giovedì 22 ottobre 2009

La diversità spiegata alle mi' figliole


Vi ho appena letto quello che c'era scritto in un famoso manifesto tedesco degli anni '90 :

"Il tuo Cristo è ebreo. La tua macchina è giapponese. La tua pizza è italiana. La tua democrazia greca. Il tuo caffè brasiliano. La tua vacanza turca. I tuoi numeri arabi. Il tuo alfabeto latino. Solo il tuo vicino è uno straniero"

Ma voi sapete bene che la nostra macchina francese è stata montata in repubblica ceca, la pizza italiana ce la fa quasi sempre un egiziano, la tua scarpa da ginnastica americana è cucita nelle filippine e su quei pantaloni col tricolore nella targhetta interna c'era scritto "made in venezuela"!

Ma cosa vi posso raccontare di più di quello che sapete già : il nome più esotico di un mio compagno di classe era David. Voi avete Kevin, Alexa, Cheng e Jamal. I vostri compagni vengono dalla Romania, Moldavia, Albania, Cina e Nigeria.

Solo pensavo che il razzismo fosse un nocciolo duro all'interno di ognuno di noi e invece ci troviamo a che fare con una patina esterna diffiile da spazzolare.

Insomma ragazze ve lo posso dire ? Pure Superman era un clandestino !

Come posso spiegarla a voi la diversità...

52 commenti:

  1. il tempo, amore, ci rese così diversi e uguali
    che essere tu e io non importa molto.
    Uno a fianco dell’altro
    forse ci copre il freddo, non il buio.
    Jenaro Talens

    Il link finale chiarisce molto ...

    RispondiElimina
  2. Le generazioni future sono la nostra speranza! Quello che per noi è novità che richiede adattamento per loro diventerà normalità. Ma nella loro vita ci sarà comunque qualcosa a cui dovranno adattarsi e che la generazione successiva troverà normale..

    RispondiElimina
  3. la storia si ripete, finché potrà, e le origini di tutto sono molto antiche. bellissimo video, e sensibile post.
    bacio

    RispondiElimina
  4. io direi che già così è bellissimo quello che hai detto. e poi parlando di stranieri, io già mi sento straniero a me stesso quando mi guardo allo psecchio, perchè dentro mi sento diverso da come appaio all'esterno e allora, se faccio lo sforzo immane di sopportarmi un piccolo sforzo per sopportare il pizzaiolo all'angolo (che è pure bravo!), posso anche farlo, no?

    RispondiElimina
  5. il video è un capolavoro, reminiscente de La Linea di Cavandoli, il cartoon che immortalò le pentole Lagostina su Carosello. Il messaggio alle figlie non poteva essere più chiaro, ora stà ai loro cuori e alle loro coscienze di scegliere un modo di pensare e vivere o l'altro.

    RispondiElimina
  6. mi ritrovo..:)

    dew

    RispondiElimina
  7. Secondo te rispolverare Ebony and Ivory è troppo patetico e retrò?

    RispondiElimina
  8. Gliel'hai spiegata benissimo, e rivista nei loro occhi, nel loro tempo, loro l'hanno spiegata a te.
    In fondo, tramandare le esperienze e le conoscenze passate significa anche questo, rifletterle e contemperarle con quelle odierne.
    Le differenze generazionali e i trait-d'union culturali...

    E cosa ti puó dire uno che vive in un barrio in cui l'italiano è minoranza etnica...?

    RispondiElimina
  9. ...che poi siamo noi adulti a farci tutte ste pippe mentali. Per i nostri famigli un bambino è un bambino, anche se ha nome, colore e nazionalità diversi dai nostri. Appunto...un essere umano dovrebbe essere sempre e soltanto un altro essere umano.

    RispondiElimina
  10. Ed io penso che alle tù figliole l'hai spiegata davvero bene!Bravo!Syl

    RispondiElimina
  11. bellissimo anche questo stop-motion.

    riguardo allo spiegarlo alle tue figlie cos'è il razzismo conosco un metodo facilissimo: prima gli mostri una foto di bossi, calderoli e borghezio poi, con un giornale arrotolato, le picchi.
    se funziona con i cani, secondo me, fuonziona anche con gli uomini.

    RispondiElimina
  12. Due piccioni con una fava : hai spiegato loro anche che cos'è la globalizzazione! ( senza accorgertene magari, o forse si).
    Un solo appunto ( e già so maestrina...) al manifesto : il tuo alfabeto è fenicio.

    RispondiElimina
  13. Bellissimo video, grande il messaggio. Le tue figlie sono fortunate, partono avvantaggiate con un papà come te.

    RispondiElimina
  14. bello davvero il video, e anche il post mi ha colpito molto! bellissimo modo per spiegare, magari con un linguaggio così anche qualcuno di più alduto arriva a capire qualcosa che gli è totalmente ignoto!

