mercoledì 1 giugno 2011

starnului



C'era una volta, su un lettone a due piazze, due ragazze Senzasonno e un padre appena un po' più giovane di adesso, ma con un vecchio libro di favole che ormai riusciva a chiudere solo un occhio delle Senzasonno. Allora per sigillare di sonno anche l'occhio sinistro (quello che si stanca dopo) si inventarono il paese di Starnului.
A Starnului esisteva un lago dove c'erano dei pesci PERSIci che si cibavano solo di bolle. Dentro le bolle che riuscivano a salire in superficie però c'erano tutte strofe di poesie e sulle rive del lago c'era sempre un sacco di gente ad ascoltare. Non c'era nemmeno un poeta però.
A Starnului c'era un bosco che affondava le radici dentro un humus fatto di vecchi giornali sportivi. Le foglie erano a forma di gagliardetti come quelli delle squadre di calcio e sotto c'era sempre qualcuno che voleva vedere dov'era lo scudetto. Nemmeno lì c'erano poeti...figurarsi.
A Starnului c'erano delle rondini che facevano voli a forma di ∞ e appena ne chiudevano uno, sotto ci trovavi qualcuno che si baciava. Mica solo principi e fidanzate, anche orchi, troll, gattimammoni, l'omonero e gente che non si era mai incontrata prima (anche dello stesso sesso !). Un tizio una volta baciò un filo d'erba sulla bocca (e quanto la cercò!). Nemmeno un poeta lo avrebbe fatto.

...

A Starnului c'era uno stagno di fenicotteri bianchi tutti strisciati di parole perchè (si è scoperto poi) mangiavano solo libri di poesia usati. Avevano un becco fatto apposta per girare le pagine. Un poeta si sarebbe fermato prima sulla scala dell'evoluzione.

Perché le favole sono la dogana della felicità, un mondo migliore in modalità provvisoria.


Poi ci si addormenta.

23 commenti:

  1. continua

    la Varano Editori chiude per un lungo ponte (magari aggiorna la mappa di Starnului)

    RispondiElimina
  2. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  3. eeeeee3eeeeeeeeeeeeeswdxZx d,
    ho appena letto la storia al mio bambino è giuro che quello sopra è il suo commento...in realtà voleva scriverti "poeta", gli ho detto che aveva azzeccato tutte le lettere.
    un bacio da ady e edo

    RispondiElimina
  4. possiamo farle provvisorie come l'inno di Mameli?

    davvero continua?
    ....sì che continua raccontamene un'altra :)

    RispondiElimina
  5. Bravo... la chiusa mi è piaciuta molto ma molto am molto

    mirco

    RispondiElimina
  6. Giardi ..... raccontacela ancora ......

    RispondiElimina
  7. sono una senzasonno cresciuta e le favole me le racconto da sola.. in perenne passaggio di dogana quindi!

    RispondiElimina
  8. Le favole mia madre me le raccontava di pomeriggio, perchè voleva che facessi il pisolino pomeridiano.
    Mio padre me le ha sempre raccontate la sera prima di addormentarmi ma soltanto nella mia fantasia, sono sicura che una di quelle sarebbe stata bella come la tua.
    Ciao papà dalle mille risorse....e una notte:)
    Doriana

    RispondiElimina
  9. Sono stata una figlia Senzasonno proprio per farmi raccontare le fiabe. Ci combattevo proprio con il sonno perché quello era l'unico momento della giornata in cui mia mamma esisteva solo per me. E anche lei le fiabe se le inventava.. :)

    RispondiElimina
  10. let's get lost into the fairy tales

    RispondiElimina
  11. Ti adoro!
    Baci e stelline profumate

    RispondiElimina
  12. bellissimo....un po'autobiografico o sbaglio?

    RispondiElimina
  13. Che bella favola, molto onirica, perfetta per la fantasia di un bambino! Ma anche per noi "grandi"!

    RispondiElimina
  14. Belli i fenicotteri strisciati di parole...
    Starnului...grande
    Elisabeta_B

    RispondiElimina
  15. Qualsiasi cosa oserei dire sarebbe troppo povera...mi danzano ancora nella mente i paesaggi Starnului...il finale è...issimo...e non solo...;)

    RispondiElimina
  16. vorrei che Qualcuno mi raccontasse le favole così, la notte..:-)))

    RispondiElimina
  17. che bella!
    Deliziosi i bimbini che si baciano dai computer.

    RispondiElimina
  18. Qua da me, invece, appena le rondini chiudono un volo ci sono sotto io che lo riempio di colori!
    (vedi mio post 25 maggio)
    Mi piace da matti questo racconto!!!

    RispondiElimina
  19. che belle parole conclusive... purtroppo è la nuda e cruda verità... quelle tristèsse!

    RispondiElimina
  20. bella davvero. Mi sono messa nei panni delle tue figlie, se come penso il padre di cui parli ha come iniziali AG. E con invidia ho pensato a cosa si provi (come si diventi) a crescere con un genitore capace di rimanere fanciullo dentro. E al tesoro che avranno un giorno quando avranno accesso a questo blog. Un'eredità dal valore incalcolabile... :-*

    RispondiElimina
  21. Claim free bitcoins at Easy Bitcoin Faucet. Up to 33 satoshis every 10 minutes.

    RispondiElimina