martedì 12 novembre 2013

Bitossi (pronunciato alla francese)



Preferisco non scrivere durante i giorni di pioggia, non sapete quanta ispirazione mi è mancata. Preferisco baciare piuttosto che mordere, non sapete quante occasioni ho perduto. Preferisco fermarmi al semaforo a pensare invece di lasciar far tutto al Tempo, non potete nemmeno immaginarvi quanto mi sono invecchiato su questa strada.
 
Vedo Bitossi sul marciapiede di fronte, a cavallo della sua bicicletta, fa i suoi soliti gesti, saluta qualcuno che non posso vedere, ma non dico che non esista. E' un ciclista vero, uno di quelli che appena scendono dalla bicicletta non lo riconosci più. Succede anche a quelli famosi. Lo chiamano Bitossi perché in una delle tasche tiene una vecchia bilia di plastica, di quelle da spiaggia, con la foto del campione toscano. La tocca di continuo, ma senza che sembri un gesto volgare, perché, e lo sappiamo tutti, la via migliore per raggiungere i posti, le cose e le persone è quella dove ci sono più curve. La via retta è sopravvalutata (come la retta via).
 





Cose tantriche di strada e da tasca


                  
Tritoni

                                                                   
No Logo  



 
The end of Porno 



14 commenti:

  1. che le vie rette e le rette vie siano sopravvalutate non ci piove e non piovendo non ci si ispira e non ispirandosi non si bacia e non baciando a volte si morde e mordendo si resta giovani, ma a volte insoddisfatti
    i tritoni in tasca li vedo un cicinin impegnativi

    RispondiElimina
  2. mi piacerebbe fare un giro nel tuo cervello. sai?

    RispondiElimina
  3. In effetti è vero.Le linee rette,le strade spianate,la mancanza di curve,rende il tutto spesso estremamente noioso.
    Ci vogliono curve nella vita!In tutti i sensi!

    RispondiElimina
  4. Magnifico maso, il pensare il perduto lo moltiplica

    RispondiElimina
  5. io amo scrivere con la pioggia...
    mi da un'aria più intelligente...
    o sarà che mi si appannano gli occhiali e non ci vedo bene!

    RispondiElimina
  6. la pioggia mi porta ispirazione e quindi riesco a scrivere tante cose...poi con tanta acqua che scende che si fa??..preferisco dedicarmi ad altro quando invece c'è bel tempo...

    A proposito...tu cerca di perderne poco di tempo..e vivilo alla grande..i giorni che passano poi non tornanto più!!

    RispondiElimina
  7. In realtà la storia di Bitossì (alla francese) è strettamente legata a un giorno di pioggia quando dopo un intenso allenamento, il ciclista prese freddo e i colpi di tosse che emetteva erano a serie di due ed erano molto forti.
    Sì, esatto, mi ricordo bene, quel giorno bitossiva.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. si adattano benissimo questi versi di Xavier Oquendo Troncoso:

      Le raccomandiamo di prendere il bagaglio a mano.
      Di non tornare a guardare chi si trova al suo fianco
      perché non esiste.
      Quello che lei vede
      è il riflesso di un ologramma azzurro
      che convive con la sua realtà virtuale.
      Lei si trova dentro il cappello del mago
      che dopo svanirà.
      Qualsiasi coniglio intravisto
      è un semplice gesto di cortesia.
      Se sta pensando di apparire alla grande
      non ci speri. Perché i soli
      hanno sempre una misura standard.

      Elimina
    2. giardi, perchè non ti capisco?

      Elimina
  8. sono un'esperta in quanto a cammini tortuosi. pero' tanto si arriva dove si deve e si vuole arrivare. sempre.

    RispondiElimina
  9. La via migliore è quella dove ci sono più curve. Concordo pienamente :-)

    RispondiElimina
  10. le curve a me fanno impazzire ;)

    RispondiElimina