lunedì 21 dicembre 2009

L'ORDINAZIONE (Racconto di Natale)

I camerieri lo chiamano tutti Klaus.
Da quando lavoro in questa pizzeria mi sono capitate migliaia di comande. Ho scelto di avere un menù essenziale : solo pizza. L'ho stampato su una sola pagina e solo le ultime tre cambiano a seconda della stagione.
Lo chiamano tutti Klaus perchè mangia da noi solo nella settimana di Natale.
Non so se capita anche in altre pizzerie, ma ci sono certi giorni che farei a pezzi i bigliettini delle ordinazioni. Marinara senza aglio, Napoli con sole acciughe, Margherita senza basilico, Capricciosa senza Wurstel...
Non le sopporto certe ordinazioni.
Lo chiamano tutti Klaus perchè lavora come stagionale al centro commerciale e confeziona pacchetti ragalo.
Ieri c'era solo lui in sala e sulla comanda infilzata sullo spillone c'era scritto : Quattro Stagioni senza I.
I camerieri sono fuori a fumare e decido di scendere in sala per domandare a Klaus cosa vuole.
Non l'ho mai sentito parlare, mi saluta solo con un gesto quando esce.
Chiedo gentilmente a Klaus una traduzione dell'ordinazione e la risposta mi lascia senza fiato : "una quattro stagioni senza l'inverno..."
Non è solo quello è anche il tono in cui lo dice, come se ne avesse abbastanza di tutto.
"Mettici quello che vuoi, ma lascia fuori il freddo, le feste e tutto quello che me lo ricorda" - aggiunge.
Non so che fare penso addirittura di lasciarne un pezzo bianca oppure di tagliarlo via, una pizza monca. Non so che fare, non sono irritato, sono spaventato da quell'espressione. Tolgo i funghi, ma non basta. La lascio nel forno un po' di più, ma so che non sarà abbastanza. Non servirà nemmeno offrirgli la cena.
Ho fatto delle piccole strisce di pasta e disegnato delle onde che salgono sul ripieno.
"Per mangiare questa pizza serve il costume da bagno !" - gli urlo dal bancone.
Arrivano le prime ordinazioni della serata sullo spillone e mi dimentico di lui.
Quando, dopo mezz'ora, mi giro verso il suo tavolo non c'è più...
Il cameriere mi porta un pacchetto senza fiocco.
" E' di Klaus" - mi dice.
Lo apro mentre esco dal locale, sono un paio di occhiali da sole. All'interno della carta strappata un messaggio : "Anche la spiaggia non era male"

48 commenti:

  1. Eccomi giunta per lasciare i miei migliori auguri di Buone Feste a te e famiglia… con l’occasione un dono natalizio ti aspetta… lo puoi ritirare nel mio scrigno…
    Buona giornata e buon inizio settimana… un abbraccio... ciao ciao Paola

    RispondiElimina
  2. Complimenti a te e a Klaus che dev'essere proprio un santo per sopportare tutte le richieste della gente sui pacchetti!
    Ricordati che la sera di Natale sul mio Blog ci sarà un piccolo regalino per te.

    RispondiElimina
  3. Non ci sono i miei, nè mia sorella. Non ci sarà la cesta piena di nocciole, noci, pistacchi da schiacciare. Non c'è la zia che arriva il 25 a pranzo urlando a mio figlio:"dov'è quella stella???". Non ci sono i miei due adorati cani. Non ci sarà nessuna fuga dopo la mezzanotte per bere un Cuba Libre con quei due disonesti dei miei migliori amici. Nè saliranno a casa mia dopo che ho addormentato figlio e marito per ridacchiare sul tempo che passa e per sentirmi ancora la ragazza che ero. Non ci saranno pacchetti da scartare, abbracci, sorrisi di chi torna per le vacanze di natale, nè thè caldi in posti freddi con le amiche di sempre. Non ci saranno cene e cenoni. Non ci sarà neanche quel maledetto freddo che odio tanto e che mi manca, oddio se mi manca adesso. Buon Natale

    ps
    io non sono molto "in the mood" ma il tuo racconto è tenero. Grazie

    RispondiElimina
  4. Mi ha colpito Angel......ci sarà TUTTO perchè è dentro di te.....un beso.

    A te Giardino rispondo....BUONA LA PRIMA....nel senso...cerchiamo di non essere indulgenti con noi stessi e pretenziosi con gli altri.
    PS io per Natale ho realizzato un regalo per gli amici del blog: un video....aiuto !!!!!!!.......ma è fatto con sentimento....ti aspetto.............intanto BUON NATALE A TE AI TUOI E CHE SI AVVERI CIO' CHE VUOI

    RispondiElimina
  5. "per me anche una quattro stagioni senza I, grazie!"

    Un abbraccio e..Buon Natale

    RispondiElimina
  6. Molto bello il tuo racconto, grazie Giardigno. Peccato che dei tuoi post possa goderne quasi sempre la metà per via dei link...con Vimeo "non ci prendiamo" ;-)
    Buone feste!

