RispondiElimina
  11. Piccole cose che regalano importanti parole.

    Baci

    RispondiElimina
  12. Ho un amico che scrive mi messaggi così brevi tanto da farmi rimanere ore a rileggerli

    RispondiElimina
  13. Ora i papaveri sono dappertutto: sul ciglio della strada, li vedo tutte le mattine mentre vado al lavoro. Gli dirò che hai scritto per loro e non per quelli del campo di fronte!

    RispondiElimina
  14. La corsa affannosa per collezionare paperelle di plastica scolorite, pagate ciascuna come due giorni di stipendio di un operaio, papaveri che ormai vanno sparendo, come tante altre cose, perché l'uomo ha perso la cognizione di cosa vuol dire preservare il pianeta...In questo mondo di carta straccia, la tua predilezione per le cose semplici è encomiabile. Mi aggiungo!

    RispondiElimina
  15. adoro le cose piccole...da bambina raccoglievo i papaveri ai bordi del marciapiede, li adoravo, poi mi stropicciavo gli occhi e li odiavo. baci ady

    RispondiElimina
  16. Hai tutta la mia approvazione, comprensione e simpatia. Ipsa dixit. :)))

    RispondiElimina