lunedì 24 settembre 2012

Questo racconto non diventerà mai un film



Perchè sarà difficile trovare una cattedrale gotica come quella di questa storia, con tutte quelle statue di martiri sorridenti sulla facciata, con quel camminatoio in alto dove per tradizione si passa due per volta; una chiesa con una pietra così bianca che potresti traslocarla sulla luna e sarebbe invisibile ai telescopi.

Perché il casting è un casino, perché tu sei una bellezza inconsapevole, ora vanno di moda le bellezze naturali, le spontanee, le sempreverdi (da annaffiare poco però)  e c'è sempre tanta richiesta di rifatte. Nessuna inconsapevole come te, bella coi vecchi calzini bianchi da tennis, coi capelli bagnati, bella nuda, solo col rigo delle mutande sulla pelle.

Perchè in questo racconto ci si bacia subito alla prima scena, in tutti i film in programmazione in questo periodo ci si bacia solo alla fine, per perdonarsi, riconoscersi, ripetersi che era sbagliato lasciarsi, scoparsi la bionda/il moro del supermercato che però non conta nulla (per la parte della bionda avrei in mente un paio di semprebelle e una rifatta).

Perché il regista alla fine del bacio griderà : "Questa è già buona, ora facciamo una  pausa di un quarto d'ora eppoi giriamo la scena col dirigibile!"

Non ce la faccio, non può essere buona la prima, è troppo presto, non lo posso accettare.





continua

17 commenti:

  1. in copertina disegni da http://loridell.com

    RispondiElimina
  2. no, il rigo delle mutande sulla pelle non lo posso acettare, è troppo presto...baci ady

    RispondiElimina
  3. Esistono ancora i lieto fine nei film? Roba vecchia, desueta, vintage.

    RispondiElimina
  4. a me sembra davvero buona la prima
    i carrelli sono davvero inquietanti

    RispondiElimina
  5. A volte il lieto fine non conta.

    RispondiElimina
  6. E chi lo sa? A volte i desideri si avverano. Ma vanno ancora di moda le rifatte?

    RispondiElimina
  7. Non si può stare tranquilli nemmeno al supermercato, quando non ci sono i mori che ti tentano, devi vedertela con i carrelli...

    con te è sempre buona la prima!

    RispondiElimina
  8. purtroppo giardigno questo non è il tuo film......o si.

    RispondiElimina
  9. la sagrada famiglia.... qui si potrebbe girare il film. Per il buona la prima è un peccato: solo un bacio? Non si puo' rifare e rifare e rifare?

    RispondiElimina
  10. Questo racconto può diventare un film perche' ci sono ancora le "spontanee vere" fintantochè esistono uomini che si innamorano di cose come "il rigo delle mutande sulla pelle", bello nudo naturale:-))
    Grazie Giardi per il tuo appoggio e per tornare a me e portare sempre qualcosa, anche solo una cosa piccola come una parola:-))
    Un bacio...

    RispondiElimina
  11. Speriamo che invece un giorno lo vedremo: la location Parigi Chiesa di Sainte Chapelle; certo una donna come Liz è difficile da vedere in giro, sono tutte uguali, però... ti auguro di averla trovata.
    Anche se in questo mondo alienato un amore appassionato è difficile da RI-vivere.
    (Non so come fai a trovare questi video incredibili, ma questo lo propongo ai miei allievi). :-)

    RispondiElimina
  12. Antò...non dormirò per quei carrelli mostruosi, però sono loro gli attori? ;)

    RispondiElimina
  13. invocare il lieto fine... carrello incluso!

    RispondiElimina
  14. no nessun film se è fatto con ste qui ....
    invece ci sarà solo un piano sequenza con la cattedrale che si staglia tra le nebbie e poi ...........
    un bacio subito noooooooooo senza l'attesa perde gusto ...... miaooooo

    RispondiElimina
  15. Cattedrale gotica + bellezza inconsapevole mi sembra un connubio perfetto. Anche BUONA LA PRIMA mi sembra perfetta. Probabilmente lo era anche il bacio.

    RispondiElimina
  16. e girane un'altra a sua insaputa..

    RispondiElimina
  17. Credo che sia uno tra i tuoi scritti più belli. Forse perché ho un debole per le bellezze inconsapevoli. O per te?

    RispondiElimina