mercoledì 20 aprile 2011

Bacio man



I capelli che ho perso durante la glassatura del tempo fanno somigliare la mia testa ad una nocciola. Mangio solo cioccolata fondente perché ambisco a diventare una ganache. Oggi porto una giacca azzurra che al sole spara luce come una stagnola (di sera qualche stella azzurrina appare). Sotto indosso (ed è un invito a spogliarmi) una t-shirt con una scritta pensata da me, ma che ho firmato ANONIMO, perché la parte di me che ti piace di più ci è sconosciuta.

In amore mi sono superato, sempre. Senza raggiungerti


34 commenti:

  1. E anche oggi ho imparato qualcosa, la ganasche che non sapevo proprio cosa fosse.

    RispondiElimina
  2. eddai allora ! ambiamo a diventare ganache e invadiamo il mondo
    non facciamo le solite praline

    RispondiElimina
  3. anch'io cioccolato fondente e la ganache, senza ganache che vita sarebbe ed aspetto la sera per vedere la stellina

    RispondiElimina
  4. direi che ora che si può vedere il link di mangio questo romanzo è sublime come una ganache al cioccolato

    RispondiElimina
  5. Sto salivando come un pastore maremmano, no è che sto pensando alla ganache!
    Si, la parte che ci piace di più è decisamente occulta!

    RispondiElimina
  6. la ganache morbidosamente golosa slurp!!!!!!
    ciao gaudigno, mi hai fatto venire un'idea:-)

    Elisabeta_B.

    RispondiElimina
  7. Ciao simpatia, Jardigno, tra cioccolato e amore ...ci lecchiamo le orecchie:-)
    Vanillasky724

    RispondiElimina
  8. è che a volte siamo troppo avanti!

    RispondiElimina
  9. Ma ke invogliante Bon Bon sei diventato. Sei proprpio delizioso e scartondoti dalla stagnola azzurra ho trovato dentro un bigliettino con su scritto: "In amore mi sono superato, sempre. Senza raggiungerti"
    Per forza....io ero dietro ke raccoglievo le tue sementi chiome!!! ((((((((
    Elisena
    Buona Pasqua, Giardy al cioccolato amarissimo e fondente!
    Elisena

    RispondiElimina
  10. ...mi pare che ti sia già spogliato tu, l'unica parte di te che è ancora coperta è quella che ci è sconosciuta, dunque la migliore, da ciò che lasci intendere...ottima prospettiva. buona pasqua baci

    RispondiElimina
  11. "In amore mi sono superato, sempre. Senza raggiungerti"
    forse si era imboscata con la tua parte sconosciuta :O)

    ma le mie ragazze dei vicoli commenterebbero
    (vrenzol style): "Scusate le spalle, sono troppo avant"

    RispondiElimina
  12. Ciao carissimo
    è tanto che non ci sentiamo, ma che dici assieme all'uovo....di cioccolata fondente (a me non piace al latte) se ci metto mille auguri di buona Pasqua e perchè no anche di pasquetta?
    Baciotto
    Bruna

    RispondiElimina
  13. Adoro anch'io il fondente. Serene ore Giardi, sei sempre il numero UNO!

    RispondiElimina
  14. Serena Pasqua Giardy, oro nero fondente con frasina amorosa incorporata. Miaooooooo

    RispondiElimina
  15. Con la ganache è d'obbligo il cioccolato fondente!!!...c'è la panna che lo addolcisce!!
    Ma non hai detto se la ganache è calda o fredda???
    Buona Pasqua Bacio Man!!!

    RispondiElimina
  16. Mi si sono rotte le uova! E dentro c'ho trovato altre uova, e altre uova e uova ancora. La cioccolata è già una sorpresa. Meglio di niente!
    Buona Pasqua ipercalorica a tutti :)

    RispondiElimina
  17. bianco con cereali.. una scoperta magnifica sotto una carta blu elettrica :)
    piccolo sorriso per te sul mio spazio, se ti va di passare :)

    xoxo FF

    RispondiElimina
  18. ma non è un romanzo, è una poesia...

