lunedì 28 settembre 2009

La vita è tutto un film (a volte mancano delle scene)


Chissà perché tocca sempre a me. Ci vorrebbe un consiglio di famiglia per decidere chi va a trovare i parenti all'ospedale. Nel mio caso ce ne sono diversi che hanno un'età vicina ai 90. Per esempio lo Zio P. che mi dorme di fronte fasciato dalle coperte nonostante il caldo tropicale dovrebbe essere del 1921.
Quando si sveglierà mi chiederà, al solito, se ho finito il servizio militare e se sono fidanzato. Al solito mi congederà con la solita raccomandazione : "TROMBA!".
Per lo zio P. la mia vita è congelata intorno al 1985-1989. Lo Zio è un esperto di polpettoni storici, dice sempre di esser stato una ex comparsa, come un ex elettricista, ex fattore, ex amministratore di condominio ex...
Insomma ci sono più X nella sua vita che in una schedina del totocalcio.
Una volta mi disse : "La mia vita è stata come Ben Hur senza la corsa delle bighe, lunga, un po' noiosa, con molti premi, ma senza il colpo di scena finale!"
E' vero, senza la gara delle quadrighe il film non sarebbe così memorabile.Allora cerco di farmi venire in mente qualche film importante che, privato della sua scena madre, finirebbe per cadere nell'oblio. Psyco senza la scena della doccia rimane un film angosciante e meraviglioso; Harry ti presento Sally senza la scena dell'orgasmo è una commedia esilarante; Blade Runner senza il monologo dell'androide è comunque uno dei più bei film di fantascienza della storia del cinema.
Poi mi torna in mente Ultimo tango a Parigi senza la scena del burro. Secondo me senza quella scena la pellicola è perduta. Bravi gli attori certo , ma il resto della trama crolla nella nostra memoria senza quella scena.
Dormi tranquillo Zio, c'è chi sta peggio di te !

41 commenti:

  1. Pensa se ai film di thomas milian gli avessero tolto le battute di bombolo....

    RispondiElimina
  2. io tutta la mia vita l'ho basata su un film che vidi da ragazzino, l'attimo fuggente... lo vidi in seconda media e mi colpì tanto che tornai a vederlo per una settimana tutti i pomeriggi e decisi che nella vita sarei diventato a tutti i costi un artista, e non imparando assolutamente nulla dalla scena del suicidio finale... che pollo!

    RispondiElimina
  3. prima di vederlo "Ultimo tango" ho sempre creduto che col burro potevano farci la crostata... poi dopo averlo visto, ho continuato a pensarlo!!!

    RispondiElimina
  4. "Eyes wide shut" senza la scena della Kidman nuda che si guarda allo specchio... forse non sarebbe diventato così famoso...

    RispondiElimina
  5. Punto di vista A: la scena madre tiene in piedi tutto il film.
    Punto di vista B: senza tutto il resto del film, la scena madre non sarebbe tale!
    Non sarà sempre vero, ma mi piace cercare l'altro lato della medaglia...

    RispondiElimina
  6. particolari rilevanti...non mi ci era mai soffermata pero'!

    RispondiElimina
  7. Li chiamano colpi di genio degli sceneggiatori, mi pare. Io comunque preferisco lo scambio di battute con tuo zio, mi ha strappato una risata :)

    RispondiElimina
  8. Tuo zio è simpaticissimo e la sua vita deve essere stato un bel film, queste battute finali, lo rivelano.

    RispondiElimina
  9. Bel post!! E grande anche tuo zio...la sua filosofia è veramente geniale!!Mi ha fatto ridere, e ti assicuro che questa settimana, mi ci vuole davvero!!

    RispondiElimina
  10. bel pezzo.
    ma il primo zio è quello che ha ragione.

    riguardo ai film, mi sarebbe piaciuto vedere la scena del burro durante quella del monologo di blade runner:
    "ho visto cose che voi umani... ehi ma... oh, che diavolo state facendo? ahah! questo gioco non lo conoscevo..."

    RispondiElimina
  11. Hai visto quanta luce? Abbaglia anche me.
    In un attimo solo. Più di quanto non immaginassi ...

    RispondiElimina
  12. in definitiva non ho capito: qual è il film che parla della tua vita?
    il mio, vista la giornata ed il periodo vorrei che fosse uno dei film di ....
    non lo so... ci devo pensare ;-)
    buona serata

    RispondiElimina
  13. aaaaah, parliamo di film?
    Mi viene in mente il mio amore inquietante..

    Ooooooh cielo che meraviglia quel film!
    E il fumetto?

    Ooooh cielo!

    Ma non vorrei che la mia vita fosse così. Vorrei solo che il mio uomo fosse così. Ah, vorrei anche essere bella e snella come Natalie Portman. Che recita anche bene. Beata lei.

    Nessun film vorrie che fosse la mia vita.
    M'innamoro sempre dei personaggi.. Raramente della storia.

    RispondiElimina
  14. e guarda un po' sono proprio quelle scene a colpire la maggior parte di noi ed a rimanerci impresse... a me ha colpito molto anche quando in ghost lui risponde da fantasma al "ti amo di lei" "idem"... mmmhhh!
    bacio

    RispondiElimina
  15. ...ah si? e tu pensa che io ho visto Ultimo Tango edulcorato e amputato proprio di quella scena! Ecco perchè mi era sembrato una cagata pazzesca...

