giovedì 3 settembre 2009

Siamo tutti Giamaicani


La notte ha meno colori. Affronto un'altra rotonda, un'altra di queste pizze di terra in mezzo alla carreggiata che sveltiscono il traffico. Mi accorgo che per tornare da Campi B. ci impiego tre canzoni e mezzo e non cinque come succedeva quando c'era il semaforo.
Perché la sera, e soprattutto d'esate , le distanze non si misurano in chilometri, ma con il numero di canzoni che riesci ad ascoltare prima di parcheggiare.
Le mie ragazze dormono tutte. Siamo stati ad un festival di cinema per ragazzi dove hanno proiettato un film norvegese (!). Una storia di ragazzini prima della seconda guerra mondiale ; niente di speciale, ma nevicava. Sullo sfondo le foreste erano fitte e di un verde intenso come se avessero appena bevuto.
Ci ha rinfrescato, la storia dentro quelle case di legno vero ci ha fatto dimenticare l'afa.
La luna è tagliata in cielo come una fetta di cocomero fine. La radio non ha quasi volume e stasera parlano tanto, poi scappa dalla sintonia una vecchia canzone : "jammin' jammin'Hope you like jamming too."
E torna caldo...

29 commenti:

  1. A me mancano i semafori.
    Per una ritardataria come me, erano un toccasana.
    A uno mi allacciavo i pantaloni
    All'altro mi allacciavo le scarpe
    All'altro un pò di phard
    Al peggio mettevo lo smalto.
    E poi un modo come un altro per socializzare o per ordinare i pensieri.

    RispondiElimina
  2. Mi piace l'estate e il caldo, ma questi giorni freschi di autuno anticipato...mi piacciono!
    Mi servono per interrompere la luce, l'iperattività estiva, il calore!
    Oggi è tutto grigio...c'è un gran silenzio ed un fresco piacevole.
    Ma in cuor mio spero solo che sia una breve pausa e che nel fine settimana si possa godere ancora un pò d'estate!
    Sarei tristissima a vivere in Norvegia, ho bisogno di poter star fuori a piedi nudi, di nuotare e anche dell'afa, perchè no!
    Sai che anch'io spesso misuro il tempo in canzoni........tot per fare la doccia, tot per preparare la cena, insomma la musica scandisce molto del mio tempo!
    Un saluto!Syl

    RispondiElimina
  3. E' tanto tempo che non guido più la sera tardi, ma ricordo che quando lo facevo ai dorati tempi dell'università amavo immensamente quell'atmosfera. Le luci erano rarefatte, le strade deserte e surreali, e alla radio c'era sempre la fedele cassettina di David Sylvian a farmi compagnia :)

    RispondiElimina
  4. Ma adesso ci pensa la prima pioggia a placare l'afa. Non è bella come la neve, ma un suo fascino ce l'ha.. :)

    RispondiElimina
  5. David Sylvian in macchina di notte, è perfetto.
    A volte io allungo il giro per ascoltare una canzone in più.
    Primo passaggio nel tuo blog zen-blog.
    Alla prossima

    RispondiElimina
  6. il mio mondo, un pezzo del mio cuore è rimasto la
    prima o poi torno a prendermelo :D
    al ritmo del reggae...
    finisce che ci resto...

    RispondiElimina
  7. la musica di notte non avrebbe bisogno di autoradio ma di uno schermo cinematografico: nel tuo caso ci sono tutti e due: qual era il festival?! Allo Stensen a Firenze o cosa?

    RispondiElimina
  8. Una atmosfera che mi ricorda la fisarmonica di Stradella di Paolo Conte.
    Bellissimo andare, bellissimo narrare.
    Grazie
    :-)

    RispondiElimina
  9. Passare di qui riconcilia : esprimi sensazioni in cui tutti si ritrovano. E non è cosa facile, ma si sa, i guru a questo servono. Attivi i neuroni specchio.Anzi se non ti dispiace userò alcune tue perle proprio per spiegare cosa sono. Mi torna utile! ciao

    RispondiElimina
  10. E dal caldo non si scappa ahahaha, un abbraccio

    RispondiElimina
  11. Sai che nn ho mai contato quante canzoni ci metto ad arrivare a casa?
    E faccio un giro in più se la musica mi piace.
    :-))

    RispondiElimina
  12. Che bello misurare i kilometri con le canzoni!

    RispondiElimina
  13. Io adotto lo stesso sistema di misura: con un intero CD arrivo da mia madre e quando lo stesso ricomincia significa che il traffico era parecchio!

    Io preferisco le rotatorie ai semafori. Oltre a velocizzare il traffico, aiutano anche ad avere meno inquinamento.

