lunedì 25 gennaio 2010

I CALZINI DI BARTLEBY


Al Dottor L. il conto non tornava. L'indice di rotazione sembrava a posto. Secondo il numerino che compariva sulla calcolatrice il magazzino si rinnovava 2,7 volte l'anno. Cos'è che non andava ? Come mai certi parziali erano così sballati?
Il programma non ci aiutava e le valutazioni fatte esclusivamente sui tabulati non portavano da nessuna parte : bisognava vedere di persona, visitare l'enorme magazzino.
Vi dò un po' di coordinate. Ho lavorato per qualche anno in un famoso negozio di Firenze che aveva le vetrine in palazzo Mattei. Palazzo Mattei si specchia di fronte a palazzo Strozzi in una delle piazze più famose e belle del centro di Firenze. I fiorentini avranno già capito di quale celebre negozio si trattava.
...
Passai una settimana fra gli scaffali a ricostruire i registri con la storia dei tessuti. L'inventario era una vera impresa all'interno di quei lunghi corridoi pieni di merce.
Una sera, in fondo ad una scaffalatura, in un corridoio coi neon che mi illuminavano a strappi; vidi una enorme scatola. Era più alta di me e non si capiva bene cosa ci potesse essere dentro. C'era però una scritta al centro : ARANCIO.
Passai l'ora successiva provando a far scendere la scatola dallo scaffale. Un'ora dopo, con l'aiuto di E. riuscì a guardare dentro quel pozzo di cartone : era pieno di calzini arancioni. Arrivavano quasi al bordo della scatola.
Il compratore di quel settore continuava a riassortire i calzini in tutti i colori e taglia infischiandosene delle rimanenze. E questo si ripeteva da anni.
Sembra niente, una cosa da poco, ma non è il costo, lo spreco e la stupidità che mi colpì.
Non era solo quello, ma soprattutto la scoperta che c'era qualcosa che nessuno voleva. C'erano delle cose che non piacevano a nessuno, nessuno. Non puoi non pensarci.
Come quando ti trovi al cinema da solo, come quando vedi una colonna di remainders intonsa, come i fiori della carità al cimitero, come un' auto invenduta in un angolo del parcheggio piena di polvere, come la visita ad un canile comunale.
Preferisco non proseguire oltre questo post.

35 commenti:

  1. a foto è tratta da :
    http://weheartit.com/entry/444102

    GINGER NUT

    RispondiElimina
  2. Se non l'hai mai sentita ti consiglio l'ascolto di una canzone di Vinicio Capossela intitolata il paradiso dei calzini che poteva fare da colonna sonora al tuo bel post.

    RispondiElimina
  3. Non esistono più le famigerate ricerche di mercato???? L'impressione che avevo io è che vendessero invece solo ciò che va per la maggiore, con grande difficoltà per chi ha gusti più personali.
    In quanto ai calzini secondo me vanno dove vanno anche gli ombrelli...

    RispondiElimina
  4. Troppo sgargiante per essere indossata, troppo.
    Buttata in una scatola del magazzino per questi colori esageratamente accesi che illuminano i marciapiedi di notte.
    Mi sento un pò un calzino arancio...

    RispondiElimina
  5. Dove vanno a finire i calzini
    quando perdono i loro vicini
    dove vanno a finire beati
    i perduti con quelli spaiati
    quelli a righe mischiati con quelli a pois
    dove vanno nessuno lo sa
    Dove va chi rimane smarrito
    in un’alba d’albergo scordato
    chi è restato impigliato in un letto
    chi ha trovato richiuso il cassetto
    chi si butta alla cieca nel mucchio
    della biancheria
    dove va chi ha smarrito la via
    Nel paradiso dei calzini
    si ritrovano tutti vicini
    nel paradiso dei calzini..

    http://www.angolotesti.it/V/testi_canzoni_vinicio_capossela_1740/testo_canzone_il_paradiso_dei_calzini_862921.html

    RispondiElimina
  6. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  7. nell'ultimo link il racconto originale

    Turkey

    RispondiElimina
  8. Ciao, in effetti la stupidità umana non ha limiti, ti capisco perchè nel 70/71, un secolo fa:-) lavorai alla rinascente..incuria e spreco. Un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  9. beh...per indossare calzini color arancio...ci vuole una forza d'animo strepitosa!

    p.s.: ma erano lunghi o addirittura...corti?!?

    ciao.

    volovivace

    RispondiElimina
  10. se posso continuare io:

    come la vagina della binetti, i perizoma per cani di grande taglia o la vagina delle monache di clausura. ops, chiedo perdono per la ripetizione.