    RispondiElimina
  16. Non mi toccare "Harry ti presento Sally"!! E' ancora uno dei miei preferiti...

    Certo che lo zio P. con quel "tromba!"... doveva saperla lunga sui piaceri della vita!

    RispondiElimina
  17. però non è male avere tante x nella vita, significa che hai vissuto.... ;)

    RispondiElimina
  18. Il sonno dello zio non gli toglie verve!
    auguri zio!

    Quanto ai film, come vedresti "Qualcuno volò sul nido del cuculo" senza quella scena dell'indiano che stacca il lavandino pesantissimo e lo scaglia via...?

    RispondiElimina
  19. L'essenza di noi stessi è spesso racchiusa in un solo gesto.
    Quell'azione che ci fisserà nella memoria collettiva.
    O in una sola battuta.
    La citazione ricorrente con cui siamo ricordati da vivi.
    L'epitaffio, di quando saremo morti.
    Ottimo il tuo modo di raccontare.
    Fa riflettere. Con un sorriso.
    Buona giornata
    Marilena

    RispondiElimina
  20. .....dormi tranquillo zio c' è chi sta peggio di te.
    Credo che tuo zio sia stato una gran persona.
    Ciao.

    RispondiElimina
  21. Per me conta tutto l'insieme, persino i titoli di coda. Chi ha scritto la colonna sonora e chi ha doppiato la voce.
    Mi piace pensare che il colpo di scena possa nascondersi e debba essere ricercato un po' ovunque, anche dopo il "the end".

    RispondiElimina
  22. Psyco, senza scena della doccia, forse farebbe persino più paura!!

    RispondiElimina
  23. AHAHAHAHAHAH!!!!!!!!!

    osservazione fantastica: c'è sempre qualcuno che ha avuto una vita peggiore della nostra!

    Mi fai morire quando centri così il bersaglio!

    RispondiElimina
  24. Del resto, l'arte del cinema si ispira alla vita ma la vita si ispira alla TV. Woody Allen dixit. A proposito, il suo ultimo film è uno spasso

    RispondiElimina
  25. La vita è un film...
    L'importante è non fare solo le comparse...

    Grande lo zio!!!

    mirco

    RispondiElimina
  26. Questi "vecchietti" hanno molto da insegnarci. Mio padre è del 20, e sembra tutto tranne che un vecchio. Adesso ha qualche problema serio di salute, ma rimane più lucido e presente di me.
    Da noi quella delle x, purtroppo, sono io.

    RispondiElimina
  27. La trama di Ultimo tango a Parigi? ...e chi se la ricorda?

    RispondiElimina
  28. Troppo forte tuo zio P.
    Un abbracio a lui :-)

    RispondiElimina
  29. chissà perchè, malgrado il passare degli anni, le trombe suonano ancora
    trovassi qualcuno a cui non piace questa musica :D
    film...film...se penso alla mia vita...mha...mi fien da pensare che siano tanti film messi insieme...
    e, tanto per dire, tocca sempre a me...

    RispondiElimina
  30. ma come mai i miei commenti nn vengono mai pubblicati?

    RispondiElimina
  31. Parlando di scena madre mi viene in mente uno dei film padre, nel senso che ogni scena già presa da sola risulta un capolavoro: The Blues Brother con il mitico John Belushi. Complimenti per lo zio, Giardi.

    RispondiElimina
  32. Grazie per l'inciampo.
    Ho ricambiato con piacere.

    RispondiElimina
  33. Quando i dettagli fanno la differenza...e' proprio il caso di dirlo, mio carissimo maestro.:-)
    Ti abbraccio...
    Angelika:-)

    RispondiElimina
  34. Ciao!

    Non ho mai dimenticato questa frase di Blade Runner:

    "La maggioranza degli uomini vive una vita di silenziosa disperazione."


    * Simpatico zio. ;))

    RispondiElimina
  35. E che mi dici di:"Mi piace l'odore del Napalm al mattino, sà di vittoria!", ma in quel caso il film sarebbe stato ugualmente un capolavoro!
    E comunque, Marlon Brando col suo burro, ha turbato intere generazioni di fanciulle!
    Un saluto!Syl

    RispondiElimina
  36. Mah, diciamo che come nella vita ci sono ricordi e ricordi, ci sono scene e scene, e tutto è molto soggettivo, poi quello che manca basta solo disegnarlo su misura e poi colorarlo vivendolo...
    PS: di tutti i post col titolo ti sei cercato proprio quello privo, ora non ti lamentare, li sono quasi tutti col titolo :)
    Buona giornata

    RispondiElimina
  37. carina questa idea.
    ci sono momenti che valgono una vita.
    è vero!

    RispondiElimina
  38. Molto bello questo post...
    Nell'attimo fuggente senza la scena di "Capitano mio Capitano" si perderebbe non dico tuto, ma quasi...

    RispondiElimina
  39. era questo l'inizio e quello il seguito...
    ora ci sono...

    buon inizio giornata ^_______^

    RispondiElimina