    RispondiElimina
  14. bisogna vedere da che punto sei partito per arrivare a Campi B.
    a volte si gira in tondo anche solo per sentirla una canzone, perché con le canzoni non si misurano solo i chilometri, il tempo, o la distanza da casa. a volte a me ne servono 14 per andare dalla depressione alla normalità, dall'alterato alla tranquillità; a volte invece ne basta una sola per passare da A. a B., o da ventricolo sinistro a ventricolo destro.

    (le rotonde ormai sono sorpassate, e presto i semafori perderanno pure l'ombra. la strada del futuro insegna a scavare sottopassi sotto le rotonde; mentre noi, appena dopo Prato Ovest, direzione Pistoia, facciamo l'esatto contrario, tanto per distinguerci: costruiamo le rotonde sotto e lasciamo la strada sopra)

    RispondiElimina
  15. Mi hanno detto che la Toscana è la regione che detiene il record numerico delle rotonde.
    Personalmente le detesto, perchè ho sempre problemi nel dare o farmi dare la precedenza.
    Ok, la reggola è facile, ma io rischio di picchiare ogni volta.
    Vuoi mettere l'implacabilità dei colori?
    Verde: vai.
    Rosso: alt.
    Giallo: regolati, ma se fai lo spadaccino potrebbero essere cavoli tuoi.

    RispondiElimina
  16. eh le canzoni sono traditrici, proprio quando sembra che ci stiano offrendo soccorso invece sono lì per perderci nella loro magia...

    spero che il furto delle susine sia andato bene ;)

    un ciao alle tue bambine

    RispondiElimina
  17. vero io pure conto i chilometri in canzoni.
    bello, lo faccio ma non me lo ricordavo.
    :)

    RispondiElimina
  18. La musica l'afa sempre da padrona! Indipendentemente dalle rotonde sul mare, il metro (in questo caso il chilometro) di misura delle canzoni in auto è la distanza. Odio i semafori, rallentano i miei pensieri.

    RispondiElimina
  19. intorno a quelle rotonde mi è capitato di girarci all'infinito... e perdermi. anche con la visione di "uomini che odiano le donne" si può avvertire un po' di refrigerio da fiction; mi è successo qualche sera fa in un cinema all'aperto, con una calura che non è cessata neanche di notte.

    RispondiElimina
  20. Le rotonde a Torino sono un pessimo affare, trovi gente prepotente pronta a scontrarsi se non ti fai da parte..preferisco i semafori e Battiato, quello lo sentirei senza stancarmi, dimenticandomi perfino se è ora di parcheggiare:-) Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  21. le rotonde mi irritano quasi quanto i semafori sincronizzati male... forse sono solo una donna senza ritmo giamaicano...
    un abbraccio!

    RispondiElimina
  22. Pensavo parlassi di come si guida noi italiani (mi ha confuso il semaforo con la bandiera della giamaica: una sorta di metafora)..

    Bello il contare la distanza con le canzoni. Dettaglio anche a me sfuggito...

    RispondiElimina
  23. eh sì, i ritmi giamaicani sembrano far parte della nostra vita e soprattutto di alcuni periodi, io oserei dire che quando c'è un minimo di allegria, in questo periodo dettata dalla semi vacanza, quel ritmo è ideale...
    per chi guida la strada non è in chilometri ma in canzoni da ascoltare.... e se sono quelle giuste anche la strada diventa più piacevole...

    RispondiElimina
  24. buon inizio settimana

    la mia sarà tutta con il riepilogo dei post su TDF .... ;-)

    RispondiElimina
  25. è vero, è una canzone che fa sempre estate.

    Sì, i mobili erano svedesi...

    RispondiElimina
  26. io non amo particolarmenrte l'estate..
    però mi rendo conto da due anni a questa parte,che in questa stagione si possono fare così tante belle cose..si possono condividere così tante belle emozioni..e poi c'è sempre da dire che parla una sedicenne forse un pò troppo cresciuta,ma che ha voglia di vivere in fondo,prima che il momento di assumersi tutte le responsabilità di questo mondo raggiungano lei..
    e di conseguenza,è vero,l'inverno manca,e ora come ora mi servirebbe,ma non disprezzo più la stagione calda,perchè anche lei sa donarmi antissime gioie..

    RispondiElimina
  27. ..si.. non l'orologio ma canzoni.. è davvero così..
    l'andata a suon di SOAD, Clash ecc...
    il ritorno.. è quasi sempre dei Radiohead... e finisco immancabilmente con l'arrivare nel parcheggio mentre partono le note di 'Creep'.. così.. spengo il motore..le luci.. e ad occhi chiusi la ascolto... poi.. rientro nella mia vita.. borsa..scendi.. chiudi l'auto.. ciao...

    RispondiElimina
  28. bella idea misurare i viaggi sulla base di quante canzoni riesci a sentire. l'ho fatto nell'ultimo we, in macchina di sera da sola con una luna da urlo. il viaggio è passato molto più in fretta. ciao!
    fra

    RispondiElimina
  29. reggae music is the only way to be happy!

    RispondiElimina