giovedì 23 maggio 2013

Oimeroma (favola triste per gente allegra)



Un giorno, mentre la Regina Ultima Ultima faceva running (o joggin'?), insomma, un giorno, mentre la Regina Ultima Ultima correva nel parco della reggia di Oimeroma ingoiò una moschina.
Per uccidere la moschina che aveva appena mandato giù la Regina si mangiò un uovo sodo, questo perché si ricordava che la Regina Ultima Quinta faceva sempre così. O era la Regina Ultima Quarta? Insomma secondo la Regina Madre ogni volta che ti entrava in bocca un insetto dovevi mangiarti un uovo per ammazzarlo, non esiste niente di più simile ad un proiettile in cucina che un bell'uovo sodo, diceva la vecchia.
 
L'uovo sodo però faceva ingrossare il fegato,  pertanto la Regina dovette sorseggiare subito dopo una tazza di latte di Karibù, ma il latte di Karibù era un po' grasso e allora per assorbirlo iniziò a masticare un germoglio di tabacco danese molto molto umido. Il tabacco danese fa salire la pressione meglio della liquirizia di Tobago cosicché la sovrana fu costretta a sgranocchiare un po' di aglio dell'isola di Wrightend, ma non importa essere dottori per sapere che l'aglio di Wrightend fa venire le zampe di gallina e le classiche rughe da espressione stupida, perciò la Regina cominciò a coprirsi di alghe del Mar di Open, il più famoso dei mari chiusi. Questo tipo di alga viene usata in chirurgia plastica per aumentare il seno di una misura e mezzo senza intervento chirurgico e così la Monarca, per evitare l'effetto-nutrice,  si fece immediatamente massaggiare i seni in senso orario da uno dei suoi generali più fidati con un'essenza di fiore di cactus del deserto di Maquinonsivedenulladinulla. Sua Maestà si accorse allora che la boccetta con dentro l'essenza del prezioso fiore giallo era finita e cercò di compensare a tale mancanza con un reggiseno ricamato di pelle di squalo di Pushdown. Ma una volta chiuso il corsetto la Regina di Oimeroma si riempì di esantemi come nella Quinta Rosolia, una malattia endemica di Oimeroma che aveva già fatto strage di regnanti in passato.
 
Allora, prima di morire, la Sovrana decise che avrebbe dichiarato guerra ad un paese confinante, chiuse gli occhi e appoggiò il dito a caso sulla cartina. Il suo Ministro Pericardio (un uomo senza cuore) si oppose fermamente alla decisione della sua Regina perché il regno scelto casualmente aveva appena sperimentato la bomba atomica con un discreto successo di pubblico. Per questa ragione la Monarca puntò di nuovo il dito a occhi bendati verso un altro staterello appena un po' più in su, ma ancora una volta il Ministro obiettò che in quella piccola nazione avevano dei corpi speciali addestratissimi, difficili da sconfiggere in battaglia ed inoltre in divisa erano uno schianto. In conseguenza a questo la regina selezionò, con un occhio leggermente aperto, un'isola di fronte a Oimeroma che aveva sempre vantato una certa indipendenza, ancora una volta Pericardio contestò la decisione facendo presente che la cucina degli isolani faceva veramente schifo. La Regnante allora si gettò nuda sulla la cartina con decisa voluttà in cerca di un adeguato avversario. A questa decisione seguirono anni e anni di pace incondizionata.
 
Mentre accadeva tutto ciò un moschino di Phormia Realis si accorse che la compagna che aveva volato accanto a lui per tutto Giugno (è già Estate?) era scomparsa. Dov'era finita? Non dico che l'amava (in questa favola non c'è lieto fine), ma quello schianto di mosca era l'unica che sapeva uscire dagli angoli di ragnatela.
 
 
 
 

13 commenti:

  1. che dici Giardi, posso leggerla stasera a mio figlio ho presenta delle controindicazioni?
    un bacio Ady
    Ubique Chic

    RispondiElimina
  2. Ho chiesto la cittadinanza a Oimeroma che dici Giardi me la concederanno?
    Ho fatto anche una crociera nel mare chiuso di Open :)

    RispondiElimina
  3. Senatrice a cita di oineroma presente
    FG

    RispondiElimina
  4. Io la leggo stasera a mio figlio....deciso!
    fra

    RispondiElimina
  5. bella bella da leggere e rileggere

    RispondiElimina
  6. Tutto accadde per colpa di una moschina...

    Buon fine settimana! Baci

    RispondiElimina
  7. Bellissima come sempre Giardi, un fine umorismo ed un fraseggiare al limite dell'assurdo molto garbato.

    RispondiElimina
  8. m'è venuto un pò di maldistomaco...

    RispondiElimina
  9. e se la regina avesse mangiato un cavallo?

    RispondiElimina
  10. Lo vedi a tenere la bocca troppo aperta (a sproposito) che stragi inutili.
    Comunque la regina ingoia, ma le mosche... o quello, o vengono schiacciate.

    RispondiElimina
  11. Mi sarebbe piaciuto essere il Generale fidato... :-)

    RispondiElimina
  12. porcapaletta per il moschino.....

    RispondiElimina
  13. Great blog. Keep up the good work.

    RispondiElimina