mercoledì 2 marzo 2011

occhi privati


Una volta mi capitò di leggere un racconto, era una storia d'amore tra il bilanciere ed un culturista. Perché io ci credo nelle storie d'amore, anche quelle impossibili. Il culturista ad un certo punto non diventa più grosso, i suoi muscoli smettono di gonfiarsi. Questo perché continua ad allenarsi con lo stesso bilanciere, con lo stesso peso.
Perché io ci credo alle storie d'amore, anche perché mi tocca farle finire.

Potrei scriverlo io un libro per ogni storia che ho visto. Potrei scrivere un milione di pagine solo descrivendo le facce delle persone quando guardano le foto dei tradimenti. Tutte sfumature, siamo tutti sfumature quando decidiamo che non è più tempo di crescere. Perchè poi se l'aspettavano, lo sapevano, era tutto chiaro, se lo sentivano; dopo.
Sfumature, ci tradiscono le sfumature.

Mi ricordo di una donna. Il marito aveva un sospetto. Lei si toccava sempre la testa, aveva un bozzo da un lato. Poi l'ho scoperto. Aveva quello che ho chiamato il bernoccolo da pompino in macchina. Sbatteva la testa sullo sterzo mentre lo faceva e allora...
Insomma avete capito.
Una moglie mi raccontò una volta che suo marito sapeva di olio rosso per i mobili quando lo baciava. Infatti la sua ganza lavorava da un antiquario famoso in città e lo facevano sempre dentro al negozio. Eppure si faceva due doccie. Eppure la baciava ancora, la moglie...
C'è quello che improvvisamente comincia a portare a spasso il cane, c'è quella che comincia a voler far sesso in maniera esagerata. Eppoi ci sono i bigliettini dimenticati nelle tasche, il cellulare dimenticato sul comodino. No, non ci credo a queste cose io. Non succedono per caso, figurati.
Sfumature, ci fregano le sfumature, non la memoria.

E' due giorni che spio questi due. La moglie (odiosa) mi chiama e dice che da qualche mese lui beve solo the. E mica quello nelle bustine, se lo cura il suo the. Infusi, controlla la temperatura...e aspetta...
Sfumature.
E' due giorni che li spio questi due e mai sono andati a letto, mai cercato una camera o vanno in camporella. Li vedo, scambiarsi le tazze, si guardano, parlano in continuazione. Lei ascolta, sorseggia, al massimo gli tocca la mano, gli stringe il polso.
Niente di compromettente, magari la moglie non ci vede nulla. Certo bisogna esser parecchio tarde per non capire...
con te...

Vorrei esserci io dentro.
Vorrei averne io di foto come queste.

22 commenti:

  1. avete presente l'inizio di Madame Bovary ? Léon appoggia il piede sulla stecca della sedia di Emma...
    sfumature
    ma dietro c'è tutto...
    Flaubert unn'è mica un bischero come me !!!

    RispondiElimina
  2. e certo sta tutto lì nelle sfumature a volte in quella giusta ci trovi un mondo intero :)

    RispondiElimina
  3. un po' come Pina di Fantozzzi con lievi sfumature da fornaio...
    un saluto

    RispondiElimina
  4. ciao zenzero
    hai ragione solo questione di
    ..sfumature..ti fregano sempre perchè ti sembrano indizi fantasiosi...poi ...poi la mazzata ti stende...
    un saluto e dolce di
    genietto piccantino ^_^

    RispondiElimina
  5. Fuori di "casa", di solito, si va in cerca qualcosa che non si ha. O cui si è rinunciato più o meno consapevolmente. Tra una tazza di thè e un pompino in macchina corre una differenza abissale solo nei modi. Ma nessuno dei due è tradimento (con buona pace del detective che ci lucra su) :)

    RispondiElimina
  6. mi sganascio per il bernoccolo...
    però le sfumature son difficili da cogliere per chi vuol vedere solo tinte ben definite

    Mandi
    :-)

    RispondiElimina
  7. @Vagamundo:cosa è tradimento?

    RispondiElimina
  8. Giardi ma è bellissimo! mi chiedo come faccia tu ad essere così ferrato, hai 'studiato'anche stavolta? dove si impareranno mai certe cose?
    comunque quel the lo vedo molto pericoloso...pericolosissimo direi!

    RispondiElimina
  9. Conosco un personaggio che ha fatto delle sue sfumature ragion di vita e di potere.
    I capelli finti, il sorriso finto, l'altezza finta, un governo fin(i)to, un bunga bunga forse finto....
    Sfumature...Ma è di quello che si parla ed è con quello che incanta i suoi elettori e anche l'opposizione che continua a parlare di sfumature.
    Nessuno però vede la vera essenza di quell'uomo: un ladro a capo del governo.
    Le sfumature ingannano.
    Doriana

    RispondiElimina
  10. Anche se dovrei aver capito il valore delle sfumature, nella vita reale e sentimentale continuo a vedere colori netti… :/

    RispondiElimina
  11. Giardi è bellissimo questo racconto .. sa di Sam Spade , di Bogart, di lunghe attese fatte apposta per farti pensare,e farti venire l'ulcera per la quantità abnorme di caffè ingurgitato, sa di tante cose .... di tante sfumature. Si mi piace tantissimo questo racconto, e da morire quel the sorseggiato come un rito sacro da quei due che riescono a vivere tutta una storia anche solo assaporando quell'infuso solo per loro.
    Infusione ........ fusione ...... miaooooo

    RispondiElimina
  12. sei straordinario nel tuo spaziare..:-))
    dew

    RispondiElimina
  13. Se i colori non fossero decisi non esisterebbero le sfumature.......
    In fondo è tutto amore quello che si vive, no?
    Giardy, in quelle tazze di the c'è tutto l'aroma del tradimento non fisico ma del sentimento. Il the non sfuma, il the aroma il cuore e le mani non si sfiorano, si toccano come le foglie del the....eccitazione e sentimento
    tradimento e innamoramento
    Meglio il the....in fondo puoi sempre usarlo per farci impacchi sui bozzi della testa che pompina sotto lo sterzo, non credi?
    O gli impacchi è meglio metterseli sugli occhi privati che pubblicano spudoratamente quello che a loro non è stato mai concesso!
    Un bacio Giardy, mentre sorseggiamo assieme del the....magari da un'unica tazza:))))))
    Elisena

    RispondiElimina
  14. Lo faccio una tantum... oggi tocca farti i complimenti per la copertina...
    stupenda!

    mirco

    RispondiElimina
  15. con le (s)fumature giuste la percezione d'insieme prende colore... certo anche il tè ha le sue qualità però...
    grande!

    RispondiElimina
  16. vado a rileggermi anche l'incipit di Madame Bovary ;-)


    buona domenica ^____________^

    RispondiElimina
  17. tante belle idee in questo post, ma ancorarne un paio e approfondirle? tu spazi troppo Giardi, si fa fatica a starti dietro!;-)

    RispondiElimina
  18. Ahh! La vertigine del particolare

    RispondiElimina
  19. VERO ignominia, ma è importante che qualcuno mi legga e mi venga dietro ( e mi critichi anche)

    ...
    Il segreto è non correre dietro alle farfalle. È curare il giardino perché loro vengano da te.
    Mário Quintana

    RispondiElimina
  20. @ignominia: magari gli approfondimenti potrebbero venire dai commenti se oltre a leggere giardi, leggessimo i commenti degli altri :)

    RispondiElimina
  21. Ma lui è sposato? Perchè secondo me deve esserlo per forza, proprio perchè non ci crede!

    RispondiElimina