    lil

    RispondiElimina
  19. L'UOMO DI CIOCCOLATA
    Un uomo di cioccolata, no, non lo sei.
    Come si potrebbe amare un uomo di cioccolata?
    Al primo bacio sarei già lì a morderti, e tu spariresti, pezzettini per pezzetino, nella mia bocca.
    Gli uomini di cioccolata non mi piacciono: trasudano al primo sole e s'induriscono all'avanzare del freddo.
    Amo il tuo incarto, quello si.
    Lo adoro.
    Eccentrico e visibilissimo.
    Hitch, ma assolutamente personale.
    Uno di quegli incarti che poche donne apprezzerebbero, perchè totalmente privo di buon gusto, difficilissimo d'aprire, inchiavardato da una serratura ermetica, protetta da una combinazione bislacca che tu, tutti i giorni, cambi
    Spesso, anzi, volutamente la dimentichi.
    Ma è questa sfida che mi prende, mi entusiasma. Mi eccita.
    Penetrare il tuo dentro, inaccessibile e solitario, groviglio d'intestini e nervi e cervello e forza di volontà. E desiderio.
    La tua dolcezza esterna la lascio alle altre, a quelle che si limitano ai facili peccati della gola, io miro molto più in alto: alla lussuria.
    Io voglio vedere dentro l'incarto hitch, accarezzare i tuoi organi interni, respirare coi tuoi polmoni, sincronizzarmi sul ritmo del tuo cuore, scalare la carotide ed impastarmi nella tua lingua, affacciarmi dai tuoi occhi per vedere ciò che vedi e come ti appare.
    Eppoi, in ultimo, entrarti nella testa, come una idea, un bisogno, vitale come la necessità di respirare, mangiare, bere, dormire, amare.
    Le altre sono convinte che il tuo incarto contenga cioccolata, ne aspirano l'aroma ingannatore, si lasciano sedurre, come bambine, dalla sua fluidità.
    Io, invece, ho annusato il tuo odore di uomo, e quello era reale, e mi ha lasciata stordita.
    Ora so che il tuo apparente distacco, la facilità con cui concedi a portar via la tua dolcezza è solo un gioco.
    Una sopravvivenza.
    Una selezione.


    Auguri, Antoine, seppur con ritardo, ma mi riesce sempre più difficile stare al passo con Blogosphere :)
    Un bacio
    A presto
    Marlene
    P.S. - Per un pò quindi non ci sarai?

    RispondiElimina
  20. E chi dice che sotto la stagnola ci sia del cioccolato dolce? Mangio anche quello al peperoncino, non mi intimoriscono le novità, anzi voglio provarle tutte. Papille gustative permettendo...
    Buona disconnessione e ricerca, Antonio.

    RispondiElimina
  21. La parte sconosciuta potrebbe essere la sorpresa di Pasqua..

    RispondiElimina
  22. La profondità si trova più a suo agio nell'essenzialità piuttosto che nell'opulenza e in questo sei maestro... poche parole per dire tanto tanto...

    il bello dell'amore impossibile è non raggiungerlo, altrimenti diventa "possibile" e non ci piace più...
    un abbraccio

    RispondiElimina
  23. Hai tutta la mia adorazione...
    Baci e ventagli

    RispondiElimina
  24. bellissima immagine: la giacca azzurrina che tinge il cielo così che la sera qualche stella è diventata azzurrina !

    RispondiElimina
  25. Post...da leccarsi i baffi

    ciao! Mirco

    RispondiElimina
  26. Una descrizione irresistibile per un appassionato di cioccolato!

    RispondiElimina
  27. Fantastica questa maglietta!La voglio:)
    Poi se posso permettermi il mix giacca e maglietta lo adoro:D
    Ciao ciao,
    Ramal

    RispondiElimina
  28. ahahahahah

    la frase è simpaticissima con una sottile ambiguità ;-)

    RispondiElimina
  29. bellissimo mi piace molto l'espressione la glassatura del tempo..e concordo la parte che più ci attrae in una persona spesso è quella occulta
    il finale poi..
    In amore mi sono superato sempre. senza raggiungerti. è geniale :))

    RispondiElimina
  30. io cioccolato bianco
    lo adoro
    la maglietta firmata anonimo naturalmente dal tuo atelier poetico
    grazie jar :-)

    RispondiElimina
  31. Sante parole queste tue frasi!

    RispondiElimina