venerdì 12 aprile 2013

Le mie istruzioni facilitate (Terza parte e Tolstoj)


 
Tutti i pomeriggi passati con un romanzo da leggere si somigliano, il pomeriggio da "Guerra e pace" invece ha qualcosa di diverso. Quante volte ti sei detto : quest'estate leggerò Guerra e pace, poi le vacanze passano e la tua battaglia di Borodino si conclude 0 a 0 e i russi non battono nemmeno i rigori. Diranno i miei quindici lettori che un incipit così stava meglio con la Karenina, ma nella mia immaginazione Guerra e pace è più..., è di più. Eppoi Anna Karenina l'ho già letto due volte. Uno di quei pomeriggi quando il sole ti sbianca la pagina così forte da farti leggere con un occhio chiuso altrimenti  assorbi troppa energia. Potessi scegliere di scrivere il mio manuale di istruzioni (non lo farò perché dovrà compilarlo qualcuno che, ignorandomi, mi conosce meglio di me), vorrei avesse le dimensioni del romanzo di Tolstoj.

Vorrei un appendice di controindicazioni, una serie di cose assurde da non fare con me, tipo : non lasciatelo nella gabbia degli orsi dopo le 23, non fatelo rotolare nudo sulla neve fresca, non fategli tatuaggi con nomi di donne in caratteri gotici. Un manuale imponente tanto da far pensare a chi lo prende in mano : questo è meglio se lo sto a sentire mica me lo posso leggere tutto, poi magari lo scarico in rete... Semmai non vi piacessi potreste farmi rotolare nella neve fresca fino alla gabbia dei grizzly.
 
Anch'io da sempre preferisco sentire il profumo della voce prima di seguire le impronte,solo dopo, riconoscere le orme, solo così ti seguo, per questo so da dove passi e dove pensi.






Puntate precedenti

 

12 commenti:

  1. ...non farò altro che pensare alle mie controindicazioni tutto il santo giorno...quella dei tatuaggi in caratteri gotici la sposo senz'altro, includerei anche gli ideogrammi. Un bacio

    RispondiElimina
  2. Allora ne convieni: le voci sono importanti.
    Secondo me il tuo manuale di istruzione è più spesso di tutta la Recherche di Proust...hai voglia ad infornare Maddalenes (che poi il gusto non è mai come pensi di ricordarlo)per questo sì, starei ad ascoltare dovessi raccontarmi tutta l'Odissea nel mezzo del più gelido inverno, non riuscirebbero a distrarmi neppure le sirene

    RispondiElimina
  3. non funziona il primo link :(

    RispondiElimina
  4. Mi siedo col tomo dal
    Barbiere che
    Il the e' già finito
    FG

    RispondiElimina
  5. Istruzioni facilitate cercasi

    RispondiElimina
  6. quei pomeriggi non li passo più a leggere. troppa energia...ad una certa devo uscire !

    RispondiElimina
  7. Non so più dove ho letto che solo un grande scrittore può scrivere un manuale di istruzioni comprensibili. Ecco.

    RispondiElimina
  8. non ho mai pensato di leggere guerra e pace però dico sempre mannaggia il diavoletto che c'ha fatto litigà pace èpace e libertà. :)

    RispondiElimina
  9. questa è una mia prima visita. Trovo il tuo dire assai piacevole. Guerra e Pace? un libro unico al mondo.
    Kostis

    RispondiElimina
  10. controindicazioni? che controindicazioni, io non ho controindicazioni.... nè prima nè dopo.... boh!

    RispondiElimina
  11. L'estate scorsa ho letto Anna Karenina, questa sarà dedicata a Guerra e Pace.

    Mi fido delle tue istruzioni.

    RispondiElimina
  12. che a seguire il profumo della voce so da dove entri e poi non esci.

    RispondiElimina