lunedì 28 aprile 2014

Bondage with grilli-talpa




 
La nota starlette F.K. ha messo su e-bay le sue vecchie protesi del seno, quelle in silicone. Le ha acquistate un ammiratore che abita dall'altra parte del mondo, ma conosce tutti i suoi film: camei e comparsate compresi. Il fan qualche giorno dopo le ha rivendute guadagnandoci il doppio.
Sono questi piccoli segnali che mi confermano che viviamo in un mondo senza amore, ha scritto F.K. su Facebook.
Le nuove protesi sono riempite di soluzione salina, il gel di silicone è risultato cancerogeno, il movimento del nuovo seno è molto più vero, tutto appare naturale; nelle mani del chirurgo sembrano due piccoli acquari senza vita.
 
Nella biografia del noto pornoattore W.L. è scritto verso pagina 14: "sono stato praticamente con tutto, escluso nani e cavalli." Mi si è aperto un mondo di combinazioni sessuali con animali, comprendenti primati, molluschi e pure qualche rettile molto molto intraprendente. Il video appena eliminato da youporn dal titolo: "Bondage with grilli-talpa" prima della cancellazione era stato visto da quasi sei milioni di utenti. Era classificato come threesome alla stregua di quelli girati con lo squalo balena ed il topo ragno. Non vi potete nemmeno immaginare cosa fanno al povero pesce sega in quell'altro video virale...
 
Un pensionato di F. nello stato di A. ha brevettato delle bambole gonfiabili (sex dolls in inglese) con sembianze extraterresti. L'inventore ha studiato le atmosfere di pianeti ritenuti abitabili e ne ha tratto delle forme non antropomorfe per soddisfare un mercato apparentemente di nicchia. In realtà i primi prototipi sono stati venduti in poche ore e al momento stanno faticando a star dietro le prenotazioni. I tempi di attesa vengono calcolati secondo l'orbita del pianeta Venere. L'inventore durante un intervista ha detto: "sono dell'idea che l'amore non sia di questo mondo, figuriamoci il sesso".
 
Durante questo periodo ho perfezionato la ricetta degli involtini romantici, doveva essere in un capitolo successivo ma non posso farci nulla:
 

Preparazione

Sbuccia e taglia tutto il romanticismo a listarelle fini. In un wok metti qualche cucchiaio di olio e fai soffriggere con un accordo di violino e un filo di vento chiaro.
Quando si sarà dorato, aggiungi un mazzetto di ricordi all’inizio quelli più recenti, in seguito i più profondi, maturi. Lascia cuocere per qualche minuto poi aggiungi i germogli di una giornata senza pensieri. Sala il tutto e versati un bicchiere di vino bianco secco lasciando i tuoi ricordi appassire nel wok. Non farli sfumare.
Nel frattempo riempi un recipiente di acqua tiepida e immergi per qualche secondo le sfoglie sentimentali in modo che si ammorbidiscano. Stendile su un piano e poggia una sfoglia sopra l’altra in modo da fare un doppio strato; il romanticismo ha sempre bisogno di un doppio strato. Quando i tuoi ricordi saranno cotti, prendine un cucchiaio abbondante e sistema il ripieno al centro della sfoglia. Fai attenzione, i ricordi devono avere una consistenza croccante, altrimenti si rischia di scordarsi o peggio. Confeziona ora l’involtino facendo attenzione a chiuderlo bene e fare in modo che i ricordi siano ben compatti all’interno, non devono superare i confini, non devono fare speranza si dice in gergo. Mettili qualche minuto in frigo a compattare, quindi friggili senza rimpianto. Una volta tolti dalla padella togli i tuoi ricordi romantici avvolti nel sentimento poggiandoli su delle pagine di un libro che non leggerai più o su un vecchio giornale di un anno bisesto,  poi servili a qualcuno che quel giorno ha pensato solo a questa serata. Non lasciar freddare il tutto.

 


 

 

 
 

12 commenti:

  1. ma sono le dosi per due persone?
    no perché una volta l'ho fatta e ne è venuta abbastanza per tutta la città.
    ero a San Francisco ed era l'inizio degli anni sessanta.
    devo dire che ha funzionato.