    RispondiElimina
  15. Ma che tenere le bambineeee!
    Comunque, io penso che sia davvero importante affrontare questi temi con i più piccoli. Certi genitori pensano che non sia il caso, che avranno modo di capire quando saranno più grandi, ma secondo me è giusto che abbiano il primo approccio con tali argomenti direttamente dai loro genitori!

    RispondiElimina
  16. Anzitutto le tu' figliole sono uno splendore. POi la spiegazione mi è sembrata semplice e chiara: non c'è bisogno di aggiungere altro. In quanto al video, ottima scelta. Come sempre, del resto!

    I pop-corn, le tu' figliole li mangiano salati o dolci?

    RispondiElimina
  17. Speriamo che le prossime generazioni sappiano trovare le forme migliori per convivere in pace.
    Molto dipenderà però dal mondo che lasceremo loro, però. Problemi irrisolti generalmente generano, purtroppo, guai a non finire...

    RispondiElimina
  18. Tema difficile dalla notte dei tempi. Video fantastico. Le binbe adorabile sono le tue, complimenti hai due cucciole tenerissime,. Miaoooo

    RispondiElimina
  19. Hai scelto parole ed immagini bellissime, chiare ed accessibili anche a delle bambine.
    Grazie!

    RispondiElimina
  20. Non so come avresti potuto spiegare alle tue bambine meglio di così le diversità. Lo hai fatto in modo semplice, ironico, ma incisivo. Complimenti, sei un ottimo babbo.
    Ciao buonanotte Bruna

    RispondiElimina
  21. Sì, gli occhi si posano subito sulle tue bellissime bambine, alle quali stai giustamente insegnando quello ogni genitore di buon senso è bene che insegni ai propri figli.
    Però va anche detto, come ha già scritto Tzugumi, che i bambini sono spontanei e non avrebbero problemi ad accettare, se non fossero circondati da pregiudizi.

    RispondiElimina
  22. la diversità, il diverso in generale oggi fa paura a molti ed è per questo che capitano in Italia quegli atti di razzismo così violenti

    RispondiElimina
  23. il tuo post lo posso riciclare?....
    nel senso che lo voglio far leggere a mia figlia...è molto bello!

    ciao

    RispondiElimina
  24. Certamente Pimpinella che si può riciclare, magari non va smaltito con troppa fretta !

    RispondiElimina
  25. Bellissimo post, molto incisivo e diretto! bravo

    RispondiElimina
  26. ...e che clandestino questo nostro Superman!

    RispondiElimina
  27. Conoscevo questo manifesto tedesco, ma l'avevo dimenticato...
    Sono francese, e da me ci sono talmente tante persone di origine straniera, che per tutta la mia infanzia, non sapevo che le persone di origine francese in generale non hanno cognomi come "Garcia", "Salomone" o "Zitiou", e non sono mori mori. Alla fine, se sei abituato alla diversità, è una cosa normale, come la differenza uomo-donna.
    Sono di una famiglia multietnica e ho notato che in Italia è abbastanza raro!

    RispondiElimina
  28. mannaggia...avevo lasciato un commento ieri che non vedo pubblicato, avrò riportato male l'odiosa parolina antispam? Comunque...post bellissimo Giardigno, complimenti davvero

    RispondiElimina
  29. non c'era modo migliore per spiegarlo.
    complimenti. Lo straniero, il diverso, dipende da come guardi il mondo. Io sono straniera e diversa per altri, così come lo è ognuno di noi.
    E' questo che ci rende belli. :-)

    RispondiElimina
  30. Sei speciale Giardigno! il video è un valore aggiunto al tuo post meraviglioso. Se permetti lo vorrei tenere un po' linkato nel mio blog. Mi piace condividere con i miei lettori queste pagine così importanti. Grazie!
    un caro saluto
    Alessandra

    RispondiElimina
  31. E come si può spiegare che le nostre radici
    non sono altro che il risultato di incontri con altre popolazioni (le nostre radici cristiane, ad esempio sono l'incontro nostro con degli ebrei palestinesi)....

    Mirco

    RispondiElimina
  32. Certo che c'è intimità. Lo shampo come qualsiasi altro elemento di vita che si aggiunga al sesso. Niente da ridire su quest'ultimo, ma quando hai una storia a distanza fai più sesso che altre mille piccole cose.
    Quindi sei di Firenze. Vengo lì un giorno si e uno no. Sebbene sia toscana (e non sia lucchese), l'accento fiorentino mi suona sempre un po' strano. Lamentoso ascendente, ma ci vuole.
    Ho letto alcune delle ultime pagine del tuo blog, e devo dire che mi interessa. E tornerò spesso a sfogliarlo.
    A presto...