    RispondiElimina
  11. Poveri calzini abbandonati a se stessiper l'eternità, senza la speranza di trovare mai il paio di scarpe del loro sogno .... birulò
    naturalmente miaooooooo

    RispondiElimina
  12. Il negozio dovrebbe essere Principe, se non erro, e la stupidità tutta umana di continuare ad insistere malgrado le avverse fortune del calzino arancio sarà anche stata la causa del suo "fallimento"? Avrei speranza di no.

    RispondiElimina
  13. Si,lascia un pò di tristezza...tutte quelle cose lasciate in un angolo che nessuno vuole....peccato per i calzini arancioni....avrebbe potuto metterli in extra super saldo magari qualcuno li avrebbe comprati...anche solo per mettere in casa....

    RispondiElimina
  14. eh sulla visita al canile mi son commosso anche io. per il cinema invece, non so. una volta mi son trovato da solo, in piena estate in un cinema dove ritrasmettevano la saga di guerre stellari. convinsi la maschera a farmi portare dentro della birra. birra e guerra stellari. fu una notte fighissima.

    RispondiElimina
  15. eheheheheheh
    quanti calzini arancioni!!!!
    sì, le rimanenze fanno capire quanto spreco ci sia.... perché ordinarli se nessuno li acquista...

    RispondiElimina
  16. beh io i calzino arancio li porto... se fa freddo combinati con un paio viola anche. Ora poi l'arancio è di moda... o no?

    RispondiElimina
  17. Voglia di spremuta d'arancia..

    RispondiElimina
  18. I calzini arancio da uomo sono orribili, ma da donna non sono male. :)
    Evidentemente il negoziante era un abitudinario cronico!
    Ciaooo.

    RispondiElimina
  19. Passo per un saluto. Ho eltto il tuo scritto e mi sono sentita vicina alle considerazioni finali. Ci sono momenti in cui una sensibilità più forte si accende e ti senti vicino alle cose. Magari sono piccole e banali..ma nella loro semplicità ti parlano... e forse ti ricordano cose personali..

    RispondiElimina
  20. Senti ma mica per caso il compratore di quel settore fa anche il ministro :D ???

    RispondiElimina
  21. A volte nemmeno sappiamo dell'esistenza di certe cose... forse semplicemnte perchè non vengono presentate nella giusta luce, forse perchè essere diversi ci fa più paura che essere noi stessi, forse perchè non è ancora giunto il giusto tempo per guardarci dentro e capire quali sono i NOSTRI veri bisogni. Doreen

    RispondiElimina
  22. Da bambina ho letto IT di King, da allora l'arancione ( colore ricorrente nel libro) ha perso per me ogni attrattiva....

    RispondiElimina
  23. Proposta........................forse i calzini arancione si possono inviare agli Arancioni...............o non vanno più di moda neanche loro?

    RispondiElimina
  24. Quei calzini spaiati potrebbero essere proposti a Gianni Ippoliti, lui non avrebbe nessuna difficoltà ad indossarli:è un grande!

    Così come credo che ci sia sempre una possibilità anche per l'auto rimasta invenduta, ecc...la speranza è l'ultima a morire

    RispondiElimina
  25. Io sono una di quelle che, a volte, al cinema ci va da sola.
    Sono un calzino spaiato, e un'estimatrice di Melville, che leggevo da ragazzina.

    RispondiElimina
  26. Ciao Zen, bello passavo per un velocissimo saluto e se non fosse per il fatto che ho due TREMENDI esami a brevissima scadenza (macroeconimia e ragioneria O_o) mi fermerei anche a leggere ma... spero di tornare presto e con più tempo! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  27. il paradiso dei calzini è esilarante, i calzini arancio servono per il freddo ai piedi perchè vengono dalla sicilia...
    ciao jar
    barche di carta

    RispondiElimina
  28. Provare a tingerli e riproporli no... eh???
    Magari si vendono... :-)))
    Ciao Giardigno felice serata... un abbraccio

    RispondiElimina
  29. E da un'altra parte del mondo comprano solo calzini arancioni e rimangono invenduti quelli bianchi.

    RispondiElimina
  30. Dove? Eh non lo so, se lo saprei, te lo dicessi. :-P

    RispondiElimina
  31. Bartleby era piccante e speziato? Nient'affatto. Lo zenzero quindi non aveva alcun effetto su Bartleby.

    Adorava forse calzini arancioni o calzoni arancini allo zenzero... i famosi zenzerini alla Bartleby, prima di roteare i pollici?

    RispondiElimina
  32. i tuoi calzini arancio hanno fatto la fine di tutti gli eccentrici in un mondo di cloni.Chiusi in uno scatolone nascosto nell'angolo più buio del magazzino.

    RispondiElimina
  33. brr... gasp.. calzini arancioni ?? ma sono orrendi

    però se il prezzo è buono li potrei riciclare e farne tanti bei pupazzi ^ __ ^

    RispondiElimina