    RispondiElimina
  7. lasciare fuori il freddo, che bella idea. ciao!

    RispondiElimina
  8. Mi hai fatto meditare sulla pizza 4 stagioni, in effetti , scusa, ma dove sono le stagioni?
    La prossima volta che ordino in pizzeria sarò una vera rompiballe.
    Buon Natale, qui nevica da morire!

    RispondiElimina
  9. Klaus è il filosofo e tu Dio.
    :-))

    RispondiElimina
  10. santo klaus: e se avesse deciso di lasciare nella scatola il suo costume sporco?
    buon natalì a te e famiglia!

    RispondiElimina
  11. Babbo Natale viene a mangiare la pizza nel tuo locale nelle pause di lavoro durante la settimana natalizia! Ah! Forte! Scusa, avrei qualche richiestina, non è che potresti... Non lavori più lì? Gli occhiali da sole erano... Capisco. Appena li hai messi? Una magia. Una vera magia. E poi dicono... eh? Cavolo! E pensare che non ci ho creduto da piccolo, ma non era colpa mia, non ci credevano loro, i grandi! Comunque, mi sono evitato di finire in prigione, come te, ora. Brutta storia. Però, tu dovevi farti gli affari tuoi. Sì, sì, capisco, le figlie, le ingiustizie del mondo, sì, ma tu dovevi farti gli affari tuoi. Approfittare dell'occasione unica, altroche! Poi ci racconti per bene tutta la storia. Ora dimmi: che pizza vuoi che ti porto in carcere? Una quattrostragioni solo con l'inverno?
    :-)

    RispondiElimina
  12. Giardigno....Klaus è una splendida sfida alla fantasia e tu sei la fantasia fatta persona. Ma dove scovi tutta questa magia che hai dentro? Eccezionale, eccezionale, eccezionale.......Syl

    RispondiElimina
  13. Meraviglioso Klaus con la sua richiesta da un milione di ... Euro - ormai - che smonta un dato certificato con una domanda assurda e splendida. Buone feste a te e alla tua famiglia che siano giorni sereni e gioiosi e con occhiali da sole miaoooooooooooùùùùùùùùùùùùùùùùù

    RispondiElimina
  14. Non so dar torto a Klaus: molto meglio fare surf in Australia che viaggiare sulla slitta!
    ^___^
    Buon Natale, Antonio, a te e famiglia tanta serenità!

    RispondiElimina
  15. molto bella... mi è anche venuta voglia di pizza. Ma in casa c'è solo mandorlato.
    Auguri di cuore a te e alla tua famiglia.

    RispondiElimina
  16. Grazie per il sorriso che mi hai strappato alle 4.00 am! Verrò spesso a leggerti.

    RispondiElimina
  17. Il freddo ci vuole a volte, proprio per lasciarlo fuori e accoccolarsi al calduccio. Natale è anche questo, a meno che tu non viva a Rio de Janeiro. Ecco forse è proprio lí che potrebbe andare Klaus l'anno prossimo, ci sono ottime pizzerie, a Rio.
    E il freddo, anche con il "tuo" aiuto, lasciarlo dall'altra parte del mondo.

    RispondiElimina
  18. probabilmente non riuscirò più a passare nei prossimi giorni, quindi, BUON NATALE

    ^______________^

    RispondiElimina
  19. Prima di tutto che il natale sia per te un giorno pieno... di affetti speciali!

    Rivendi pure le mie battute, ma sono, come quelle di oggi una pagina di un mio libro
    cita l'autore...

    Ancora auguri, anzi AUGURONI!!!!

    mirco

    RispondiElimina
  20. molto carina, ma te le sogni la notte? Devi essere uno distratto...

    RispondiElimina
  21. .......io oooooooooooDio il Natale, ma non il tuo blog! Grazie e tanti augurissimi!

    RispondiElimina
  22. Buona Vita e buon Natale anche a te!:)

    A presto.

    RispondiElimina
  23. :D

    leggendo il tuo racconto ho sentito il sole sulla pelle.

    RispondiElimina
  24. Così leggendo sembrerebbe che anche tu preferisca l'estate e le spiaggia..
    Tantissimi auguri di Buon Natale!! :)

    RispondiElimina
  25. eeeeeeeeh credo di aver capito chi è klaus! Quando facevo la cameriera in un pub di firenze c'era un tipone che mi chiedeva sempre di portargli il manhattan sul vassoio. Gli piaceva perchè gli ricordava la pioggia, e ogni volta che mi inciappavo e me lo rovesciavo addosso mi lasciava la mancia doppia... Forse era anche proprietario di tutti gli ombrelli fuori...