    RispondiElimina
  33. Chi crea la differenza è differente, anzi indifferente!

    RispondiElimina
  34. Complimenti...non vorrei assordarti con un lungo commento :-)

    RispondiElimina
  35. Bellissimo post!
    Mi hai fatto ripensare a quando erano piccoli i miei figli, 15-20 anni fa, e sono andato per associazioni mie: non saprei mai spiegare la diversità e la globalizzazione come hai fatto tu, che non so se la so, se l'ho capita. Allora, anni fa, la presenza degli "altri del mondo" si avvertiva nelle cose. Il televisore, la radio, il lettore di cassette, la fotocamera, l'aspirapolvere, erano tutte cose di un lontano piccolo paese là dove il sole si leva - anzi, era sempre più chiaro che erano loro a levarlo, sicché noi dovevamo comprare i loro fari e le loro batterie. Nelle strade non li vedevi; vedevi la tua casa piena delle loro cose e ti chiedevi cosa era successo agli italiani, francesi, spagnoli, tedeschi, che evidentemente non sapevano più fare quelle cose, non così bene almeno. Poi nelle strade son cominciati a vedersi, gli "altri del mondo", da paesi più o meno lontani, ed io ero stupito che non fossero loro - anche rassicurato: erano persone normali, questi altri, come noi, diversi per vestiti, colori di pelle, lingua, ma si capiva che non erano quelli che avevano levato il sole - al posto di questo, sempre più numerosi sono arrivati i cinesi a farci vedere che potevamo mettere dei bei palloni di carta colorata, e intanto le strade e i mezzi pubblici e i negozi si riempivano sempre più di "altri del mondo", tanto che a volte certe strade di Roma non hanno una scritta in italiano e devi guardare dentro per capire che negozio è - ma puoi anche guardare la faccia sorridente di chi lo gestisce: per esempio, qui a Centocelle se è un indiano sta certo che è un negozio di frutta e verdura. Insomma, stupìto molto più dei miei figli di quello che è avvenuto in questi anni, credo che nel mio piacere della presenza degli "altri del mondo" abbia molto giocato il fatto che non sono quelli che hanno costruito, o diretto la costruzione e marcato, il computer da cui sto scrivendo, i cd sparsi qua e là, la fotocamera che ho accanto, l'orologio che ho al polso, la chitarra poggiata all'angolo, il televisore in cucina, la macchina che ogni tanto uso... Sere fa, mentre tornavo a casa, in una rientranza del muro tra due palazzi, un giovane uomo stava inginocchiato su un cartone e pregando faceva i suoi inchini verso la Mecca. Ah!

    RispondiElimina
  36. han già detto tutto.. arrivo tardi
    complimento bel post e bellissimo video, sei un ottimo papà e le tue figlie sono fortunate
    ciao

    RispondiElimina
  37. Trooooppppo belle le tue figlie...come si chiamano ?

    RispondiElimina
  38. Sei stato veramente bravo..sia con le parole che con il video.
    Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  39. Complimenti...parole adatte a spiegare la diversità...tra ogni persona!

    RispondiElimina
  40. Non avrò questo problema-
    Venite a fare un viaggio dalle mie parti... in 10 minuti di passeggiata in centro si vedono tutte le culture del mondo ma proprio tutte!

    RispondiElimina
  41. ehehehehehh
    le tue figliole hanno tanto da imparare, ma hanno un ottimo maestro...
    ^____________^

    RispondiElimina
  42. .....in qualsiasi modo uno possa fare....è sempre sbagliato....è questo il nesso?Ciao a tutti!

    RispondiElimina
  43. Molto belle le tue riflessioni! Sono felice di aver trovato questo blog grazie al tuo commento! Ciao!

    RispondiElimina
  44. Hai reso benissimo l'idea se non l'hai ancora vista ti consiglio di guardare insieme alle tue figlie un fil tratto da una storia vera è del 2007 l'ho rivisto l'alro giorno, si titola The fredom writers, diversità e lotta di odio tra poveri...ne parlerò presto da me, un abbraccio e buona giornata

    RispondiElimina
  45. pensa invece come poteva esser strano quasi 30 anni fa chiamarsi come un dio del sole...
    esser chiamato di biancorí mentre il fratello di ciocorí...
    ;)

    RispondiElimina
  46. ah!
    hai delle figlie bellissime!

    RispondiElimina
  47. ciao credo ti abbiano copiato..il tuo post bellissimo l'ho ritrovato sulla bocca di qualcun altro in tele l'altra sera..a meno che tu non gli faccia da autore!!

    RispondiElimina
  48. il Giardi del 2009 mi piace quanto il Giardi del 2013.....
    Sandra

    RispondiElimina
  49. mi sono scordata.... che belle le bambine che adesso saranno quasi donne....

    RispondiElimina