    RispondiElimina
  2. lo sapevo che eri un cuoco straordinario, quando inviti ad assaggiare?

    Seguire infedelmente le ricette
    ossia originalità fantasia
    Generosità nello scegliere la qualità degli ingredienti:
    carezze parole oppure alimenti e condimenti
    Ingredienti giusti in dosi giuste
    Misurare con intelligenza
    Mescolare rimescolare con amore teneramente
    Indovinare il fuoco necessario: la qualità del fuoco
    l’intensità la durata del fuoco
    Togliere il superfluo
    Non affrettarsi
    Essere sempre presente
    Esaltare i sapori ma non esagerare
    Con piacere dare piacere
    Che la consapevolezza dell’effimero
    non tolga la totalità dell’impegno.

    GLADYS BASAGOITIA

    RispondiElimina
  3. Io non so più cosa scriverti per dirti cosa muovi dentro me quanto ti leggo, percio ti lascio il mio silenzio...

    (oooh un attimo solo prima del silenzio, devo dirti che voglio provare a far la tua ricetta ma non so dove trovare "i germogli di una giornata senza pensieri" è difficile trovarli)

    RispondiElimina
  4. Povera F.K., nemmeno i fans hanno rispetto per i sentimenti delle sue protesi... rivendute così al miglior offerente. Non c'è più religione!

    RispondiElimina
  5. Se si potesse davvero preparare, ne mangerei a padellate!!!! :-)))

    RispondiElimina
  6. come ho scritto poco fa ad un'altra persona, ultimamente leggo silenziosamente e non commento perchè non so mai bene cosa dire. E' parecchio che ti seguo ma riesci sempre e cmq a sorprendermi (e l'ho scritto senza dovermi spremere quindi vale doppio ihihihih). Ti lovvo :-) non so perchè ma oggi non mi lascia commentare con le solite credenziali :-( Agane

    RispondiElimina
  7. è molto triste :-( e nessuno potrà fare nulla perchè è lo stato stesso che ne ricava guadagno :-(

    RispondiElimina
  8. Three Men in a Boat, Jerome K Jerome

    RispondiElimina
  9. Tutto venduto, totale apatia

    RispondiElimina
  10. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. TERMINOLOGIA DI VENERE
      Ho sempre detestato la dicitura "lasciate poi il tutto a riposo", soprattutto nelle ricette culinarie, che mi sà di comatoso, immobile, stagnante, brulicante di vita interna, però subdola.
      Non mi piace neppure il "frollare", che sà ancor di più di decomposizione in fase d'avvio.
      Mescolare, invece, è un termine che adoro, perchè lì c'intravedo la promiscuità, l'amalgama, la compenetrazione.
      Mescolare, in cucina, equivale ad un atto sessuale.
      Anche sbucciare è verbo che evoca vivida l'immagine di un frutto, un germoglio che spalancato dona i suoi effluvi, la sua polpa, il suo latte, a saziare la bocca protesa.
      Ed ecco questo spezzone d’immagine è ora a suggerire altri termini, quali colmare e riempire, da non confondere col farcire, termine pulp, foriero di squartamenti, tagli in verticale o in diagonale, compresivi di preventiva eviscerazione.

      Non lasciate riposar nulla, neppure dopo l’avvenuto banchetto, suggerisce Venere strizzando l’occhio, piuttosto colmate l’atmosfera di profumi tenaci, pochissimo dolci e molto piccanti, tendenti all’aspro che, come un buon aceto, ritemprerano dalla perdita dei sensi e riconcilieranno un’effervescente rinascita.
      Non lasciar, quindi, mai frollare, ammollare, inzuppare, render flaccido.
      Soprattutto evitare l’insulso q.b.

      Vénus ...... recommandé de laisser la porte entrouverte et de la cuisine mène à la chambre à coucher.
      Marlene
      Antoine, désolé pour l'effacement :(

      Elimina
  11. Io mi ripeto. Mi piace come scrivi, come pensi. La tua intelligenza è nell'evidenza dell'ironia con la quale "condisci" il modo che hai di esprimerti. ;) Un abbraccio per niente romantico, ma sinceramente amichevole..;)))) dew

    RispondiElimina