    RispondiElimina
  26. Hai scritto un racconto bellissimo..
    "Mettici quello che vuoi, ma lascia fuori il freddo"..
    .. lavorare in certe condizioni e temperature per Klaus non deve essere facile.
    sei bravissimo
    un caro saluto

    RispondiElimina
  27. Delizioso e sottile post come sempre. Ti mando tantissimi auguri, intanto di Buon Natale, poi per il nuovo anno ci risentiamo :) Auguri anche alla tua famiglia, Kris

    RispondiElimina
  28. Mica scemo Klaus.
    Con la vitaccia che va, desiderare una spiaggia, un mare cristallino e due palme dev'essere il minimo.
    Buon Natale. :)

    RispondiElimina
  29. buon inverno, buon natale, e buona pizza se dovesse uscirci! molto bello!
    bacio

    RispondiElimina
  30. A me la 4 stagioni piace anche con l'inverno!

    ^__^ BUON NATALE!!!

    RispondiElimina
  31. Anche a me piacerebbe esere al caldo non con tutta sta neve...... faccio i più sinceri auguri di buon Natale a te e alla tua famiglia.Ciaooooo

    RispondiElimina
  32. fantastico questo raccontino.
    Ti auguro un buon Venerdì, che sia come lo vuoi tu.. e magari anche un buon sabato e domenica... tanto per gradire.
    Io, dal canto mio, so che la domenica arriverà veloce, e forse sarà meno tremenda degli altri anni.

    RispondiElimina
  33. ...se questo è il tuo modo (sublime e spiritoso) di invitare il 'pubblico', che sempre ti segue, a 'festeggiare', non posso che bagnarmi delle tue parole, spizzicando quà e là capricciosi risvolti, appetitosi.

    Io ho messo le ali, ormai...:-)))) e mi 'affretto' a fare di ogni pasto...essenza e profumo e di ogni stagione...un guizzo e un soffio....alternativamente...:-)))) Ti auguro giorni come novelle...e Tu..in piena fantasia:-)))
    Angelika

    RispondiElimina
  34. grande!

    il commiato in calce è grande.

    bravi, tu e klaus.

    ciao.

    volovivace

    RispondiElimina
  35. Non ho detto nulla perchè è perfetto così, non si deve aggiungere niente. Bravo.
    Però ti lascio gli auguri, di cuore. Ciao!

    RispondiElimina
  36. La figura di Babbo Natale mi ha sempre un pò inquietata.
    Insomma, questo arriva una volta l'anno da non si sa dove.
    Frequenta bambini, col consenso entusiastico dei genitori.
    Si fidano, ecco.
    Distribuisce regali su commissione e non su richiesta.
    Quindi non è nemmeno democratico. Ai ricchi regali da ricchi, ai poveri regali da poveri.
    Mai che una volta accadesse il contrario!
    Insomma, ai bambini poveri toccheranno anche quest'anno i giocattoli tossici comperati sulle bancarelle dei cinesi.
    Tant'è che mi è venuto il sospetto che il mandante di Babbo Natale sia Angiolino Alfano, il ministro dell'ingiustizia.
    Insomma arriva con spolverio di neve e trambusto di slitte.
    Un gran casino.
    Non ci fa capire niente.
    Eppure noi, applaudiamo entusiasti.
    Con la bocca aperta, aspettiamo che piovano caramelle dal cielo. Aspettiamo....aspettiamo....aspettiamo....
    Ma cosa ci possiamo aspettare da questo Babbo Natale ad personam?
    Secondo me, nella tua pizzeria, sta meditando la fuga sulle spiagge calde di Hammamnet :)
    Augurissimi, Antonio
    Un bacio
    Marilena

    RispondiElimina
  37. Questo racconto mi è piaciuto tanto..
    Davvero! Un sacco!

    Buone feste caro, un bacione di Buon Natale!

    Bea

    RispondiElimina
  38. Bello questo racconto natalizio.

    Buon Natale!

    RispondiElimina
  39. Un augurio di felice Natale 2009 a te e a tutta la tua famiglia :-)

    RispondiElimina
  40. ...Buone Feste, ti auguro tanta serenità.

    Pimpi/Barbara

    RispondiElimina
  41. a me una bella estate
    magari con dentro una poesia di pavese...
    ciao caro ragazzo
    che bel racconto che hai scritto...
    buon san stefano
    barche di carta

    RispondiElimina
  42. Che bel regalo mi hai fatto con questo racconto: un dono prezioso, un rebus che trova risposta nel calore...
    Grazie, di cuore
    :-)

    RispondiElimina
  43. Bellissimo racconto!
    E' vero però che le variazioni sul tema dovrebbero essere negate...

    RispondiElimina
  44. È stupendo. Non aggiungo altro.

    RispondiElimina
  45. @Giardi: l'ho detto sono in crisi d'astinenza e così mi sono detta, mi piglio il 2009, allora non sapevo che esistesse il guru dello zenzero e me lo leggo e così mi sono letta questo Klaus solo un po' in anticipo di stagione e mi si è illuminato il cuore oltre al sorriso

    RispondiElimina